116 e non sentirli . Auguri vecchio – nuovo Ascoli..

Spread the love

rozziLa storia che vi andrò a raccontare ha inizio il  primo novembre 1898 e arriva ai giorni nostri. la storia dell’Ascoli Calcio. Mentre in Italia si ballava sulle note di Ciribiribin scritta da Carlo Tiochet per il testo e da Alberto Pestalozza per la musica ad Ascoli Piceno veniva inaugurata la nuova struttura denominata “ Teatro dei filarmonici “

 con al rappresentazione del “Rigoletto” e del “Barbiere di Siviglia”  dodici giovani appassionati ascolani diedero vita alla prima società sportiva delle Marche con il nome di Candido Augusto Vecchi ( in onore dell’eroico colonnello garibaldino convolato a nozze con una donna della nobile famiglia ascolana dei Luciani ) occupandosi di varie discipline sportive, tra le quali il calcio e, in prevalenza, il ciclismo. Primo presidente fu  il cavalier Giuseppe Celani. Un racconto tra sport ,costume e società. Un viaggio appassionante iniziato fra campi polverosi della  Terza Divisione Marchigiana, l’arrivo in serie B e la magica promozione in serie A.   Attraverso le gesta di personaggi travolgenti. Un racconto fatto da grandi vittoria e sonanti sconfitte, con salite  vertiginose e malinconiche ridiscese. Oggi caro amato picchio ti facciamo gli auguri, e soprattutto ora con l’entusiasmo ritrovato e con un bel nuovo nome Ascoli Picchio 1898 le nubi del passato sono scomparse e i cuori di tutti noi hanno ripreso a fibrillare solo per le gesta dei giocatori. E per questo  sei e resterai il nostro amato Ascoli.  Auguri