Evento di solidarietà al Teatro Ventidio Basso In favore dei territori colpiti dal sisma 3 dicembre 2016, ore 19.30

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sabato prossimo (3 dicembre), nella splendida cornice del Teatro Ventidio Basso, si svolgerà un evento di solidarietà in favore dei territori colpiti dal sisma. L’iniziativa nasce dall’impegno di Notaract e nell’ambito di un ambizioso progetto che vede l’associazione notarile in prima linea per la costituzione di un fondo finalizzato a fornire microcredito alle popolazioni terremotate. Quest’ultimo, formato con i contributi degli imprenditori locali e di vari Consigli Notarili e Comitati Notarili Regionali di tutta Italia, sarà altresì alimentato proprio da iniziative come quella ideata al Massimo cittadino. E cioè attraverso la realizzazione di eventi culturali di prestigio che non mancheranno di stupire il pubblico presente per la qualità delle rappresentazioni messe in scena per l’occasione.
A partire dalle 19.30 di sabato, infatti, si alterneranno sul palco i solisti dell’Accademia di Santa Sofia, lo scrittore Maurizio De Giovanni che leggerà il racconto “Trema la terra” ed il soprano Donata D’Annunzio Lombardi, accompagnata al pianoforte da Isabella Crisante.  Il ricavato dello spettacolo verrà interamente devoluto al fondo per le imprese del Piceno colpite dal terremoto.  E’ possibile acquistare i biglietti presso la biglietteria del teatro Ventidio Basso o presso la libreria Rinascita, in piazza Roma n. 7.
Si ricorda che il progetto del microcredito promosso dal Notaract si avvale della collaborazione del Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Ascoli Piceno e Fermo e il contributo della Fondazione Ottavio Sgariglia Dalmonte. Inoltre, l’iniziativa ha trovato il pieno sostegno delle istituzioni cittadine. Hanno confermato la propria partecipazione al workshop di presentazione del fondo che si terrà sabato mattina, a partire dalle 9.30 a Palazzo dei Capitani, fra gli altri, il Vescovo di Ascoli Piceno, Monsignor Giovanni D’Ercole, il Prefetto Rita Stentella, il Vice Presidente della Regione Marche Anna Casini, il Sindaco Guido Castelli, che parteciperà alla tavola rotonda, il Presidente del Consiglio Notarile Distrettuale e Vice Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato Albino Farina e il Presidente della Fondazione Ottavio Sgariglia Dalmonte, Notaio Donatella Calvelli.
 
Informazione per i Gent.mi Giornalisti. Qualora desideraste, è possibile intervistare lo scrittore Maurizio De Giovanni. Chi volesse può rispondere a questa e-mail per avere i riferimenti telefonici.
 
Note sull’autore:
MAURIZIO DE GIOVANNI 
Maurizio de Giovanni nasce nel 1958 a Napoli, dove vive e lavora. Nel 2005 vince un concorso per giallisti esordienti con un racconto incentrato sulla figura del commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Il personaggio gli ispira un ciclo di romanzi, pubblicati da Einaudi Stile Libero, che comprende Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore e Anime di vetro. Nel 2012 esce per Mondadori Il metodo del Coccodrillo (Premio Scerbanenco), dove fa la sua comparsa l’ispettore Lojacono, ora fra i protagonisti della serie dei Bastardi di Pizzofalcone, ambientata nella Napoli contemporanea e pubblicata da Einaudi Stile Libero (nel 2013 è uscito il secondo romanzo della serie, Buio, nel 2014 il terzo, Gelo, nel 2015 il quarto, Cuccioli e nel 2016 il quinto, Pane). Nel 2014, sempre per Einaudi Stile Libero, de Giovanni ha pubblicato anche l’antologia Giochi criminali (con Giancarlo De Cataldo, Diego De Silva e Carlo Lucarelli). In questo libro appare per la prima volta il personaggio di Bianca Borgati, contessa Palmieri di Roccaspina, sviluppato in Anime di vetro. Nel 2015 è uscito per Rizzoli il romanzo Il resto della settimana. Per Einaudi è uscito nel 2016 Il metodo del coccodrillo. Tutti i suoi libri sono tradotti o in corso di traduzione in Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, Russia, Danimarca e Stati Uniti. De Giovanni è anche autore di racconti a tema calcistico sulla squadra della sua città, della quale è visceralmente tifoso, e di opere teatrali.
 
Note sull’artista:
DONATA D’ANNUNZIO LOMBARDI
Premiata con il prestigioso l’Albo Oro Puccini dal Festival Puccini di Torre del Lago, per le sue performances nei ruoli di Musetta e Mimì (La Bohème), Magda (La Rondine), Liù(Turandot), Cio-Cio-San (Madama Butterfly), Suor Angelica (Suor Angelica).
Donata D’Annunzio Lombardi è riconosciuta come una delle principali interpreti di eroine pucciniane per le sue doti vocali e attoriali. 
Tra i ruoli più importanti del suo repertorio, ricordiamo anche: Maria Stuarda (Maria  tuarda), Antonina (Belisario), Desdemona (Otello), Madama Cortese (Viaggio a Reims), Violetta (La Traviata), Micaela (Carmen), Adalgisa (Norma), Emmy in Der Vampyr (Marschner), Thérèse (Les mamelles de Tirésias) e La Demoiselle in La Demoiselle Elue di debussy.
Grazie alle spiccate doti sceniche e agli studi giovanili presso la prestigiosa scuola di danza di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu, inizia la sua carriera affrontando con disinvoltura anche il repertorio operettistico rivelandosi in breve tempo fine interprete di personaggi quali: Anna Glavary ne La Vedova Allegra di F. Lehár, Hélene ne La bella Elena di Offenbach,Mary Lloyd ne La Duchessa di Chicago di Kálmán, Cin-Ci-Làdell’omonima operetta di V. Ranzato, Adele ne Il pipistrello di J. Strauss. Si è esibita nei più prestigiosi teatri in Italia e all’estero: Teatro alla Scala, Teatro Regio di Torino, Teatro Massimo di Palermo, Arena di Verona, Teatro Regio di Parma, Teatro Comunale di Firenze, Teatro San Carlo di Napoli, Michigan Opera Theater di Detroit, Opernhaus di Zurigo, Théâtre des Champs Elysées, Teatro Royal di Versailles, Théâtre du Chatelet, Staatstheater di Stoccarda, Mann Auditorium di Tel Aviv e la Royal Opera House Muscat, Sultanato dell’Oman. Ha collaborato con direttori quali: N. Bareza, O. Caetani, W. Humburg, A. Guingal, D. Renzetti, Lu Jia, E. Pidò, D. Oren, A. Veronesi, B. Bartoletti, J-C. Malgoire, Z. Pesko, J. Tate, R. Abbado, E. Queler, L. Maazel e P.Domingo; e ha lavorato con registi come: F. Zeffirelli, F. Zambello, J. Savary, G. Landi, L. Puggelli, L. Mariani, G. Patroni Griffi-M. Scaparro, J. Miller, W. Decker e PL Pizzi. Tra i numerosi premi assegnati, sottolineiamo il prestigioso Les Victoires de la Musique Classique, presso il Théâtre du Châtelet di Parigi, accanto a J-C. Malgoire, per la purezza della linea vocale nelle sue esecuzioni mozartiane.
Altri premi: vincitrice del Concorso ”Mattia Battistini”; Premio della Critica “Domenico Danzuso”, presso il Teatro Bellini di Catania; “Migliore cantante dell’anno 2012” Festiva Donizetti, per le sue interpretazioni di Antonina nel Belisario e Maria Stuarda in Maria Stuarda. 
La vittoria, già ad inizio di carriera, del primo premio assoluto al Concorso Internazionale “Francesco Paolo Tosti”, la elegge preziosa divulgatrice a livello internazionale del genere musicale della romanza da salotto. Esegue numerosi concerti in tutto il mondo, tra i quali ricordiamo un prestigioso concerto presso il Teatro Alla Scala. È membro onorario dell’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona (CH).
Gli impegni recenti e futuri: Desdemona in Otello di Verdi eSuor Angelica al Teatro Carlo Felice di Genova; il suo debutto americano al Michigan Opera Theater di Detroit come Liù eCio-Cio-SanAdriana Lecouvreur al Teatro Comunale di Sassari; Aida con la regia di F.Zeffirelli; Liù con l’Arena di Verona alla Royal Opera House in Oman; Suzel ne L’Amico Fritz al Teatro Carlo Felice di Genova; Mimì (La Bohème) presso Astana Opera – Kazakistan; Contessa ne Le Nozze di Figaro presso il Teatro dell’Opera di Roma.
La sua attività musicale è affiancata dalla ricerca culturale e musicologica: consegue la laurea in Storia della Musica con lode presso l’università ”La Sapienza” di Roma con una tesi sul fraseggio di Puccini e successivamente la laurea in Psicopedagogia, sempre con lode, presso l’università degli studi di L’Aquila con una tesi sulle distorsioni percettive nel mondo dell’opera lirica. In seguito agli studi approfonditi nella “Laurea in Scienze dell’Educazione”, Donata D’Annunzio Lombardi ha sperimentato un nuovo metodo tecnico-vocale di tipo “olistico”, riferito alla energia totale delle funzioni psicofisiche impiegate dal cantante d’opera nelle sue performances. Tale metodo è stato sperimentato sistematicamente e ha riscontrato pieni consensi su centinaia di studenti, con i quali Donata D’Annunzio Lombardi ha svolto: il I Ensemble Opera Studio presso il Teatro Carlo Felice di Genova e diversi master, in Giappone presso l’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, e a New York, presso la Manhattan School of Music, la Mannes School e presso The National Opera Center con la Classic Lyryc Arts.
 
Note su L’ORCHESTRA DA CAMERA “ACCADEMIA DI SANTA SOFIA”
L’Accademia di Santa Sofia porta avanti nel tempo un percorso artistico di grande rilievo, fortemente votato alla valorizzazione del territorio ma al contempo proiettato e perfettamente inserito nello scenario cuturale nazionale. Dal 2010 l’Accademia, che opera sotto l’alto patronato del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, svolge un’intensa attività concertistica la cui sede privilegiata è la Basilica Monumentale di San Bartolomeo Apostolo a Benevento. 
 
 
 
 
Dott.ssa Donatella Felici
 >> Servizi di Comunicazione Istituzionale – URP e Ufficio Stampa 

 
Print Friendly, PDF & Email