Ascoli-Pro Piacenza Sala stampa

Spread the love

altLovato: Addio ai sogni di gloria, la classifica ancora ci da speranze. Ma è evidente che ancora una volta abbiamo fornito una prestazione negativa, la stagione è fatta dal suo insieme non dobbiamo buttar via quello che è stato fatto di buono, la classifica ci consente di avere delle ambizione ma dobbiamo cambiare marcia in fretta. Abbiamo incontrato tutte squadre alla nostra portata e tutti hanno dato la dimostrazione di avere qualcosa in più di noi sulla corsa, l’impegno c’è stato ma ho visto anche una squadra confusa, spesso eravamo in difficoltà sia in avanti che a centrocampo. Dal punto di vista atletico dobbiamo recuperare brillantezza, ci sono dei giocatori palesemente stanchi. Ognuno ha il proprio ruolo e proprio compito. Non posso nascondere che qualcosa non va. Allenatore e staff non sono in discussione. Lo spogliatoio non è spaccato. Ma abbiamo perso via via gioco è giocatori per infortuni. Si è fatta dura. La curva è stata encomiabile non vogliamo andare contro i tifosi ma non ci piacciono atti violenti. Abbiamo rispetto nei loro se Bellini è venuto qui è per l’ambiente però al tempo stesso non accetta comportamenti violenti che non sono di tutta la tifoseria ma di alcuni, vanno solo ringraziati i tifosi che anche  oggi ci hanno sostenuto. Non riteniamo utile il  ritiro. Abbiamo bisogno di alleggerire la testa. Dobbiamo Sfruttare la pausa per recuperare qualche giocatore. Lo staff e l’allenatore non sono in discussione valuteremo alla fine della stagione.

Berrettoni . Il gol era importante trovarlo non siamo riusciti a concretizzare le occasioni. Quando attraversi un momento in cui non arrivano i risultati è difficile corriamo ma corriamo male, qualcuno che vuole essere più generoso va fuori posizione alcuni giocatori non hanno il ritmo partita e abbiamo concesso più di un’occasione all’avversario. Il mister la sta vivendo da professionista, possono capitare momenti difficili ma con l’unione si supera. Non ci nascondiamo ma abbiamo detto che attraversiamo un momento difficile. Il mister è una persona di carattere le critiche ci stanno, però stiamo parlando di una squadra nuova che è tutto l’anno che si gioca un campionato. L’impegno noi ce lo mettiamo sempre.”

Petrone. Non si può conoscere un gol del genere . Abbiamo concesso troppo spazio. Non c’è stata cattiveria nel possesso palla. Chirico Mustacchio non hanno ritmo gara.  Non riusciamo a trovare quella zampata che ci farebbe vivere uno stato d’animo migliore. Sto facendo il massimo. Giudicare il lavoro nel momento di difficoltà non è giusto.  Mi prendo le mie responsabilità, ma vi dico che il lavoro che stiamo facendo è meticoloso, ma paghiamo tutto a carissimo prezzo. Non sono disfattista, sto facendo di tutto, ma  la squadra è uscita stremata dalla gara.” Il nostro stato attuale è questo. Faccio i complimenti al Teramo, ma pensiamo solo a lavorare per noi stessi. Fino a quando la matematica non ci condanna, continuiamo a crederci.