Ascoli sfuma la promozione :spareggio play-off è andato a Rieti

C’erano tre squadre favorite e, proprio quelle, sono state le protagoniste nel rush finale per la promozione nella massima categoria. Bari, Virtus Rieti e Ascoli se la sono giocata fino alla fine. Già dal girone di andata sono stati i pugliesi a fare da lepre, con il piglio giusto per tornare in serie A, categoria lasciata con la retrocessione di due anni fa. Due anni di ‘purgatorio cadetto’, quindi, per Patruno e compagni, che hanno saputo gestire al meglio il gruppo già esistente, al quale si è aggiunto quest’anno Barone (ex Fiamme Azzurre). Un cammino costante, quello dei pugliesi, anche se hanno potuto festeggiare solo alla fine, visto il fiato sul collo degli avversari umbri e marchigiani. Con Rieti e Ascoli ci ha provato anche il Master Sanremo ad infilarsi nella lotta per salire in serie A. Per i matuziani, però, un pessimo inizio del girone di andata ha compromesso tutto. Alla fine lo spareggio play-off è andato a Rieti, che ha fatto esplodere tutta la sua gioia, strozzata invece per Ascoli che pregustava un veloce ritorno nell’olimpo del calcio tavolo italiano. Nelle retrovie, oltre ai tornei di metà classifica di Brescia, Biella e Catania, sono i romani del Black Rose a scendere in C (doppia retrocessione in due anni) ai quali fa compagnia Palermo, sconfitta nel play-out da Cosenza.

CLASSIFICA FINALE: Bari 44, Virtus 4 Strade Rieti e Ascoli 41, Master Sanremo 26, Leonessa Brescia 25, Biella 20, Catania 17, Palermo 16, Cosenza 15, Black Rose Roma 9

Carlo Alessi Ufficio Stampa FISCT