Fenati ottavo al GP d’Argentina con lo Sky Racing Team VR46

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

26f79d19-aca1-4573-82bb-2f43d2921cccTermas de Rio Hondo, 19 aprile 2015. Strepitosa rimonta di ben 26 posizioni e ottavo posto finale per Romano Fenati al Gran Premio d’Argentina. In gara, il pilota dello Sky Racing Team VR46, partito dall’ultima fila, è riuscito ad attaccarsi al treno di testa a pochi minuti dal via.

Sorpasso dopo sorpasso, con una staccata finale che gli è valsa l’ottava posizione, è riuscito a terminare anche stavolta tra i primi 10. Il risultato fa seguito a un brutto episodio accaduto al warm up, per il quale Fenati ha chiesto scusa subito dopo la gara. Nella sessione di prova che ha preceduto la partenza, infatti, Romano è entrato in conflitto con Niklas Ajo. Inevitabile la sanzione Dorna: partenza dall’ultima fila e 3 punti sul carnet personale. Andrea Migno chiude al 17° posto, in difficoltà a causa del calo gomme. Dopo una buona partenza non è riuscito a rientrare nel gruppo dei primi 15, ma confida già nella prova di Jerez.

 

 

I COMMENTI DEI PROTAGONISTI PABLO

 

9d856861-748e-4a8a-9dde-4f7bf7f91db7NIETO / Team Manager Prima di tutto dobbiamo chiedere scusa a Niklas, un episodio come questo non dovrebbe mai succedere, neanche quando c’è di mezzo tanta adrenalina. Abbiamo sbagliato, ma l’aspetto più importante è che Romano abbia riconosciuto il proprio errore chiedendo scusa. Dall’altra parte, la gara è stata molto bella, Romano partiva ultimo ed è finito tra i primi 10. Posso fargli solo i miei complimenti, anche se mi dispiace perché se fossimo partiti dalla terza fila forse avremmo finito più avanti. Andrea ha fatto una buona gara, ma non ha avuto molta fortuna con la gomma, che cominciava a scivolare. Non ha potuto chiudere anche stavolta tra i primi 15, ma ci possiamo lavorare. Lui lo sta facendo molto bene, anche in ottica Jerez, una pista che già conosce. Per lui era la prima volta in Argentina e credo che possa dirsi soddisfatto per com’è andata nel complesso.

 

2b76416a-4c6c-42cc-8559-312c73b36f7dROMANO FENATI / Pilota E’ stata una grande gara, con una rimonta incredibile. Ma al warm up ho sbagliato, riconosco di aver esagerato e mi dispiace per quanto successo. Innanzitutto mi scuso con Ajo e con il suo team. Ma chiedo scusa anche al mio, che ha lavorato bene per tutto il weekend e sicuramente non meritava di partire ultimo. Cercheremo di migliorare anche dal punto di vista della “testa”. È stato un passo falso che abbiamo pagato, ma la moto era a posto e sono riuscito a venire su molto forte, di questo sono davvero contento. Abbiamo un bel pacchetto da cui ripartire per Jerez. La gara è stata sempre un po’ a rischio perché abbiamo finito le gomme alla metà dei giri totali. Ho avuto la meglio all’ultima staccata e ne sono felice. Ripartiamo dalla prestazione di oggi e da questa ottava posizione per crescere ancora grazie al duro lavoro e al gioco di squadra.

 

ANDREA MIGNO / Pilota Avrei potuto fare molto di più, peccato per la gomma, che è calata a metà gara.a1ca8ff0-1ecc-47ac-9e23-717d67f479cf Abbiamo lavorato davvero tanto in questo weekend, costruendo una buona base per ripartire con convinzione dal prossimo appuntamento di Jerez, una pista che già conosco. Termas de Rio Hondo, 19 aprile 2015. Strepitosa rimonta di ben 26 posizioni e ottavo posto finale per Romano Fenati al Gran Premio d’Argentina. In gara, il pilota dello Sky Racing Team VR46, partito dall’ultima fila, è riuscito ad attaccarsi al treno di testa a pochi minuti dal via. Sorpasso dopo sorpasso, con una staccata finale che gli è valsa l’ottava posizione, è riuscito a terminare anche stavolta tra i primi 10.

 

GP de la Republica Argentina with the Sky Racing Team VR46 Romano apologizes to Ajo for the nasty incident during the warm up session. Tyres problems for Migno, 17th Termas de Rio Hondo, April 19, 2015. Enthralling comeback for Romano Fenati pulling back 26 positions and finishing 8 at the GP Red Bull de la República Argentina. The rider of the Sky Racing Team VR46, starting last, managed to stay behind the front pack just a few minutes into the race. With overtaking as his must and his last attempt in letting off the throttle, he clinched 8th spot, once again managing to finish in the top ten. The result followed a nasty incident happened during the warm up and for which Fenati apologized immediately after the race. In the testing session before the start, in fact, Romano clashed with Niklas Ajo and could not avoid a sanction: a start from the last spot on the grid and 3 penalty points. Andrea Migno finishes 17th, struggling because of the poor tyres condition. After a good start he did not manage to finish among the first 15, but he is already looking forward to doing better in Jerez. 

THE TEAM PABLO NIETO / Team Manager First of all we have to apologize to Niklas, incidents like this should never happen, not even when there is so much adrenaline involved. We made a mistake, but the most important thing is that Romano acknowledged it by apologizing. Nonetheless, it was a great race as Romano started last but was able to finish in the top 10. I congratulate him, even if I am sorry about what happened in the warm-up, as if we had started from the third row we might have got farther ahead. Andrea rode a good race, but he was not very lucky with the tires which were starting to slide. He could not finish among the top 15, but we can work on that. He is doing a great job, also ahead of the GP in Jerez, a track he already knows. For him it was the first time in Argentina and I think he can be satisfied for how things went on the whole.

ROMANO FENATI / Rider It was a great race with an enthralling comeback. Unfortunately I made a mistake during the warm-up, I admit I went a bit too far and I am sorry about it. First of all I would like to apologize to Ajo and his team. But I also apologize to my team that has worked well all the weekend long and certainly did not deserve to get away from the last spot. We will also try to improve at psychological level to check impulsiveness. It was a false step we paid dearly, but the bike was okay and I managed to push hard and fight back and I am very happy about it. We have a good basis on which to build on ahead of Jerez. The race was always hanging by a thread because we had worn out the tires with half of the laps to go. I got the better the last time I let off the throttle and I am happy about it. We’ll be looking forward to next race to try and improve further thanks to hard work and team effort.

ANDREA MIGNO / Rider I could have done much better, too bad for the tyre whose condition dropped halfway through the race. We have worked really hard this weekend, laying down solid foundations on which to build from next GP in Jerez, a track I already know.

Print Friendly, PDF & Email