Soncin “Cobra” non perdona e l’Ascoli porta a casa tre punti d’oro.

Spread the love

SoncinL’Ascoli non sbaglia la gara interna e supera il Cesena. L’uno a zero permette alla compagine bianconera di cacciare le nubi generate  dalla sconfitta contro la Pro Vercelli , mentre  il Cesena conferma la maledizione dello stadio Del Duca.  Un vittoria frutto sostanzialmente di un match, in cui la  compagine bianconera a dimostrato più grinta e voglia per  conquistare i tre punti. Mister Silva fa riposare Zaza e ripropone Soncin in attacco al fianco di Feczesin. A centrocampo spazio a Fossati e a cedere il posto è Russo. Bisoli punta col medesimo modulo dell’Ascoli il  3-5-2 con Succi e Graffiedi in avanti. Inizialmente l’ex Parfait siede panchina.

La prima frazione si apre con un Ascoli determinato e concentrato alla ricerca del gol. Buona circolazione di palla e grande fase di recupero della stessa, che permette alla compagine bianconera di andare spesso in area. E la prima occasione e dell’Ascoli al  4′ minuto con un  cross di Soncin dalla destra, ma Feczesin viene anticipato da Tonucci. Al 8′ minuto è ancora l’Ascoli con Loviso su punizione ma Belardi è attento e devia in angolo. La compagine bianconera preme alla ricerca del gol e al 9′ è Feczesin  a trovare una deviazione sotto misura ma Belardi è attento e devia ancora in angolo. Al 14′  ancora la compagine bianconera a rendersi pericolosa con una conclusione di Fossati ma Belardi ancora protagonista con un’uscita bassa e blocca senza problemi. Il Cesena pare in difficoltà subendo troppo la manovra degli avversari. E la reazione giunge al  18′ con un colpo di testa di Djokovic sugli sviluppi di un corner, ma la palla finisce a lato. La gara scorre senza grandi emozioni fino al  35 quando l’Ascoli ha una buona occasione da gol ma la conclusione di  Feczesin, è  deviato in corner dal portiere cesenate. La gara vive di lampi ma il gol non giunge e dopo  due minuti di recupero la gara si chiude sullo zero a zero. L’Ascoli gioca bene, crea gioco, ma  non riesce a superare Belardi.

 

La seconda frazione si apre con due novità nel Cesena, Bisoli lascia negli spogliatoi uno spento Ceccarelli affidandosi a Parfait. Il Cesena prova a controllare maggiormente il centrocampo. Ma il tema tattico non cambia l’Ascoli in avanti alla ricerca del gol. E al 9′ trova il tanto atteso gol. Da un errore di Comotto, che si fa sorprendere da un lancio dalla trequarti con la palla che arriva sulla testa di Soncin. L’attaccante manda la sfera in porta a colpo sicuro, ma Belardi riesce a respingerla. La palla finisce ancora sui piedi di Soncin che in acrobazia segna il gol dell’1-0. Ascoli in vantaggio. La reazione del Cesena si fa attendere e giunge solo al 15′ con Graffiedi. L’attaccante calcia a colpo sicuro con Guarna battuto, ma a salvare il gol sulla linea di porta è l’ex di turno Ricci.  Il Cesena ora ci crede e al 20 è  Succi a sfiorare il pareggio. Sul suo colpo di testa Guarna si supera con una splendida parata. La gara continua a vivere di lampi e al 27′ è Soncin a provarci  dal limite, ma ancora una volta, neanche a dirlo, è Belardi che salva il risultato. Dopo tre muniti di recupero si chiude la gara con la vittoria del’Ascoli per uno a zero. Decisiva la rete di  Soncin.

Ascoli 1
Cesena 0

ASCOLI (3-5-2): Guarna; Ricci (39’ st Prestia), Peccarisi, Faisca; Scalise, Di Donato, Loviso, Fossati (19’ st Russo), Pasqualini; Feczesin, Soncin (28’ st Zaza). A disp.: Maurantonio, Giallombardo, Capece, Dramé. All.: Silva

CESENA (3-5-2): Belardi; Comotto, Tonucci, Caldirola; Gessa (35’ st D’Alessandro), Ceccarelli (1’ st Parfait), Iori (22’ st Defrel), Dokovic, Rossi; Succi, Graffiedi. A disp.: Ravaglia, Brandao, Bamonte, Tabanelli. All.: Bisoli

ARBITRO: Sig. Palazzino
ASSISTENTI: Sigg. Iori – Peretti
IV° UOMO: Sig. Di Paolo

RETE: 8’ st Soncin

NOTE: ammoniti Ceccarelli (C), Peccarisi (A), Zaza (A), Dokovic (C). Spettatori 2.772 (1.407 paganti, 1.275 abbonati, 90 voucher) per un incasso di 24.317,62 € (rateo abb. 13.821,50 €, rateo voucher 810,00 €). Rec. 2’ pt, 3’ st