Ascoli Picchio 1898 fc Buba Buzzegoli: “Organizzazione, entusiasmo e tenacia possono fare la differenza”.

Spread the love

Daniele Buzzegoli è uno dei volti nuovi dell’Ascoli Picchio 2017/2018. Il centrocampista toscano si appresta a vivere l’avventura con la maglia binconera con l’entusiasmo contagioso di un bambino, nonostante i suoi 34 anni e i tanti campionati vinti, che fanno bella mostra sul suo curriculum sportivo:

“Ho impressioni  molto positive” – ha esordito Daniele, “Buba” per i compagni di squadra – “Fisicamente stiamo lavorando molto bene, svolgiamo tutti allenamenti funzionali e abbiamo abbandonato quindi le corse lunghe che si facevano una volta. Stiamo facendo un tipo di preparazione diversa da quelle che ho fatto precedentemente che era  fondata su una cultura del lavoro incentrata inizialmente sul fondo e successivamente su distanze gradatamente inferiori. Quest’anno stiamo lavorando molto con la palla, c’è alta intensità e per noi è più piacevole e meno noioso anche se è tanto faticoso lo stesso. Allenarsi prevalentemente col nostro mezzo di lavoro, il pallone, lo trovo molto più produttivo; lo sforzo fisico è anche maggiore, ma utile da un punto di vista tecnico e tattico”.
 

L’Ascoli ha già disputato qualche test di allenamento e le prime impressioni sono favorevoli:

“I risultati in questo periodo non ci interessano, ma queste sgambature sono importanti per mettere  in pratica il lavoro che il  Mister ci sta proponendo. Da parte della squadra c’è grandissima disponibilità a rendere in partita quanto provato durante la settimana e nei test lo abbiamo fatto anche bene; stiamo mettendo abnegazione, impegno e sacrificio, aspetti che sono alla base del campionato che ci aspetta. Quest’anno ai nastri di partenza ci sono molte squadre blasonate, il livello è molto alto sia per nomi che per club e tifoserie. C’è da aspettarsi un grande spettacolo in campo, anche se ho imparato in tanti anni che organizzazione, entusiasmo e tenacia nel crederci fino in fondo possono fare la differenza. L’Ascoli sta lavorando in questo senso e sono molto contento che il gruppo crede molto in quello che fa; il voler fare nei test quello che si prova in allenamento è il primo passo per fare delle buone cose”.

Domenica con la Salernitana sarà la prima amichevole della stagione, preludio al match di Tim Cup:

“Arriveremo all’impegno di domenica sicuramente stanchi –  in questo periodo della stagione sono molto contento di essere stanco perché vuol dire che stiamo lavorando bene – “Non sarà un match con i ritmi del campionato, ma sarà l’occasione per verificare a che livello siamo contro una squadra attrezzata”.

Due giorni fa lo staff tecnico ha concesso un pomeriggio di riposo e sei andato con i tuoi compagni a fare rafting a Serravalle:

“Volevamo fare un’attività di gruppo piacevole pur restando in zona, è stato un bel pomeriggio; sono qui da dieci giorni e posso già dire che questo è un gruppo affiatato, che lavora bene e che sta un bel pezzo avanti. Chi se l’è cavata meglio? La guida, indubbiamente, noi siamo stati solo ai suoi ordini”.