Lega Pro: L’Aquila beffa al 94″ l’Ascoli Calcio 1898 Spa nell’ultima gara della sua storia.

Spread the love

altl’Ascoli oggi potrebbe aver giocato l’ultima gara con la denominazione Ascoli Calcio 1898, prima dell’aggiudicazione del titolo sportivo nell’asta  fallimentare del 6 febbraio. I bianconeri  escono sconfitto con onore dal campo dell’Aquila nella 21 giornata di Lega Pro Prima Divisione Girone B.

Il  2-1 finale per l’Aquila, un beffa maturata all’ultimo secondo a tempo di recupero abbondantemente scaduto , permette alla formazione di casa di salire al 4 posto  mentre l’Ascoli  non ha molto da  chiede al campionato  se non evitare di giungere ultimo e vi è la possibilità di perdere un altro punto se Palazzi escluderà la Nocerina da tutti campionati professionistici.  Mister Giordano fa debuttare dal primo minuti Conocchioli e  Topouzis e ripropone dal primo minuto tra i pali Russo. Mister Pagliari in avanti invece si è affidato all’ex Pià .

 

La gara

La prima frazione si apre con una cornice incredibile grazie gli oltre 700 ultras ascolani stipati sul settore loro destinato, l’Aquila è intraprendente e crea diverse occasioni da gol ma l’Ascoli si difende con ordine. Al 20 mister Giordano deve sostituire Conocchioli con Iotti a causa di  problemi muscolari. La gara scorre senza gradi emozioni, con l’Aquila in avanti alla ricerca del gol e l’Ascoli impegnato nel tentativo di sfruttare le ripartenze. La prima frazione si chiude sullo 0-0.

La seconda frazione si apre come si era chiusa la prima con l’Aquila in avanti e all’8’ passa  in vantaggio con De Sousa, la reazione dell’Ascoli e immediata e al 10″ trova il pareggio grazie al gol di Colomba. I rossoblu non ci stanno e tornano alla carica ma Russo è una saracinesca. l’Ascoli tiene bene il campo. Ma quando ormai la gara si stava per concludere e il tempo di recupero era già trascorso  gli abruzzesi trovano il gol vittoria con Pomante. La gara si chiude con la vittoria dell’Aquila per 2-1. Ed ora si pensa alla gara più importante della storia dell’Ascoli l’asta  fallimentare del 6 febbraio 2014 alle ore 16.

 

Tabellino:

L’AQUILA: Testa, Scrugli, Dallamano, Corapi, Zaffagnini, Pomante, Agnello (Gallozzi), Del Pinto, Libertazzi (Ciciretti), Pià (Frediani), De Sousa. A disp.: Addario, Ingrosso, Triarico, Bentoglio. All. Pagliari

ASCOLI: Russo, Conocchioli (Iotti), Gandelli, Schiavino, Pestrin, Scognamillo, Capece, Carpani (Giovannini), Topouzis (Greco), Colomba, Tripoli. A disp.: Pazzagli, Minnozzi, Gragnoli, De Iulis. All. Giordano

Arbitro: Giovani di Grosseto

Reti: 54′ De Sousa, 60′ Colomba, 90′ Pomante

GIORDANO:  Mancavano giocatori, poi Conocchioli si è infortunato, abbiamo dovuto ridisegnare la squadra. L’Aquila è una bella squadra, dopo l’1-1 potevamo vincerla, l’abbiamo persa al 94 quando l’arbitro aveva dato 3 minuti di recupero. Pestrin rimasto a terra ha allungato il recupero?? ma non è colpa sua è uscito con la barella che si poteva fare altro. Comunque il rammarico più grande è sto goal al 94.