Sport non vedenti: Torball Supercoppa 2017 al G.S.D. Colosimo Napoli

Spread the love

Sabato 18 novembre 2017 si è svolta a Reggio Calabria l’attesa finale della Supercoppa italiana di Torball, tra la squadra di casa, A.S.D. Reggina U.I.C. ONLUS, e il G.S.D. Colosimo Napoli: la squadra calabrese, trionfatrice del Campionato italiano di Torball, contro la squadra partenopea vincitrice del Torneo di Coppa Italia. Ad ufficializzare l’esito della sfida era presente anche il Presidente della F.I.S.P.I.C. (Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi), Sandro Di Girolamo, insieme alla commissione arbitrale. Al termine dei due incontri terminati con il punteggio di 3 – 9, la prima, e 2 – 3, la seconda, la squadra partenopea si è riconfermata campione a livello nazionale, mettendo in bacheca il quarto trofeo di Supercoppa negli ultimi sei anni.

 

Il Torball è lo sport di squadra più praticato dagli atleti non vedenti in Italia: si gioca tre contro tre in un campo di 16m x 7m, con porte alte 1,3 m e lunghe 7m; si gioca bendati, con un pallone sonoro che viene lanciato con le mani contro la porta avversaria; i riferimenti tattili e uditivi e la propriocezione consentono agli atleti di orientarsi al buio nel campo di gioco e quindi di attaccare, difendersi e produrre schemi di gioco.

La supersfida tra le due squadre più in forma del momento è iniziata con le due formazioni intente a studiarsi e con un sostanziale equilibrio di gioco; nel secondo tempo la Reggina ha avuto un leggero calo in difesa e il Colosimo Napoli, ben disposto in campo, ha saputo approfittarne per poi allungare le distanze nel finale. La seconda partita è stata invece più tirata, con la Reggina costretta a rischiare per rimettersi in gioco e il G.S.D. Colosimo propenso ad amministrare il vantaggio: ne è nata una partita giocata sul filo dei nervi che si è risolta solo nei secondi finali in favore dei campioni campani. Immediata l’esplosione di gioia degli atleti del Colosimo che si sono riuniti in un infinito abbraccio, una vittoria sofferta ma meritata. A fare i complimenti al gruppo è stato per primo il Presidente federale che, subito, ha consegnato nelle mani del capitano, Gaetano Raucci, il meritato Trofeo e, in seguito, gli stessi atleti della Reggina che hanno dimostrato, oltre alla calorosa ospitalità, anche tanta sportività fuori dal campo.

Enorme l’esultanza di tutta la squadra, Marco Cirillo, Antonio Di Pasquale, Marco Di Mauro, Sergio Sinigaglia, Gaetano Raucci e dell’allenatore Salvatore Pesarino. Braccia alzate in segno di vittoria anche da Napoli per tutto il resto del gruppo: Emanuele Messere, Giuseppe Carozza, Sara Simeoni, Alane Idriss, Dimitri Bernardi, Antonio Piscopo, Stanziano Fiore, Sergio Di Donato, Stanziano Saverio, Antonella Chieffo e dei nuovi atleti che già attendono di entrare nel gruppo.

Il Presidente del G.S.D. Colosimo, Husam Rawashedeh, a nome dei dirigenti, tecnici e atleti ha espresso parole di ringraziamento per tutti gli enti e le persone che collaborano e sostengono l’Istituto Paolo Colosimo quali l’Ente Regione Campania, settori Assistenza Sociale e Demanio/Patrimonio, i gestori dei Servizi, Centro Medicina Psicosomatica e Gesco Sociale, la S.A.U.I.E., la Scuola I.S.I.S. “P. Colosimo”, l’ASL NA1 Medicina dello Sport, l’associazione Teatro Colosimo, l’UICI provinciale di Napoli, la FISPIC, il C.I.P. e il CONI campano e provinciale. Proprio sabato, nella mattinata prima delle gare, il Presidente Rawashdeh è stato eletto in Giunta regionale del C.I.P. insieme alla riconferma del Presidente Regionale C.I.P., dott. Carmine Mellone: la vittoria della Supercoppa di Torball del GSD Colosimo Napoli dimostra che anche in Campania, nonostante tante difficoltà, è possibile raggiungere traguardi impensabili e che le associazioni sportive paralimpiche in Campania sono delle risorse da potenziare, da valorizzare e da mettere al servizio del territorio.