Weekend di verdetti per le giovanili della libero volley due squadre tra le prime nove nell’under 13

Spread the love

under_13Mentre la stagione della prima squadra è terminata ormai da un paio di settimane, con l’eliminazione nella semifinale playoff di serie D subìta per mano dell’Urbania, per la Libero Volley le principali soddisfazioni primaverili stanno arrivando dal settore giovanile. La società ascolana, infatti, può vantare ben due squadre tra le prime nove per quanto riguarda l’Under 13, con la Libero Azzurra di Graziano Vanni e la Libero Gialla di Santino Croce che domenica mattina alle 9.30 si sfideranno in un bel derby al PalaSquarcia. Nel concentramento a tre, che decreterà quale formazione andrà a giocarsi il primo posto con le vincenti degli altri concentramenti, è stato inserito anche il Comunanza.

 

“Quella di domenica sarà sicuramente una bella mattinata da trascorrere all’insegna dello sport e del divertimento – spiega l’allenatore e responsabile tecnico Santino Croce – Aver portato due formazioni in questa fase finale, per la Libero Volley, rappresenta un traguardo molto importante e la società è sempre più orgogliosa del proprio settore giovanile. Il nostro vivaio, infatti, è continuamente in crescita e siamo convinti di poter fare ancora meglio, perché in queste selezioni giovanili militano le atlete che formeranno la prima squadra del futuro. Domenica, allora, sia la Libero Azzurra che la Libero Gialla punteranno a classificarsi nei primi due posti del concentramento a tre, anche se non dobbiamo dimenticare che l’obiettivo principale della stagione è stato raggiunto: far crescere le ragazzine e consentire loro di divertirsi in un ambiente sano come quello della Libero Volley”.

 

Nel frattempo, al PalaSquarcia, fervono gli ultimi preparativi in vista del convegno dedicato ai temi dell’adolescenza, in programma per il prossimo 22 maggio alle 20.30. L’incontro, che prevede l’intervento della pedagogista Rosanna Viviani, direttore del centro “La Navicella”, è aperto gratuitamente ai tecnici, alle giocatrici, agli educatori, ai genitori e a tutti coloro che intendono cogliere l’occasione per confrontarsi con l’esperta su una tematica così ampia e delicata.