Moto 2, Romano Fenati: “Riprendiamo dal lavoro fatto in Qatar

Spread the love

Si riparte da Termas de Rio Hondo e, anche quest’anno, con gli occhi puntati al cielo. È prevista pioggia nel weekend del Gran Premio di Argentina, condizioni che potrebbero mescolare le carte e riservare sorprese. Sono carichi Romano Fenati e Tony Arbolino che, dopo la prima tappa in Qatar, vogliono entrambi portare a casa un risultato migliore. Il tracciato argentino è un circuito molto tecnico e veloce, che piace a entrambi i piloti. Qui Romano conquistò la vittoria, in Moto3, nella prima edizione del Gran Premio, nel 2014.

Romano Fenati: “Riprendiamo dal lavoro fatto in Qatar, motivati e pronti per un nuovo weekend. Al di là di quello che è successo, durante la prima gara, siamo soddisfatti di come abbiamo lavorato fino ad oggi e consapevoli che possiamo fare molto, ma molto di più. Su questo tracciato mi sono sempre trovato bene anche se il meteo è spesso un’incognita. Vedremo. Noi ce la metteremo tutta”.

Tony Arbolino: “Lo scorso anno ho girato su questo tracciato per la prima volta e mi è piaciuto subito tanto. È un circuito veloce e ha un lungo rettilineo quindi le scie fanno la differenza. Sono decisamente carico e voglio far bene. Sarà importante restare concentrati e lavorare bene sull’assetto fin dal venerdì”.

*****

We start again from Termas de Rio Hondo and, even this year, with eyes on the sky. Weather conditions seem to be not goof for the weekend of the Grand Prix of Argentina and this could shuffle cards and reserve surprises. After the first round in Qatar, both Romano Fenati and Tony Arbolino are ready to face the new race weekend and they are motivated to get a better result. The Argentine track ia a fast and very technical circuit, appreciated by both riders. Here, Romano got the victory, in Moto3, during the first edition of the Grand Prix, in 2014.

Romano Fenati: “Let’s start from what we did in Qatar, motivated and ready for a new weekend. Apart from what happened during the first race, we are satisfied of how we worked until now, but at the same time we know that we can do more, much more. I always felt good on this track, but here weather conditions are often uncertain. We’ll see, we’ll do our best”.

Tony Arbolino: “Last year it was the first time for me on this circuit and I liked it a lot. It’s a fast track with a long straight and this means that slipstreams are very important. I am ready and I really want to do a good weekend. We need to keep the focus and work well on the configuration from the first free practices day”.