Ascoli-Pisa 1-0

Spread the love

L’ascoli si vendica della sconfitta di andata e liquida la pratica pisa giocando una gara perfetta in tutti i sensi .l’ 1-0 finale non rende giustizia alla gara giocata dalla compagine bianconera. Il Gol di Soncin al 92 premia l’ascoli , al termine di una gara giocata a senso unico.

L’ascoli di Mr Iaconi si presenta dall’inizio  con un canonico 4-4-2 con taibi in porta ,Nastos e Pesce terzini e con micolucci e melucci centrali a centrocampo la coppia Di donato luci e negli esterni Guberti e sommese e in attacco con Bernacci e soncin. Il pisa lamenta diverse defezioni tra cui Cerci, Zoppetti e Colombo e si schiera in campo con un 4-4-2 che mutava frequentemente in un 3-4-3  con lo spostamento in avanti degli esterni .L’Ascoli che ha ritrovato in campo la brillantezza ed il gioco spumeggiante di inizio stagione, ma che fa ancora molta fatica a concretizzare la gran mole di gioco espressa, basti pensare che e` riuscita a sprecare almeno cinque palle gol nitide, grazie anche alla giornata in vena di miracoli del portiere ospite. La squadra di Ventura oggi e` parsa davvero poca cosa a dispetto delle dieci partite fin qui vinte in trasferta, ma di fronte oggi ha trovato una squadra veramente forte e ben messa in campo da mister Iaconi. L’a gara ha un avvio lento e nei primi 15 minuti no si segnalano  azioni di rilievo, al 17’ conclusione rasoterra di Kutuzov bloccata da Taibi, al  18’ Luci ha sul piede destro la palla buona ma il tiro viene respinto  dal portiere del pisa Morello, al 19’ ancora Luci vicino al gol ma  respinge ancora Morello, al al 22’  è ancora completa supremazia dell’Ascoli con Bernacci che non riesce a deviare in rete un cross sotto rete di Soncin, al 34’  di nuovo la compagine bianconera pericolosa con Guberti   ma ancora Morello si supera e  respinge, al 35’ dopo una supremazia di gioco della compagine bianconera si rivede il pisa con una punizione dal limite ma  Taibi è attento e devia in angolo, al  37’  Sommese è ad andare vicinissimo al gol con un gran destro dal limite respinto da Morello, al 41’ una delle poche  occasione da rete per il Pisa ma Castillo di testa, su cross di D’Anna, non riesce a centrare lo specchio della porta, a due passi da Taibi. La seconda frazioni si riprende come si era conclusa la prima, con un ascoli ben determinato alla ricerca dell’intera posta in palio, e  la prima occasione arriva al 2’  con la traversa piena di Luci, al 4’ Soncin che cade in area,ma il direttore di gara fa proseguire non ritenendolo fallo da rigore,al 6’ ennesima occasione gol per l’Ascoli con Sommese, al 10’  prima ammonito per il terzino del pisa Feussi, al 29’ secondo cartellino giallo ed espulsione per il difensore Feussi, al 32’ nuova  occasione gol per i bianconeri, Guberti dalla sinistra fa tutto bene, cross basso, ma nè Soncin, nè Guberti riescono a spingere la palla in rete, al 35’  nuova ammonizione per il pisa con  Juliano, al 36’ viene ammonito il centrocampista Saverino, al 43’ espulsione diretta per Gabionetta per un brutto fallo a centrocampo, ilquarto uomo segnala 5 minuti di recupero e al 45’ sul piede sinistro di Saverino ha la palla della vittoria, che, a porta vuota,manda a fil di palo, al 47’ Soncin punisce il Pisa con un perfetto stacco aereo da cui scaturisce una conclusione imparabile per Morello, oggi nettamente miglior neroazzurro in campo. Il triplice fischio sancisce la vittoria della compagine bianconera. ASCOLI: Taibi, Melucci, Guberti, Bernacci, Nastos, Di Donato (25’ s.t. Saverino), Pesce (21’ s.t. Giallombardo), Sommese (25’ s.t. Job), Luci, Micolucci, Soncin. A disp. Paoloni, Aquilanti, Cioffi, Gaeta. All.Iaconi

PISA: Morello, Raimondi, Trevisan, D’Anna (34’ s.t. Viviani) Castillo, Ciotola (14’ s.t.Gabionetta), Kutuzov, Zavagno, Braiati (15’ s.t. Mezavilla), Juliano, Feussi. A disp. Padelli, Lorenzi, Rajczi, Luisi. All.: Ventura

Arbitro: Sig. Ciampi di Roma
Assistenti: Ciancaleoni e Chiocchi di Foligno
4° ufficiale: Spadaccini di Vasto

Note: 6.405 spettatori (4.651 abbonati e 1.754 paganti) per un incasso di € 43.915,20 (24.038,70 quota abb. e € 19.876, 50).