Asd Monticelli – Andrea Petrucci: Con il Chieti è stata una partita in cui è successo di tutto

Spread the love

IMG_0003_Copy

Andrea Petrucci è tornato a parlare dopo il match con il Chieti della condizione della squadra e dell’importantissima sfida con il Castelfidardo. “Con il Chieti è stata una partita in cui è successo di tutto; la nostra è stata una grande reazione perchè non abbiamo mollato mai, neanche dopo la traversa di Daniele (Filliaggi) all’ultimo minuto. Qualsiasi altra squadra si sarebbe abbattuta ma noi abbiamo messo in campo tanto cuore e una grandissima voglia di fare risultato. Per come si era messa la partita era importante non perdere e ci siamo riusciti. Ora vincere domenica a Castelfidardo è fondamentale. Loro hanno cambiato mister ma conoscendo sia Bolzan che De Angelis credo che le caratteristiche della squadra rimangano le stesse: una squadra aggressiva che non ti permette di giocare, una squadra che deve vincere in casa per salvarsi. Non credo comunque sia una squadra in crisi, viene da un pareggio contro la Fermana, sicuramente non una partita semplice. Dopo il cambio di tecnico di solito i giocatori devono sempre dimostrare qualcosa, per questo giocheranno con il coltello tra i denti. Noi se ci mettiamo la stessa grinta e la forza caratteriale di domenica possiamo fare bene. Ora tutte le partite diventano fondamentali, noi non dobbiamo guardare in casa degli avversari ma solo a noi stessi e a pensare di fare risultato. Con il Chieti abbiamo corso tanto, eravamo un po’ affaticati ma pareggiare in questo modo al 95′ non può che darti morale. La squadra sta bene e la prestazione c’è sempre stata, siamo consapevoli dei nostri mezzi e faremo di tutto per arrivare alla salvezza. Io mercoledi ho avuto un problema in allenamento ma voglio esserci domenica, anche a costo di rischiare. La rosa è validissima ma non credo sia questo il momento di mollare, quindi proverò a scendere in campo domenica. Sto facendo le terapie e verificheremo giorno per giorno le mie condizioni per poi decidere tutti insieme”.Andrea Petrucci è tornato a parlare dopo il match con il Chieti della condizione della squadra e dell’importantissima sfida con il Castelfidardo. “Con il Chieti è stata una partita in cui è successo di tutto; la nostra è stata una grande reazione perchè non abbiamo mollato mai, neanche dopo la traversa di Daniele (Filliaggi) all’ultimo minuto. Qualsiasi altra squadra si sarebbe abbattuta ma noi abbiamo messo in campo tanto cuore e una grandissima voglia di fare risultato. Per come si era messa la partita era importante non perdere e ci siamo riusciti. Ora vincere domenica a Castelfidardo è fondamentale. Loro hanno cambiato mister ma conoscendo sia Bolzan che De Angelis credo che le caratteristiche della squadra rimangano le stesse: una squadra aggressiva che non ti permette di giocare, una squadra che deve vincere in casa per salvarsi. Non credo comunque sia una squadra in crisi, viene da un pareggio contro la Fermana, sicuramente non una partita semplice. Dopo il cambio di tecnico di solito i giocatori devono sempre dimostrare qualcosa, per questo giocheranno con il coltello tra i denti. Noi se ci mettiamo la stessa grinta e la forza caratteriale di domenica possiamo fare bene. Ora tutte le partite diventano fondamentali, noi non dobbiamo guardare in casa degli avversari ma solo a noi stessi e a pensare di fare risultato. Con il Chieti abbiamo corso tanto, eravamo un po’ affaticati ma pareggiare in questo modo al 95′ non può che darti morale. La squadra sta bene e la prestazione c’è sempre stata, siamo consapevoli dei nostri mezzi e faremo di tutto per arrivare alla salvezza. Io mercoledi ho avuto un problema in allenamento ma voglio esserci domenica, anche a costo di rischiare. La rosa è validissima ma non credo sia questo il momento di mollare, quindi proverò a scendere in campo domenica. Sto facendo le terapie e verificheremo giorno per giorno le mie condizioni per poi decidere tutti insieme”.