Comunicato stampa – EDDA CIANO Sabato 25 novembre 2017 ore 20.30 Teatro Ventidio Basso Ascoli Piceno

Spread the love
Sabato 25 novembre 2017 ore 20.30
Teatro Ventidio Basso
Ascoli Piceno

Stagione di prosa
Edda Ciano

 

testo e liriche Dino ScuderiElisabetta Tulli
musiche Dino Scuderi
regia e coreografie Roberto Rossetti
con Floriana Monici, Roberto Rossetti, Michele Carfora, Brunella Platania
Alessandro Casalino, Cristina Crescini, Enrico Verdicchio, Benedetta Morichetti, Francesco Properzi, Ilaria Gattafoni, Matteo Canesin, Silvia Gattafoni
assistenti alla regia Fabio Tartuferi, Alessia Torresi
assistente alle coreografie Ilaria Battaglioni
light designer Ulisse Ruiz
progetto fonico Lorenzo Chiusaroli (Ortlis)
scenografie Rudy Teodori
costumi Giulia Ciccarelli
produzione Compagnia della Marca

 

Per la serie di spettacoli “Incontri con la storia”. In un tipico caffè italiano degli anni ’50, intriso di voglia di dimenticare gli orrori della recente guerra, una piccola orchestrina accompagna una serata stanca che volge ormai al termine. A un tavolo è seduta la nostra protagonista: Edda Ciano Mussolini, che calata in un non-tempo teatrale è costretta in un’unica ambientazione scenica che fa da cornice a danze spumeggianti e canzoni, in un gioco delle parti fra lei, il marito Galeazzo, gli avventori, un cameriere e i musicisti della piccola orchestrina del Caffè. Edda rivive, o vive, o immagina, o è vittima dei fatti narrati. “Edda: Tra cuore e cuore” va assolutamente al di là del musical storico politico, prendendo in prestito i sapori e dissapori di un’epoca così incisiva per il mondo intero, al fine di raccontare il dramma di una donna incapace di salvare il proprio uomo, condannato alla pena capitale dal proprio adorato padre. Come in un piano sequenza cinematografico si conosce sempre di più l’animo di questa donna: volitiva, inappagabile, insofferente, coraggiosa, fragile, innamorata. Attraverso appassionanti melodie si narra della forza dell’amore oltre la guerra, il dolore, l’affetto filiale e quello che resta in un pirandelliano gioco delle parti con un finale mozzafiato – Dino Scuderi