Fervono gli ultimi preparativi in vista dell’edizione 2017 della tradizionale e imperdibile festa del Santissimo Crocifisso dell’Icona

Spread the love

Fervono gli ultimi preparativi in vista dell’edizione 2017 della tradizionale e imperdibile festa del Santissimo Crocifisso dell’Icona, nel quartiere ascolano di Porta Romana, in programma dal 24 giugno al 2 luglio. Tante saranno le novità che caratterizzeranno questa edizione, presentate ieri dal presidente del comitato festeggiamenti Maurizio Provinciali e dal parroco don Beniamino Ricciotti.

Innanzitutto, spicca il fatto che dopo tanti anni gli appuntamenti di carattere religioso non si svolgeranno all’interno della chiesa del Santissimo Crocifisso, in quanto ancora inagibile e chiusa a causa del terremoto, bensì nella chiesa della Madonna del Buon Consiglio, che si trova in corso Mazzini e che è stata restituita alla collettività dalla stessa parrocchia di Porta Romana. “Spesso confusa con la vicinissima chiesa di Sant’Andrea, questa struttura è rimasta chiusa per tanti anni, ma il terremoto è stata l’occasione per riaprirla al culto – spiega don Beniamino -. Purtroppo la chiesa del Santissimo Crocifisso, al momento, è poco più di un cantiere e in questi mesi siamo stati costretti a traslocare, trasferendo tutto in quest’altro edificio, che però è di notevole pregio e siamo comunque felici di essere riusciti a restituirlo alla popolazione”. “Il programma di questa edizione della festa è molto ricco – prosegue Maurizio Provinciali – e abbiamo ideato anche diverse manifestazioni rivolte ai giovani, per cercare di coinvolgere più persone di ogni fascia di età”.

Per quanto riguarda il programma religioso, il momento clou è rappresentato dalla processione celebrata dal vescovo Giovanni D’Ercole, con l’effige del Santissimo Crocifisso, il 2 luglio alle 18.30. Dopo la messa, la processione partirà dalla chiesa della Madonna del Buon Consiglio, per poi girare in via Tullio Lazzari e attraversare Corso di Sotto, via Soderini, via delle Donne, via Cairoli, via del Trivio, piazza Roma, via Dino Angelini e piazza Di Cecco. Poi si arriverà nel piazzale antistante la chiesa del Santissimo Crocifisso. Il primo luglio, invece, alle 18 si svolgerà l’omaggio floreale a Gesù Crocifisso da parte dei bambini.

Per quanto riguarda il programma civile, invece, ce n’è per tutti i gusti. Si comincerà il 24 giugno alle 18 con il torneo di biliardino e quello di burraco a coppie. Lo stesso giorno prenderà il via anche il torneo di calcio a 5, che si concluderà il 30 giugno. Alle 19.30, poi, aprirà i battenti la 21esima edizione della sagra della pasta all’amatriciana e degli arrosticini, che proseguirà fino al 2 luglio. Tutte le sere ci saranno tantissime specialità da gustare. Ogni giorno resterà aperta anche la pesca con ricchissimi premi in palio per i più fortunati. La serata inaugurale della festa, infine, si chiuderà con lo spettacolo della “Stefano Band” alle 21. Il 25, sempre dalle 21, ci sarà il concerto del gruppo di liscio “Maurizio e Riccardo”, mentre il 26 giugno spazio alle migliori cover di musica pop con i “Duedarte”. La serata successiva toccherà al magico organetto di Luca Bachetti. Molto importante, poi, sarà la serata del 28 giugno, dedicata a tutti i bambini, che potranno cenare gratis (da 0 a 13 anni) nei tendoni della sagra. Alle 18 ci saranno i giochi gonfiabili, mentre alle 21 andrà in scena lo spettacolo del “Circo Takimiri”. Il tutto è stato reso possibile dalla collaborazione tra il comitato festeggiamenti e la sezione ascolana dell’Avis, con il rapporto che va avanti ormai da diversi anni. Il 29 giugno si svolgerà il contest musicale rivolto alle giovani band del territorio, il 30 giugno si ballerà con la musica di “Giovanni e Cinzia” e il primo luglio a salire sul palco saranno gli “Outlet”. Infine, il 2 luglio si esibiranno in piazza “Lui e gli amici del re”, un gruppo ormai celebre in tutto il mondo che riproporrà i migliori successi di Adriano Celentano. Nel corso della settimana di festa, infine, verrà allestito anche uno stand per la vendita dei prodotti tipici realizzati dalle aziende terremotate del territorio.