Ascoli ora puoi anche sognare i play-off

La Reggina ospita  l’Ascoli per la 18.a volta nella storia . Il bilancio dei precedenti 17 confronti diretti è favorevole alla compagine calabrese che si è imposta in 7 occasioni  contro le 4 di quella marchigiana. Il risultato di parità si è registrato in 6 circostanze. l’Ascoli prova a formalizzare la salvezza con i tre punti ai danni della Reggina per la 38esima giornata di campionato di serie B. La vittoria per  2-1 consegna non solo  la salvezza ma apre un sogno play-off, mentre la Reggina si complica maledettamente la strada verso la salvezza. Mr Pillon  privo ancora di Portin  recupera  Guarna, Micolucci e Gazzola , conferma il 4-4-2 con Gazzola e Giallombardo esterni e Micolucci e Silvestri centrali,  con il centrocampo in   linea con  Pesce e Girogi  esterni Di Donato e Amoroso  centrali copia di attacco Lupoli ed Antenucci. Mr Breda si affida a Brienza per l’attacco amaranto, mentre in difesa schiera il  trio Valdez-Adejo-Lanzaro. La prima frazione si apre con una Reggina più spigliata e con un Brienza in gran spolvero, mentre l’Ascoli sorniona imposta una gara con un gioco di rimessa. La prima occasione e per la formazione di Regio Calabria con Missiroli al 4’ ma il suo rasoterra è bloccato a terra da un attento Guarna. La risposta bianconera è immediata con Lupoli ma il tiro sfila sopra la traversa. La Reggina prova in tutti i modi di giungere al gol e l’ennesima palla gol giunge al 26′ Brienza è indemoniato fa tutto lui ma il Gran tiro  trova ancora un Guarna insuperabile  gran volo e smanaccia in angolo, il portiere dell’Ascoli è fra i migliori in campo. L’Ascoli si rannicchia in difesa anche se dimostra che in attacco può far male, in quelle poche occasioni in cui si avvicina minaccioso all’area di rigore amaranto. Al 35′  L’Ascoli sfiora il gol Lupoli si beve il proprio marcatore in area e tira a botta sicura ma Marino è attento e devi, poi la difesa spazza. Pochi minuti dopo l’Ascoli reclama per un presunto fallo di mano ad opera di Lanzaro ma il direttore di gara il tocco di mano lo giudica involontario. La prima frazione si chiude con un pareggio pressoché giusto. La seconda frazione ha un avvio frizzante per la formazione calabrese e alla prima occasione giunge al gol con l’ennesima prodezza di Franco Brienza che riesce a portare in vantaggio la Reggina concludendo in rete una meravigliosa azione personale. Per Brienza, valore aggiunto di questa squadra, è l’11° goal in questo campionato nonostante le poche presenze dovute al lungo infortunio che ne ha compromesso la costanza e il rendimento. La Reggina ci crede e prova a chiudere la gara provando a mettere i tre punti in cassaforte. Ma non vi riesce, mentre la compagine bianconera inizia ad alzare il baricentro e i frutti giungono al 21’ Lupoli si rende protagonista con un’altra splendida azione personale, salta Lanzaro e Valdez che lo stende da ultimo uomo, in area di rigore. L’arbitro decreta un sacrosanto rigore con il rosso diretto per Valdez. Antenucci trasforma e riporta la gara in parità. La Reggina non pare sentire la mancanza di un uomo in campo e prova in tutti i modi a giungere al nuovo vantaggio, e l’occasione d’oro capita ancora sui piedi Brienza al 72’, dopo tre dribbling in area di rigore, tira a colpo sicuro e deve strozzare in gola l’urlo del goal perché Pesce ben posizionato respinge il pallone, a portiere battuto. Quando ormai il pareggio sembra cosa scontata mr Pillon sostituisce Lupoli con Bernacci e il bomber bianconero al primo tocco di palla al 48’ lancia  Antenucci che non sbaglia e insacca il suo 24 gol stagionale, per il 2-1 finale. La squadra guidata da Pillon, adesso a soli 4 punti dai play-off, mentre la Reggina vede la zona play-out ora a 4 punti.

 

 

Reggina-Ascoli 1-2

 

REGGINA (3-5-2): Marino; Adejo, Valdez, Lanzaro; Vigiani (75’ Barillà), Carmona, Tedesco, Missiroli, Rizzato; Brienza (88’ Bonazzoli) , Pagano (65’ Costa). A disp: Fiorillo, Montiel, , Cacia, Cascione. All. Breda

ASCOLI (4-4-2): Guarna; Gazzola, Silvestri, Micolucci, Giallombardo; Pesce (86’Margarita), Di Donato (80’Luci), Amoroso, Giorgi; Antenucci, Lupoli (92’ Bernacci). A disp: Frezzolini, Ciofani, Sommese, Marino. All. Pillon

Arbitro: Sig.Nasca di Bari

Marcatori: 52’ Brienza, 65’ (rig.) e 92’ Antenucci

Note: Ammoniti Silvestri, Di Donato, Lanzaro, Tedesco, Pesce, Giorgi, Lupoli. Espulso Valdez al 65’. 2015 spettatori paganti e 5184 abbonati.

 

Di seguito i risultati e la classifica di Serie B, dopo la 38.a giornata. Serie B: i risultati della 38.a giornata

Ancona-Grosseto 1-1
Marcatori: 39´ Gerardi (Anc); 86´ Pichlmann (Gro)

Crotone-Triestina 2-0
Marcatori: 42´ Viviani (Cro); 84´ Gabionetta (Cro)

Empoli-Brescia 03/05/2010

Frosinone-Cesena 0-2
Marcatori: 34´ Giacchierini (Ces); 88´ Malonga (Ces)

Lecce-AlbinoLeffe 2-1
Marcatori: 20´ Bombardini (Alb); 45´ Marilungo (Lec); 58´ Corvia (Lec)

Modena-Cittadella 2-1
Marcatori: 13´ Volpe (Cit); 19´ Diagouraga (Mod); 38´ Bruno (Mod)

Padova-Sassuolo 1-1
Marcatori: 40´ Noselli (Sas); 91´ Di Nardo (Pad)

Piacenza-Vicenza 1-1
Marcatori: 36´ Moscardelli (Pia); 49´ Botta (Vic)

Reggina-Ascoli 1-2
Marcatori: 52´ Brienza (Reg); 66´ rig. Antenucci (Asc); 92´ Antenucci (Asc)

Salernitana-Mantova 1-3
Marcatori: 28´ rig. Caridi (Man); 36´ Dionisi (Sal); 42´ Locatelli (Man);
53´ Pellicori (Man)

Torino-Gallipoli 2-0
Marcatori: 17´ Salgado (Tor); 24´ Rubin (Tor)

Classifica
Lecce 70; Cesena 62; Sassuolo 62; Cittadella 60; Brescia 60; Torino 58; Grosseto 58; Crotone 56; Empoli 55; Ascoli 54; Ancona 51; Modena 50; AlbinoLeffe 49; Piacenza 48; Reggina 47; Vicenza 46; Mantova 44; Triestina 43; Frosinone 43; Padova 42; Gallipoli 40; Salernitana 17

Prossimo turno 08/05/2010
AlbinoLeffe-Salernitana; Ascoli-Lecce; Brescia-Ancona; Cesena-Padova; Cittadella-Frosinone; Gallipoli-Crotone; Grosseto-Piacenza; Mantova-Modena; Sassuolo-Torino; Triestina-Reggina; Vicenza-Empoli