Lanni è una saracinesca e Jankto un cecchino e il Lanciano è battuto

100_9810_Copy

L’Ascoli ritrova la vittoria nella 23ma giornata di serie B contro una diretta concorrente per la salvezza il Virtus Lanciano. L’uno a zero fina porta la firma di Jankto bravo a saltando come birilli 3 giocatori del Lanciano, presentarsi  a tu per tu con il portiere e l trafiggerlo con un gran destro.


Gol che regala 3 punti preziosissimi per la lotta salvezza. Mister Mangia a diversi problemi Giorgi non in buone condizioni siede in panchina mentre Milanovic stringe i denti e parte dal primo minuto, in  porta torna Lanni mentre a centrocampo affida ad un centrocampo sperimentale con Pecorini, Almici, Altobelli e Addae coppia di attacco Cacia e Petagna.

 

100_9825_Copy

La gara:

L’avvio della gara vede un Lanciano in avanti e un Ascoli contratto. Il Lanciano si rende pericoloso conquistando nei primi due minuti due corner. La reazione dell’Ascoli fatica a creare gioco e al 13′ è ancora il LAnciano a creare la prima vera palla gol con  Marilungo che solo in area tira di prima intenzione ma Lanni è bravissimo a respingere di piede in corner. Al 15′ è ancora il LAnciano a rendersi pericoloso con Marilungo ma all’altezza del dischetto la palla viene respinta da Milanovic. L’Ascoli si vede al 16’ con Addae ma il colpo di testa finisce al lato del palo. Al 21′ è di nuovo l’Ascoli a rendersi pericoloso con uno slalom di Jankto bravo ad entrare in area ma viene poi fermato da Aquilanti. Il LAnciano ci crede e al 24′  si rende pericoloso con Boldor dal limite dell’area, il suo rasoterra viene respinto da Lanni in corner. Il Lanciano al 33′ non trova il gol con Ferrari grazie allo strepitoso intervento di Lanni bravo a respinge con i piedi in tuffo. La gara scorre senza grandi emozioni fino al 45′ quando è l’Ascoli ad avere una buona palla gol ma Cacia solo in area che però davanti al portiere cerca la semirovesciata ma non colpisce il pallone e l’occasione sfuma.

La seconda frazione si apre con una novità nell’Ascoli Mitrea al post di  Milanovic non in buone condizione.L’Ascoli parte più grintoso e al 2′ su cross in area di Cacia, Petagna scivola nel momento in cui stava per colpire la palla al volo da distanza ravvicinata. Al 8′ l’Ascoli reclama il rigore per un fallo su Petagna, l’arbitro non concede il calcio di rigore. L’Ascoli al 17′ trova il GOL  del vantaggio con JANKTO. Il centrocampista parte dalla mediana salta in slalom tre avversari entra in area, il suo tiro a mezz’altezza è piazzato e forte e finisce in rete alla destra del portiere. Ascoli- V.Lanciano 1-0. L’Ascoli non demorde e al 24′ sfiora il raddoppio con Addae con una pregevole rovesciata trova la deviazione di avversario in angolo. Al 26′  il LAnciano si rende pericoloso con Di Matteo ma Lanni si supera e nega il gol. Al 32′ l’Ascoli si divora il gol del raddoppio con Petagna. La gara scorre senza grandi emozioni fino al 42 quando il Lanciano si divora il gol del pareggio Di MAtteo nel tentativo di ribadire la palla destinata in rete incredibilmente riesce solo a fare un retropassaggio sulla linea al portiere bianconero e Lanni blocca senza problemi. Dopo tre minuti di recupero la gara si chiude con la vittoria dell’Ascoli per uno a zero. Tre punti preziosi per la compagine bianconera per la lotta alla salvezza.

Ascoli Piceno   stadio “Cino e Lillo Del Duca”

ASCOLI PICCHIO 1898 – 1 lanni, 2 pecorini, 3 antonini (c.), 5 mengoni, 14 jankto, 19 addae, 21 cacia, 25 altobelli, 27 almici, 28 milanovic, 29 petagna. a disp. 22 svedkauskas, 4 benedecic, 6 mitrea, 8 carpani, 9 perez, 13 cinaglia, 17 giorgi, 20 grassi, 31 del fabbro.

ALL. DEVIS MANGIA

VIRTUS LANCIANO – 33 casadei, 2 aquilanti (c.), 4 saviato, 5 boldor, 6 amenta, 9 marilungo, 13 di francesco, 14 ferrari, 23 ze eduardo, 24 vitale, 27 di matteo. Adisp. 1 aridita’, 7 turchi, 10 bonazzoli, 11 king, 15 di filippo, 16 rigione, 17 vastolo, 19 padovan, 28 di benedetto.

ALL. D’AVERSA

Arbitro: Pasqua di Tivoli. Assistenti: Raparelli e Calò. Quarto uomo: Sacchi

Reti: 17′ .s.t. Jankto (A.)

Sostituzioni: 1’s.t Milanovic -Mitrea (A.), 18′ s.t. Pecorini-Giorgi (A.), 19′ Ferrari-Padovan (L.), 31′ s.t.  Salviato – Bonazzoli(L.), 42′ Altobelli- Carpani (A.)

Ammonizioni: Salviato(L.), Pecorini (A.)

Espulsioni:

Spettatori: 5.452

Incasso 41.126,74 euro

Note: 3′ recupero nel secondo tempo

Commenti:

D’Aversa: Se segni vinci le partite se non segni non vinci. L’Ascoli è stato cinico noi no. Se vogliamo accontentarci dell’ottimo primo tempo non va bene, qualche difetto direi che l’abbiamo commesso se prendiamo un gol così. Nel primo tempo poi non siamo stati determinati nell’andare a concludere potevamo far  molto meglio. Il gol sbagliato? Il giocatore non ha valutato bene che doveva far entrare la palla invece ha messo il piede non c’entra la fortuna. Abbiamo interpretato bene la gara anche quando nel finale abbiamo provato le tre punte. Mi fa ben sperare.”

Mister Mangia: Io prendo tutto, nel primo tempo l’atteggiamento è stato timoroso anche da un pò di timore, dopo venti minuti fatti bene lunedì abbiamo preso 4 gol. Per vari motivi ci mancavano anche alcune caratteristiche nell’amalgama della formazione. Come Giorgi che non poteva giocare dall’inizio. I ragazzi li ringrazio comunque non mancano mai l’impegno e l’applicazione. Pecorini in quel ruolo è stata una scelta comunque che ho valutato in settimana. A me piace molto l’estetica nel calcio ma a volte va bene anche vincere di misura, la sofferenza finale è da mettere in conto quando le partite non le chiudi prima. Comunque nella difficoltà oggi siamo fuori dalle ultime cinque posizioni e faccio i complimenti ai ragazzi per questo.

Jankto:”Nel primo tempo ci ho provato ma non ci sono riuscito, tre punti pesanti, il primo tempo abbiamo fatto male ma poi siamo cresciuti, tre punti fondamentali. Il gol? ho preso la palla e sono andato, dedico il gol ai  nostri tifosi che sono fantastici.”