Volley:Tanti successi per il settore giovanile gialloblu la 2° div. vuole vincere il campionato

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

altMentre la prima squadra della Libero Volley, guidata dall’allenatore Luca Albanesi, sta lottando con le unghie e con i denti per conquistare la salvezza nel campionato regionale di serie C per quanto riguarda ovviamente la pallavolo femminile, nella società ascolana a farsi largo sono soprattutto le formazioni del proprio settore giovanile. A cominciare, ad esempio, dalla Seconda Divisione, che attualmente è prima in classifica, così come l’Under 16, una formazione che veleggia anch’essa in testa alla graduatoria con due punti di vantaggio rispetto alle dirette inseguitrici.

Allenate dall’esperto Francesco Ciancio, infatti, le ragazze ascolane stanno lavorando molto bene e sono pronte a togliersi delle bellissime soddisfazioni. A fare il punto della situazione, riguardo alla stagione della Seconda Divisione, sono state due giocatrici classe ’98 come  Arianna Girolami e Giorgia Speca.

 

Arianna, di chi è il merito di questa splendida cavalcata della Seconda Divisione? “Indubbiamente, il merito è di tutto il gruppo, perché ci alleniamo ogni giorno nel migliore dei modi e siamo sempre molto concentrate su quelli che sono i nostri obiettivi. Con il lavoro, infatti, si migliora sempre di più e rispetto alla passata stagione si è potuta notare una netta crescita da parte del nostro gruppo. La nostra è una squadra molto giovane e siamo tutte nate nel 1998 e nel 1999, con una nostra compagna che è addirittura del 2000”.                                                                                          

   Qual è la vostra caratteristica principale? “Posso sicuramente affermare che nel gruppo c’è un grande spirito di squadra. Ci conosciamo tutte da parecchio tempo ed il feeling tra di noi aumenta sempre di più. Ci impegniamo al massimo durante ogni singolo allenamento e sono convinta che alla fine dell’anno ci toglieremo delle ottime soddisfazioni”.                                                                                                                                                   

   Sei giovanissima e di certo avrai qualche idolo che vedi come punto di riferimento. Non è cosi? “Se proprio devo essere sincera non è affatto così. Non seguo nessuno in particolare e non ho idoli nel mondo della pallavolo. Diciamo che penso solamente a me stessa e a lavorare bene per realizzare il mio sogno più grande, che è quello di diventare una giocatrice a livello professionistico”.

Giorgia, qual è invece la tua valutazione su questa prima parte di stagione? “Sono d’accordo con quanto affermato da Arianna, perché nel nostro gruppo si respira un’aria particolarmente serena, anche grazie all’allenatore che è in grado di metterci sempre a nostro agio. Ci alleniamo benissimo, con estrema concentrazione, ma ogni tanto ci lasciamo andare anche a qualche battuta o qualche scherzo. E’ giusto che sia così.                                                                                   

  Tu hai invece qualche idolo? “Io sì. In realtà ne ho tanti, ma su tutti mi preme sottolineare soprattutto la Piccinini, che da sempre rappresenta il mio punto di riferimento per quanto riguarda appunto questo bellissimo sport che è la pallavolo”.                                                                                                                                                      

    Qual è l’obiettivo che intendi raggiungere quest’anno? “Il mio obiettivo è quello che ha tutta la nostra squadra, ovvero vincere il campionato di Seconda Divisione ed anche quello relativo all’Under 16. Siamo un gruppo molto determinato e sono convinta che, se continueremo ad allenarci in questo modo e con la giusta intensità, nessun’altra formazione riuscirà a fermare la nostra fame di vittoria”.

Nel frattempo, a proposito della prima squadra, la Libero Volley tornerà in campo sabato pomeriggio (18 gennaio) alle 18 nella palestra del campo “Squarcia” per affrontare la Leoripanus, la squadra di Ripatransone, in un derby molto sentito ed importante.

Print Friendly, PDF & Email