A2:L’Ascoli vuole vincere per ritrovare fiducia.

Ascoli Piceno, 25 febbraio 2010 – Una vittoria e tre sconfitte nelle ultime quattro gare, tre punti in classifica dopo le prime tredici giornate, ultima posizione in graduatoria a  sette lunghezze dal Chieti ed ad otto dal Cingoli , prossimo avversario nella sfida fondamentale in chiave salvezza in programma sabato 28 febbraio alle 18.30. Si tratta di un momento cruciale per l’Ascoli. La formazione del presidente Serafino Salvi sta vivendo un momento molto difficile oltre che sul piano sportivo soprattutto a livello societario. La netta vittoria di inizio 2010 contro il Chieti aveva dato grande fiducia ai  bianconeri, anche se  tre sconfitte consecutive in trasferta ne hanno rallentato la corsa. Il match di sabato con il Cingoli  offre forse ai bianconeri  una delle ultime opportunità di rilanciarsi nella corsa salvezza: una vittoria piena potrebbe  significare una grande iniezione di fiducia per l’Ascoli per il prosieguo del suo campionato.“Ci stiamo preparando per affrontare al meglio questo confronto sulla carta tanto difficile quanto decisivo. Non è facile disputare un campionato tutto in salita come il nostro, abbiamo bisogno di conquistare punti importanti – commenta l’allenatore Bordoni, arrivato sulla panchina bianconera soltanto ad inizio dicembre. “Nelle ultime due gare con il Casalgrande e il Sassari abbiamo fornito due prestazioni buone sotto il profilo dell’impegno, ma non è bastato, sia per il valore delle avversarie che per alcune assenze che durante le settimane precedenti agli incontri non ci hanno permesso di allenarci come si dovrebbe. Stiamo migliorando dobbiamo solo invertire nuovamente la tendenza negativa. Non sarà facile, il match con il Cingoli  è uno scoglio duro da oltrepassare, ma solo se dimostreremo in campo e durante gli allenamenti di essere un gruppo davvero unito potremo riuscirci”. La squadra bianconera dovrà riuscire nell’intento di migliorare ancora, partita dopo partita, trovando la giusta continuità di rendimento, ma squadra e allenatore hanno bisogno anche del supporto del pubblico e per questo motivo invitano  tutti, non solo i pochi tifosi abituali e gli appassionati di pallamano, alla partita di sabato pomeriggio al Palas Monterocco per ricevere una spinta in più in questa partita decisiva per provare a risalire la china. Il Cingoli, dal canto suo, è squadra assai organizzata poiché ogni giocatore conosce il proprio compito e sa ciò che deve fare in campo. E’ una formazione ostica da affrontare che ha nella grinta e nella difesa le armi migliori.Direzione di gara affidata alla coppia Visciani-Fioretti.

Testo di Emidio Cinelli