Le Vespe pungono 4 volte l’Ascoli.

Spread the love

Guarna para il primo rigoreL’Ascoli subisce una battuta di arresto  al “Del Duca” nella decima giornata del campionato di Serie B contro la Juve Stabia.  Il 4-2 finale per le “vespe” risulta al quanto pesante per la compagine bianconera che è appurato che è allergico  alle punture delle “vespe”.  I bianconeri giungevano dal rotondo successo per 3-0 in casa dell’Empoli, ma di fronte si sono trovati  le temibili “vespe” di Braglia che nelle ultime tre gare hanno raccolto ben 9 punti. Mister Silva conferma la formazione base, ripropone dal primo miinuto Morosini vista la buona prova ad Empoli, confermato anche Fossati al posto di  capitan Di Donato. Mentre sulla destra Scalise torna titolare. Mister Braglia rilancia Cellini in avanti dopo la squalifica al fianco di Mbakogu.

La gara.

La prima frazione ha una avvio lento e il gioco latita , visto che le squadre lasciano pochi spazi. La Juve Stabia gioca di rimessa e al 3 minuto si va vedere in avanti con  Caserta  bravo a servire in profondità Acosty, ma chiude bene Scalise. La gara scorre senza grandi emozioni fino al 22 quando la gara si accende,  Faisca ingenuamente atterra Acosty in area di rigore, l’arbitro assegna il penalty.  Dagli undici metri si presenta Caserta: il tiro del centrocampista viene neutralizzato da Guarna, l’arbitro inizialmente fa continuare il gioco ma il segnalinee alza la bandierina segnalando il movimento in avanti del portiere di pochi centimetri prima che il giocatore calciasse. Da ripetere. Sul nuovo tentativo, Guarna respinge di nuovo il rigore di Caserta, ma il numero 10 delle Vespe è bravo a ribattere in rete per il vantaggio degli ospiti. La reazione del’Ascoli è immediata e al 29’ l’Ascoli trova anche il gol, ma il colpo di testa di Zaza è annullato per  fuorigioco. L’Ascoli crea gioco ma Feczesin non appare in forma e commette diversi errori sotto porta e Loviso non brilla a centrocampo. La prima  frazione si chiude con la Juve Stabia in vantaggio per uno a zero.

La seconda frazione si apre con gli stessi 22 in campo. L’Ascoli prova di riacciuffare il pareggio, ma la fortuna non è dalla parte dell’Ascoli quando al 58  Feczesin salta più in alto di tutti, su angolo di Loviso, ma la palla viene respinta sulla linea di porta da un difensore gialloblù. L’Ascoli crea gioco e pressa la juve stabia  nella propria metà campo. Le vespe subiscono ma alla prima ripartenza raddoppiano. Al 69 Peccarisi commette fallo su Mbakogu, secondo rigore per la Juve Stabia. Dal dischetto va Genevier che spiazza Guarna e sigla il raddoppio per gli ospiti. La Juvr stabia gioca in scioltezza e al 77 trova il terzo gol con Scognamiglio. La comagine bianconera non si arrnede e si getta in avanti alla ricerca del gol. Al 82 ci pensa Simone Zaza a riaccendere qualche speranza di testa. L’Ascoli non si accontenta e si getta in avanti alla ricerca del gol. Al 87- ancora c Zaza, magnifico nella deviazione aerea su perfetta punizione di Loviso. Partita riaperta, pubblico in delirio.Gli ultimi minuti sono da cardiopalma, con i bianconeri che si gettano alla disperata ricerca del pareggio. Ma nel recupero con la compagine bianconera tutta in avanti  è l’ex bianconero “Sasa” Bruno a spegnere gli entusiasmi dello stadio. Il triplice fischio sancisce la vittoria della Juve Stabia per 4-2. Una sconfitta che è da mebolizzare subit visto che sabato  i bianconeri sono impegnati nella difficile  trasferta di Reggio Calabria contro la Reggina.

 

Ascoli (3-5-2): Guarna; Ricci, Peccarisi, Faisca; Scalise, Fossati, Loviso, Morosini, Pasqualini; Zaza, Feczesin. A disp: Maurantonio, Prestia, Di Donato, Giallombardo, Colomba, Capece, Dramè. All.: Silva.

Juve Stabia (3-4-1-2): Nocchi; Maury, Figliomeni, Scognamiglio, Baldanzeddu; Jidayi, Genevier, Caserta; Cellini, Mbakogu, Acosty. A disp.: Seculin, Doninelli, Erpen, Bruno, Gorzegno, Improta, Danilevicius. All.: Braglia.

Arbitro: La Penna di Roma 1
RETI: 24’ Caserta rig.(J) 69’ Genevier rig.(J) 77’ Scognamiglio (J) 82’ Zaza (A) 86’ Zaza (A) 92’ Bruno (J)
AMMONITI: Peccarisi, Fossati (A) Scognamiglio, Figliomeni, Baldanzeddu (J)
ESPULSI: Ds De Matteis per proteste (A) e il tecnico Massimo Silva (A)