Festa Bella: domani alzata dell’albero

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

taglioalberoLa terza edizione dell’Ecotrail Pietro Camacci è stata vinta dall’ascolano Giulio Monti, oltre 150 i partecipanti alla gara podistica che ha ripercorso i sentieri del pastore Serafino ideato da Pietro Germi. Domani 17 agosto alle ore 17 proseguono i festeggiamenti con la tradizionale “alzata del palo”.

 

 

SPELONGA DI ARQUATA – Una settimana di intensi festeggiamenti per l’arrivo del palo in paese, legati anche a manifestazioni correlate al rito dell’albero: si è avsolta nel pomeriggio di oggi 16 agosto, la terza edizione della gara podisitica “Memorial Pietro Camacci”, Ecotrail sui colli di Serafino, nella quale importanti professionisti nazionali ed internazionali del settore, hanno battuto i percorsi del famoso personaggio creato dal genio di Pietro Germi, in un percorso misto di circa 13 km.

La gara è stata vinta per le categorie Uomini: l’ascolano Giulio Monti (54’50’’) Walter Tarquini,  squadra Avis Controguerra (57’.11’’), Davide Marcantano squadra Atl.Civitanova (58’20’’);
Categorie donne:
Primo posto per la campionessa nazionale, supportata dalla squadra Avis Ascoli Marathon Alessandra Carlini (59’54’’).08), medaglia d’argento per Rita Mascitti, squadra Atl. Avis San Benedetto (1.07’30’’) e terzo posto sul podio femminile per Alessandra Luzi, della squadra Comodo Sport (1.07’48’’).

La serata è proseguita con la tradizionale sagra della Pasta alla Lepanto: nata da un’idea dello chef  spelongano Franco Di Vittori, ormai da 12 anni il piatto fa parte della tradizione culinaria dei festeggiamenti della Festa.

Ma la data più importante riguarda domani 17, quando alle ore 17 circa, il palo sarà finalmente issato al centro della piazza del paese e vi verrà costruita attorno la struttura della nave. La serata proseguirà sulle note degli Echoes, tribute band dei Pink Floyd, e con le note disco del dj della riviera Gianni Schiuma.
Tutto il borgo arquatano, nel frattempo, si sta “vestendo a festa”, addobbando le vie e gli anfratti con degli archetti composti da rami di abete intrecciati, decorati con cardi e fiori tipici del luogo.
La fantasia, la precisione e la bellezza di questi archetti sarà una delle categorie che concorrerà per la vittoria del Palio dei 4 Rioni.

Print Friendly, PDF & Email