Amatori Rugby Ascoli Femminile

Spread the love

altLa pausa natalizia è per gli atleti in generale il momento in cui si recuperano le energie fisiche e mentali e liste degli infortunati iniziano ad accorciarsi; per le società invece è il momento in cui si comincia a guardare alle diverse situazioni, classifiche e/o bilanci, e si tenta di stilare i primi resoconti della stagione e provare a dare giudizi su come stanno andando le varie attività.

 

Per la palla ovale ascolana questa è sicuramente una delle incombenze meno gravose, anzi probabilmente la più gradita, cui dedicare del tempo perché il movimento è in continua espansione, anche questo anno infatti è stata più che apprezzabile la crescita numerica dei tesserati e sono aumentate le realtà scolastiche interessate alla pratica di questa esaltante disciplina, e anche perché capita anche che i risultati, confortanti in linea di massimo per tutte le squadre iscritte ai campionati federali, ti gratifichino anche dove meno te lo aspetti, ovvero arrivano risultati eccellenti proprio da quel settore che per la poca esperienza maturata si pensava dovessero attendere ancora un po’ per salire agli onori della cronaca e invece….

Stiamo parlando delle Black Mamba, la squadra femminile di rugby a sette dell’Amatori Rugby Ascoli, che partecipa alla Coppa Italia nel girone Italia centrale, un girone a cui partecipano squadre provenienti da ben cinque regioni (Abruzzo, Campania, Lazio, Umbria e Marche) coordinate dal C.R. Lazio. Ebbene è sufficiente dare uno sguardo alla classifica attuale per capire che le nostre ragazze oltre che belle, cosa che non stona mai, sono anche brave e che, per nulla intimorite da freddo e fango (chiedere a chi le segue. Ndr), proprio questa dedizione incondizionata ha permesso loro di cogliere quei successi che stanno regalando loro il 5° posto assoluto. Chi sa di rugby è conscio che una squadra nuova, costituita per di più da tutte novizie, può tranquillamente, e molto facilmente, perdere tutte le partite ma le nostre allenamento dopo allenamento, pestone dopo pestone, una gomitata oggi, una testata domani, la prima amichevole, la prima meta, la prima vittoria insomma con l’intero percorso di un neofita affrontato con la dovuta determinazione hanno maturato convincimenti e spirito di squadra che consentono loro, e ancor di più in futuro, di divertirsi e divertire praticando uno sport che, diciamocelo, non è stato proprio ideato per le donne..

Ma i meriti delle “Mambine” non finiscono qui: le loro colleghe di altre società infatti hanno accolto con molto entusiasmo questo gruppo di ragazze giovani e fresche che hanno, come dire, ravvivato un bel po’ un ambiente affamato di nuovi arrivi e di nuovi entusiasmi e anche la Federazione Italiana Rugby, questo anche grazie al credito di cui l’Amatori Rugby Ascoli gode presso la stessa, ha reputato di poter affidare proprio ad Ascoli l’organizzazione del concentramento di Coppa Italia femminile previsto per il 20 Febbraio p.v.

Ma non è ancora tutto, c’è da ricordare anche che, grazie al clamore e all’interesse provocato da queste 18 “muse” della palla ovale picena, Ascoli parteciperà ai prossimi giochi studenteschi nazionali con due squadre femminili di rugby, una U13 e una U16, e che si sta assistendo, sempre sul fronte rugby femminile, a un proliferare di iniziative che probabilmente porteranno alla nascita di squadre a San Benedetto del Tronto, sponda Legio Picena che già può vantare un bel gruppo, Ancona e forse Fermo. Più di così, in tutta onestà, non lo pensavamo neanche, grazie ragazze.

 

C L A S S I F I C A   G E N E R A L E

Rugby Perugia Ragazze          38

Polisportiva L’Aquila Rugby     34

All Reds Rugby Roma              24

CUS Roma Rugby                   16

Amatori Rugby Ascoli            12

Rugby Castrum Gandulphi       10

Le Olmate Rugby                     10

Amatori Rugby Teramo             8

Rugby Clan S.Maria C.V.          8

Rugby Salerno ASD                  6

fonte : rugbyascoli.it