LA MANIPOLAZIONE NELLA COPPIA – come liberarsi dalle altrui manipolazioni e dalle “nostre”.

Spread the love

Venerdì 18 Giugno presso la Sala Consiliare del Comune di Amandola, dalle ore 18:30 si terrà un Laboratorio Esperienziale col Professor Franco Nanetti dal tema: LA MANIPOLAZIONE NELLA COPPIA – come liberarsi dalle altrui manipolazioni e dalle “nostre”. Il prof. Franco Nanetti, psicoterapeuta di fama internazionale, autore di molteplici pubblicazioni, in questo laboratorio esperienziale dal costo di soli 30euro, mira a fornire strumenti e consapevolezza su un importante aspetto della vita di relazione che vede coinvolta profondamente la persona e i suoi limiti.In poche parole una grande occasione di crescita.

 Il Professor Franco Nanetti ci illustrerà ad esempio le relazioni che nella manipolazione perdono di veridicità. Verrà illustrato come nella relazione di malafede, i partner mantengono il controllo del rapporto, occultando, consapevolmente o meno, le proprie intenzioni. cioè il mantenimento del potere viene determinato da strategie comunicative e da fini dichiarati che non corrispondono alle intenzioni più profonde. Da qui la mancanza di desiderio, la diffidenza. la pretesa rabbiosa, la manipolazione attraverso la compiacenza o il vittimismo quali espressioni di modalità relazionali che altro non sono che il tentativo estremo di barattare la sicurezza o il progetto per amore o impegno e che corrispondono al tentativo estremo di nascondere dietro questioni apparentemente nobili (la decisione di amarsi per tutta la vita o l’amore per i figli) la vergogna indicibile del proprio limite. Da qui anche il proliferare di relazioni apparentemente stabili ma insoddisfacenti.

Dal momento che chi strumentalizza non può mai entrare profondamente in intimità con l’altro, smascherati i giochi di potere (quando vengono smascherati!) non resta che una profonda delusione per un rapporto.

 

 

(ESTENSIONE 1)

 

Il professor Nanetti ci dirà quanto spesso l’amore viene implorato nella forma diretta attraverso la pretesa, nella forma indiretta tramite la manipolazione (il vittimismo, la sollecitudine eccessiva, fidealizzazione adorante), per trovare rifornimenti narcisistici alla propria bassa autostima. In questo caso l’infatuazione che ci porta al bisogno dell’altro scaturisce dal poco amore verso se stessi.

Spesso diventiamo ossessivi, esigenti, pretenziosi, compiacenti, tiranni e succubi, semplicemente perché non ci amiamo, non ci stimiamo e non ci accettiamo per quello che siamo.

Nella simbiosi si sta insieme per tutelarsi e non per amarsi.

L’unica strada per trovare il vero amore sta nel dialogo, nell’effettiva possibilità di ascoltare l’altro, perché possa raccontarci le parti sconosciute di noi, senza soffocarlo con il nostro bisogno

di conferme e sicurezza.

Non chiamiamo amore ciò che è solo dipendenza, altrimenti non impareremo mai ad amare.

Autonomia è amore e l’amore non lo si può comprare, non lo si può pietire, non lo si può imporre, lo si può solo conquistare.

Coloro che non sanno percorrere l’esperienza fondamentale dell’autonomia, non possono rischiare l’amore autentico, né possono sperimentare una separazione che li porterebbe ad un nuovo percorso di crescita personale.

 

Nella comunicazione assertiva è utile riconoscere sempre la legittimità dei bisogni dell’altro, fatto salvo che questi non costituiscano una manifesta violenza o manipolazione all’interno della relazione;

  • ognuno si impegna ad accogliere l’ostilità del|’altro senza dovere necessariamente controreagire; se l’altro ci accusa, non reagiamo e limitiamoci a ribadire soltanto il nostro punto di vista in modo chiaro, conciso e assertivo;

  • quando si procede alla risoluzione di un problema è utile pensare che entrambi, in una certa misura, possano soddisfare i propri desideri e le proprie necessità.

  •  

Ricordiamoci. in conclusione, che riuscire a comprendere l’altro comporta un ampliamento della comprensione di se stessi e che per cambiare insieme occorre che ciascuno prospetti all’altro che cosa vuole cambiare di se stesso. Altrimenti non c’è evoluzione del rapporto di coppia.

Volere a tutti i costi solamente cambiare l’altro nasconde l’intento di sbarazzarsi di lui.

In questo caso ogni discussione diventa inutile e l’unica soluzione sta nell’ultimo passo, forse il più difficile: prospettarsi l’idea di interrompere la relazione e di rimanere per un periodo di tempo soli.

 

 

 

(INFORMAZIONI UTILI FACOLTATIVE)

 

 

Ricordate:

Venerdì 18 Giugno 2010, alle ore 18:30 presso la Sala Consiliare del Comune di Amandola (FM), in via Antonio Migliora, 17, Laboratorio Esperienziale col Professor Franco Nanetti dal tema:

LA MANIPOLAZIONE NELLA COPPIA – come liberarsi dalle altrui manipolazioni e dalle “nostre”.

 

 

lnfo:AlPAC FORMAZIONE Via C. Battisti, 103 – Amandola (FM)

Fax 0736.847231 – 334.3004636 – info@aipacformazione.com www.aipacformazione.com