Ancona-Ascoli pari pieno di noia.

Spread the love

Melucci

Melucci

La sfida regionale tra ascoli ed ancona si conclude con uno pareggio. La fida ritornata dopo cinque anni si conclude con uno scialbo 0-0. La formazione di mr Di costanzo per il derby si schiera con taibi tra i pali, esteni difensivi Nastos e giallombardo al posto dello squalificato pesce, centrali Melucci e micolucci.

La linea di centrocampo campo da bellingheri che all’ultimo minuto sostituisce  Di Donato colto nella fase di riscaldamento dal colpo della strega, luci e sulle fasce Guberti e Sommese, con coppia di attacco Soncin e Bucchi. La compagine di mr Monaco si schiera tra i pali con il Brasiliano da costa, la linea difensiva composta da Rincon, Olivieri, Langella, Di Fausto, a centrocapo  Surraco, Catinali, De Falco, Rizzato, e con la coppia di attacco Mastronunzio e Nassi. L’avvio della gara è molto lento causa anche del caldo e la prima azione e al 5” dagli sviluppi di un calcio d’angolo soncin ha la palla buona ma il suo precario equilibrio non riesce a coordinarsi da pochi passi dalla porta biancorossa, la sfera si alza sopra la traversa. La gara non decolla e  il gioco latita, entrambe le formazioni evitano di farsi del male. La gara si rianima al 21” quando Rizzato riceve palla e s'invola verso la porta, Melucci salva la porta di Taibi sulla conclusione dell'esterno mancino dorico con una provvidenziale scivolata.La risposta dell’ascoli arriva al  25' ancora con Soncin, ancora da calcio d'angolo, non riesce a trovare la palla, sulla respinta della difesa Nastos di testa, ma Da Costa para a terra senza problemi. L’estremo difensore dorico si supera quando su una buona conclusione dal limite dall’esterno bianconero Guberti riesce a deviarlo in angolo. La prima frazione si chiude senza altre emozioni. La seconda frazione di gioco si apre con un’occasione al 3 con il biancorosso Mastronunzio riesce a superare  tre avversari e mette in mezzo per Nassi che arriva tardi in spaccata sul pallone che finisce fuori. Al 5” l’ascolano soncin si divora la più limpida palla gol di tutta la gara imbeccato da un buon lancio di Melucci, si presenta a tu per tu con Da Costa si fa pre4ndere dal frenesia e tira a dosso all’estremo difensore dorico. Al 8' bella manovra condotta dai due attaccanti Bucchi e Soncin, la palla arriva al limite dell'area sui piedi di Luci che con la porta spalancata colpisce però male con il piatto destro, la palla sfila fuori senza impensierire Da Costa. La gara si addormenta e viene destata solo dall’improvviso temporale e dalla espulsione al 32 del centrale bianconero Micolucci. Nell'ultimo quarto d'ora di gara il pallino del gioco è nelle mani dei dorici, l'Ascoli però mostra una buona personalità e difende il risultato fino alla fine. ANCONA – ASCOLI 0-0 (0-0)

Ancona (4-4-2): Da Costa; Rincon, Olivieri, Langella, Di Fausto; Surraco (34'st Miramontes), Catinali, De Falco, Rizzato; Mastronunzio, Nassi (24'st Colacone). A disp. Schena, Comazzi, Turati, Anastasi, Guadalupi, Miramontes, Colacone. All. Monaco

Ascoli (4-4-2): Taib; Nastos, Melucci, Micolucci, Giallombardo; Sommese (27'st Luisi), Belingheri, Luci, Guberti (34'st Cioffi); Bucchi, Soncin (40'st Aloe). A disp. Guarna, Camillini, Di Donato, Falco. All. Di Costanzo

Arbitro: Farina di Novi Ligure (Maggiani – Pirondini)

Note: spettatori 10mila circa, di cui 3mila circa ospiti. Ammoniti Belingheri e Luisi, Espulso Micolucci per doppia ammonizione.