Rugby presente al lancio della Guida Michelin 2018 con l’Azzurro George Biagi

Spread the love

Parma, 16 Novembre 2017 – Una delegazione dello Zebre Rugby Club è stata invitata stamane dall’assessore al commercio del Comune di Parma Cristiano Casa alla presentazione dell’edizione 2018 della Guida Michelin. Il prestigioso evento si è tenuto al Teatro Regio di Parma, città che dal 2012 ospita la franchigia delle Zebre, ed ha visto il capitano bianconero e seconda linea dell’Italia George Biagi testimonial del mondo del rugby.

Le Zebre sono ambasciatrici nel mondo del brand “Parma, Unesco City of gastrononomy”, col logo dell’importante riconoscimento della città ducale che campeggia sul petto delle maglie dei bianconeri nel Guinness PRO14 e nella coppa europea EPCR Challenge Cup. 

Decine i giornalisti del settore del turismo e dell’enogastronomia presenti nel teatro gioiello della città di Parma insieme al meglio degli chef e della ristorazione del Belpaese. Italia che ha visto aumentare a nove il novero dei ristoranti che possono fregiarsi di aver ricevuto tre stelle dalla prestigiosa guida, che ogni anno vede 28 edizioni pubblicate in tutto il mondo.

Le parole di George Biagi raccolte al termine dell’evento :”E’ stata una bellissima esperienza: non sapevo cosa aspettarmi da questo evento che non avevo mai seguito dal vivo; ho toccato con mano quanto la cucina non sia soltanto fonte di nutrimento –come spesso è per noi sportivi professionisti- ma sia una enorme cultura che in particolare nel nostro paese muove una fetta enorme della nostra economia. La guida Michelin in Italia é un punto di riferimento culinario; è stato un piacere aver visto l’edizione 2018 della guida -strumento che ben si collega a tutte le eccellenze gastronomiche del territorio parmense- nella nostra città”.

Il nazionale azzurro, in recupero dall’infortunio alla mano subito contro i Cheetahs il 28 Ottobre scorso, ha poi raccontato il suo rapporto con la ristorazione :”Mi piace molto la ristorazione ed il mangiar bene; un giorno mi piacerebbe poter mettere alla prova questi ristoranti stellati con i miei compagni e le buone forchette dei miei compagni di rugby: quella sarebbe una bella prova che renderebbe ogni stella Michelin ancor più meritata. Oggi molte persone si fidano delle opinioni di altri clienti per scegliere un’esperienza gastronomica; dopo l’esperienza odierna invece ritengo che nel chiedere supporto alla guida Michelin non ci si sbagli mai, soprattutto grazie alla qualità dei suoi redattori. La prossima volta in cui sarò affamato in un luogo sconosciuto, sicuramente leggero la mia guida Michelin”.