IL PUNTO SULLA 38^ GIORNATA LEGA PRO – GIRONE B

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

altIl Teramo (75 p) chiude la sua cavalcata verso la serie B con il pareggio interno (2-2) contro l’Ascoli (71 p). Nella classica partita di fine stagione senza obiettivi e dai ritmi blandi, il Picchio ha chiuso in vantaggio la prima frazione di gioco grazie alle reti di Berrettoni (al 6° gol in campionato) e Tripoli (al 2° gol in campionato con la casacca bianconera), a cui ha fatto seguito la rete dei padroni di casa realizzata da Donnarumma (al 22° gol in campionato).

Nella ripresa i padroni di casa hanno impattato ancòra con Donnarumma (al 23° gol in campionato) ed hanno avuto la chance di conquistare i 3 punti quando, a circa 10 minuti dal termine, è stato concesso loro un calcio di rigore per un fallo da ultimo uomo di Cinaglia (espulso nell’occasione) su Lapadula: il tiro di quest’ultimo è stato respinto dal portiere Ragni. Da segnalare che i bianconeri hanno erano privi di ben 7 calciatori a rischio squalifica per i play-off nel caso avessero collezionato l’ennesimo cartellino giallo: Lanni, Mengoni, Addae, Altobelli, Grassi, Altinier e Perez; Mustacchio e Carpani, anch’essi diffidati, hanno giocato una parte dell’incontro.

La Reggiana (65 p) viene battuta (0-2) fra le mura amiche dalla Spal (62 p). In un incontro privo di significati i padroni di casa, in formazione ampiamente rimaneggiata in vista dei play-off da affrontare, non sono mai stati in grado di impensierire la retroguardia avversaria. Gli estensi, dal canto loro, hanno realizzato una rete per tempo: nel primo è stato Gentile (al 2° gol in campionato) a segnare la marcatura; nel secondo è stato Zigoni (all’11° gol con la casacca biancoceleste) a raddoppiare.

Il Pisa (59 p) è uscito con le ossa rotte (5-1) dalla trasferta di Forlì (43 p). In un match dove la differenza è stata fatta dalle motivazioni, i padroni di casa hanno chiuso la prima frazione di gioco avanti di 2 reti: le marcature di Melandri (al 10° gol in campionato), Morga (al 2° gol in campionato) su calcio di rigore e l’autogol di Beretta erano state intervallate dalla rete di Caponi (al 1° gol in campionato con la casacca nerazzurra); nella ripresa ancòra Melandri si è reso protagonista, realizzando una doppietta (11° e 12° gol in campionato). Nonostante la vittoria, per salvarsi i romagnoli dovranno passare attraverso la disputa dei play-out.

L’Ancona (57 p) si sbarazza (2-0) senza problemi de l’Aquila (54 p) nello scontro diretto per la sesta posizione in classifica. Ai dòrici bastano meno di dieci minuti all’inizio del primo tempo per realizzare le reti della vittoria e avere la meglio su una squadra ormai in disarmo: D’Orazio (al 4° gol in campionato) e Bacchetti (al 2° gol in campionato) sono stati gli autori delle marcature, al cospetto di una difesa avversaria perlomeno imbarazzante.
Il Tuttocuoio (50 p) viene sconfitto (1-2) in casa dal San Marino (36 p) che, nonostante la vittoria, retrocede in serie D. In un match a senso unico totalmente appannaggio degli ospiti i “titani” sono andati al riposo in vantaggio di una rete, quella realizzata da Sensi (all’8° gol in campionato): poi all’inizio della ripresa Soligo (al 1° gol in campionato) ha raddoppiato. Nei minuti di recupero, i padroni di casa hanno accorciato le distanze grazie a Colombo (al 12° gol in campionato).

Pontedera e Lucchese chiudono il campionato appaiate a quota (48 p), ma per miglior differenza reti negli scontri diretti sono i granata a conquistare l’ultimo posto valido per l’accesso alla Tim Cup 2015-2016.

Il Pontedera è stato sconfitto (2-1) in casa del Santarcangelo (44 p), che resta in Lega Pro. Guidone (all’11° gol in campionato) su calcio di rigore nel primo tempo e Obeng (al 4° gol in campionato) all’inizio della ripresa sono stati gli autori delle marcature che hanno incanalato il match a favore dei padroni di casa. Il neo-entrato De Cenco (al 4° gol in campionato con la casacca granata) ha accorciato le distanze per gli ospiti.

La Lucchese ottiene un pareggio (1-1) sul campo della Pro Piacenza (37 p), che disputerà i play-out a causa della penalizzazione di 8 punti inflittagli ad inizio stagione. Dopo un primo tempo chiuso a reti inviolate, la ripresa ha proposto subito il vantaggio dei padroni di casa: Speziale (al 5° gol in campionato) è stato l’autore della marcatura. Quando sembrava che i piacentini avessero in mano i 3 punti, dopo che avevano appena colpito una traversa ed un palo, hanno subìto l’inaspettata rete del pari ospite: a realizzarla è stato il neo-entrato Benedetti (al 1° gol in campionato).

Il Grosseto (46 p) chiude il campionato con una sconfitta (2-3) fra le mura amiche con il Gubbio (43 p), che non evita di dover disputare i play-out. Nel primo tempo gli umbri in vantaggio con D’Anna (al 3° gol in campionato), sono stati raggiunti da Torromino (al 15° gol in campionato) che ha ribadito in rete una deviazione sul palo del portiere Iannarilli, in seguito ad un calcio di rigore da lui stesso tirato. Nella ripresa gli ospiti sono tornati subito in vantaggio grazie a Guerri (al 2° gol in campionato) ed attorno alla mezzora di gioco hanno triplicato con Vettraino (al 2° gol in campionato). Poco prima del fischio finale, il neo entrato De Feo (al 1° gol in campionato con la casacca biancorossa) ha trasformato il secondo calcio di rigore assegnato ai padroni di casa: quindi, nel recupero, i maremmani hanno sfiorato di raggiungere il pareggio, colpendo una traversa con Gambino.

In zona salvezza a quota (44 p), assieme al Santarcangelo hanno chiuso il campionato Carrarese, Prato e Pistoiese.

Nello scontro diretto, la Carrarese ha perso (0-1) in casa contro il Prato. In una partita totalmente appannaggio degli ospiti che dovevano assolutamente conquistare i 3 punti per ottenere la salvezza diretta, i lanieri hanno capitalizzato al meglio l’occasione capitata sui piedi di Rubino (al 7° gol in campionato) all’inizio della ripresa. I padroni di casa non si sono mai resi pericolosi dalle parti dell’area avversaria.

La Pistoiese ha impattato (2-2) nel match casalingo contro il Savona (38 p). Dopo che attorno alla metà del primo tempo erano sotto di 2 reti quelle realizzate da Sanna (al 1° gol in campionato) ed Eguelfi (al 1° gol in campionato), i padroni di casa hanno raddrizzato l’incontro grazie alla concessione di 2 calci di rigore, uno per tempo: il primo è stato trasformato da Piscitella (al 7° gol in campionato), il secondo da Di Bari (al 3° gol in campionato). I liguri dovranno disputare i play-out per evitare la retrocessione nei Dilettanti.

Domenica 17 maggio inizieranno i play-off in turno unico e l’Ascoli affronterà la Reggiana al “Del Duca” alle ore 16. Per quanto riguarda gli altri incontri, Benevento – Como si disputerà sabato 16 maggio alle ore 17; Bassano – Juve Stabia domenica 17 maggio alle ore 15; Matera – Pavia domenica 17 maggio alle ore 17.

Mauro Di Virgilio

 

Print Friendly, PDF & Email