Esce sconfitta dalla semifinale di Coppa Italia la M&G Videx Grottazzolina

Spread the love

Mobilya-Grottazzolina2

AVERSA – Esce sconfitta dalla semifinale di Coppa Italia la M&G Videx Grottazzolina, contro una Mobilya Aversa più lucida e grintosa nei momenti determinanti. Un match giocato a fasi alterne dalla Videx, colpevole di tanti, troppi errori e costretta ancora una volta a rinunciare a Claudio Paris, pedina fondamentale nello scacchiere di coach Ortenzi. Da segnalare, comunque, la grande prova dei centrali Salgado e Tomassetti, capaci di chiudere il match entrambi in doppia cifra (rispettivamente 13 e 12 punti).

Nel primo set è Aversa a partire in quarta, guadagnandosi immediatamente tre punti di vantaggio grazie anche ad un grande Cittadino a muro (4-1), ma la Videx si appoggia a Salgado che riporta la contesa sul pareggio (5-5). E’ una sfida equilibratissima: nella bolgia del Palajacazzi la Videx sbaglia poco e in attacco si dimostra efficace, portandosi avanti 11-8, ma subendo poi il rientro degli avversari (12-12). Al secondo time-out tecnico la squadra campana si presenta con due punti di vantaggio, per poi allungare gradualmente (22-19) e chiudere al primo set point: 25-21.

Nel secondo set, i grottesi tornano in campo con più convinzione, ma Aversa, trascinata dal suo pubblico non sembra avere intenzione di mollare e si procede punto a punto con piccoli strappi fino al 12-12. L’ace di Riccardo Vecchi porta le due squadre in panchina per il secondo time-out tecnico sul 16-14 per la Videx. Santangelo passa nel muro avversario e a seguire Hendriks ‘spara’ fuori e Aversa resta in scia (17-18). Grottazzolina batte bene e Aversa soffre: è Jo Salgado, con un preciso primo tempo, a regalare il primo set ball alla Videx (24-20). Finisce 25-21 per i ragazzi di Ortenzi, con un errore al servizio aversano.

Il terzo sembra ricalcare il precedente, per via dell’equilibrio che regna fino al time-out tecnico (8-7 Aversa), ma la formazione normanna alza il muro e tocca tutti gli attacchi, portandosi in breve sul +3 (10-7). La Videx sbaglia tanto e costringe Ortenzi ad utilizzare entrambi i time-out (19-14). Non basta l’apporto di Tomassetti, che sfodera uno show personale caratterizzato da primi tempi nei tre metri e muri impressionanti, Aversa chiude il set 25-20.

Quarto paziale che in apertura sembra sorridere alla Videx (4-2), ma che vede poi il recupero di Aversa, grazie al diagonale vincente di Santangelo (5-5). La Videx si presenta al primo tempo tecnico avanti 8-5, ma subisce poi un parziale di 6-0 che rimette tutto in gioco (11-8 Aversa). Due errori avversari e l’ace di Mattia Minnoni ristabiliscono la parità (11-11) e al secondo time-out tecnico del set la Videx è di nuovo avanti (16-14, ace di Vecchi). Grassano non ci sta ad allungare la sfida e piazza il muro del 17 pari. Aversa allunga grazie all’ace di Di Tommaso (19-17) e al primo tempo di Giacobelli (22-19). La Videx prova a rimanere in scia senza risultato: un errore al servizio di Riccardo Vecchi fissa il punteggio sul 25-22 e regala ad Aversa la finale di Coppa.

Alla Videx restano il rimpianto dei 40 errori commessi e una finale del 3°-4° posto da giocare domani pomeriggio (ore 17.30) contro la BCC Nep Castellana Grotte, sconfitta per 3-2 dalla Sol Lucernari Montecchio.

MOBILYA AVERSA – M&G VIDEX GROTTAZZOLINA 3-1

MOBILYA AVERSA: Grassano 10, Giacobelli 8, Santangelo 18, Libraro 13, Cittadino 6, Di Tommaso 1, Battista (l), Fabi, Fasulo. N.e.: Colarusso, De Caria, Magnani, Di Santi. All. Bosco -Tornese

M&G VIDEX GROTTAZZOLINA: Vecchi R. 14, Tomassetti 12, Hendriks 10, Thiaw 4, Salgado 13, Cecato 2, Gabbanelli (l), Minnoni 2. N.e.: Girolami, Pison, Paris, Vecchi E., Brandi. All. Ortenzi – Cruciani

Arbitri: Grassia-Noce.

Parziali: 25-21; 21-25; 25-20; 25-22.