FABIO CARBONI (Presidente Provinciale Fipav Ascoli Piceno Fermo): “Vetrina di pregio per i tanti giovani. Grazie alle amministrazione che sostengono i nostri progetti”

Spread the love

Sei partite (tutte al femminile) daranno il là al campionato di prima divisione 2106/2017 del Comitato Provinciale FIPAV Ascoli Piceno Fermo. Sabato 22 ottobre taglia il nastro un campionato che si distinguerà dai precedenti per l’elevata presenza in campo di giovanissimi: “frutto di un esperimento che ha funzionato” commenta soddisfatto il Presidente provinciale FIPAV Fabio Carboni. “Da diversi anni la federazione si attiva per la diffusione capillare della pallavolo come sport e come catalizzatore di valori positivi.” I risultati di tanti sforzi sono tangibili quest’anno più che mai: sono una costante più che una rarità i giocatori classe 2000 che affronteranno il campionato di vertice provinciale”.

Un circuito che si rinnova e un’occasione per le giovani leve di mettersi alla prova in un torneo impegnativo, con la possibilità di saltare su un trampolino che “li potrebbe condurre direttamente in serie D, C o B, dato che molte società hanno squadre sia nella Prima Divisione che nei campionati regionali e nazionali”.

Nel girone A fa il suo esordio sui campi della prima divisione la Massimo Savio Family Banker squadra di una città, Grottammare, che vede ben due formazioni schierate ai nastri di partenza: oltre a quella citata, alias 43° Parallelo, anche la storica UTEC del Grottammare Volley. Scalda i motori lungo la fascia costiera anche l’Athena Volley SBT di Porto d’Ascoli, che si pone obiettivi stagionali importanti. La vallata del Tronto è ben rappresentata poi dalla Tombolini Motor Company Pagliare e dalla Ciù Ciù Offida Volley, fino ad arrivare al capoluogo di provincia che vedrà nel derby tra la Scenic Le Querce e la Libero Volley la sfida clou della pallavolo femminile ascolana.

Nel girone B la novità è data dall’Ura.Gano Volley, un progetto per valorizzare le giovani creato in sinergia tra il Circolo Volley Monte Urano e la Primavera Volley di Montegranaro. Nel distretto calzaturiero spiccano anche la Emmont Volley di Casette d’Ete, che lo scorso anno ha visto sfuggire all’ultimo la promozione in serie D, e il Torre San Patrizio Volley che riparte dalla prima categoria con un gruppo giovane dopo una stagione trascorsa nel campionato nazionale di B2.
Ai nastri di partenza anche vecchie conoscenze nella categoria come la Idropompe di Fermo e l’Offertevillaggi.com di Porto San Giorgio, mentre a tenere alto la zona interna del fermano ci saranno nuovamente la Dum Volley Servigliano e la Gibas Amandola.

Segnerà questa stagione anche il grande sostegno delle amministrazioni comunali: “Come Presidente FIPAV per le province di Ascoli Piceno e Fermo, sono orgoglioso nel vedere il duro lavoro di questi anni premiato dalle amministrazioni comunali che hanno accolto tutte le nostre iniziative con pieno entusiasmo”. Iniziative a trecentosessanta gradi, diffuse sul territorio e destinate a un pubblico sempre più vasto. Ne è un esempio il progetto “Ragazzi di Classe” che vede allenatori e giocatori delle società affiancare gli insegnanti della scuola pubblica, con il comune obiettivo di far giocare e divertire i giovani avvicinandoli alla pratica sportiva. Altra iniziativa di spicco della Federazione è il corso arbitri che anche quest’anno permetterà di formare fischietti capaci di confrontarsi con i campi più impegnativi.

Il tabellone femminile della prima divisione conta quattordici squadre divise in due gironi: sei partire partite a settimana per decretare quali saranno le otto squadre che si contenderanno la promozione e quali saranno le sei che lotteranno per rimanere in Prima Divisione.

Nell’attesa di conoscere anche i protagonisti del campionato maschile, che partirà nel weekend del 29 e 30 ottobre, occhi puntati al primo weekend di gare in programma:

Girone A
Libero Volley – Utec Grottammare

Tombolini Motor Company Pagliare – Scenic Le Querce Monticelli

Tecno Athena Volley Sbt – Ciù Ciù Offida Volley

Girone B

Torre Volley – Idropompe

Emmont Volley – Ura.Gano Volley

Gibas Amandola – Dum Volley

A fine campionato tre squadre lasceranno la prima divisione: una festeggiando l’ingresso nella serie D, due sopportando l’amarezza del fare un passo indietro.