Basket Serie C: L´Ascoli Basket vince a Pesaro e festeggia la salvezza!

Spread the love

selfiesquadrasalvezza

 

Nello sport, così come nella vita, non sempre per raggiungere obiettivi che sembrano delle chimere bastano impegno e sacrifici, non è per nulla un´equazione scontata; in questo caso è stato però proprio così e dopo mesi di duro lavoro il team Ascoli Basket può festeggiare una salvezza che rappresenta non solo un mero risultato sportivo ma anche la realizzazione e concretizzazione di idee e di un progetto che ha dimostrato di poter reggere in una lega di buon livello come la C Marche.
Una salvezza che vale quanto la vittoria del campionato, visto che la riforma porterà a 16 il numero delle squadre in Serie C (a tutti gli effetti il quarto livello in Italia).
Nella decisiva gara due a Pesaro, il Bramante (al quale va il nostro in bocca al lupo per i prossimo turno playout) resiste solo dieci minuti e deve cedere di fronte alla forte determinazione dei bianconeri che dominano il secondo e terzo quarto per poi gestire nel finale e festeggiare la salvezza.
Un risultato importante, raggiunto utilizzando un roster che ha visto in campo dieci giocatori su dodici di formazione Ascoli Basket e soprattutto nove under 20 tutti sostanzialmente esordienti in serie C.
Insieme a coach Daniele Aniello, molto probabilmente alla sua ultima panchina in C con i colori bianconeri, ci piace in questa sede spendere alcune parole per ciascuno dei protagonisti di questa stagione.

“Per prima cosa vorrei sottolineare l´impagabile lavoro quotidiano di tutte le persone che gravitano intorno all´Ascoli Basket, per noi, infatti, prima squadra, settore giovanile e progetto “Stage” IPA sono in pratica la stessa cosa e con 11 campionati da seguire la mole di lavoro è Enorme.
Un grande grazie a Dennis, Fiorindo, Marife, Alvaro, Ivana, Angelo, Valeria, Maurizio, Luigi e Pizza ed ai tecnici Mauro, Marco, Guido ed Alex; non ho usato i cognomi volutamente perché ormai siamo diventati una grande famiglia.
Grazie di cuore anche a tutte le persone che sono intervenute alle nostre partite ed ai nostri giovani tifosi, questo successo è soprattutto il loro. Infine non voglio dimenticare il comune di Ascoli ed in particolar modo l´Assessorato allo Sport che ci è sempre vicino.”
Terris Sifford (ala 1983), Luca Camerano(guardia 1989):” Due giocatori che ci hanno lasciato in corsa per motivi diversi. Terris, come da accordi precedenti era arrivato solo per darci una mano ad inizio campionato nella speranza di trovare un ingaggio importante, così è stato e siamo felici per lui. Luca ci ha invece lasciato per motivi lavorativi essendo impegnato all´estero. Entrambi sono stati protagonisti di ottime partite nella prima parte del campionato.
Per quanto riguarda i giocatori che ci hanno lasciato sicuramente sfortunata è stata la parentesi Mina(ala 1992), mentre Ferdinando Nanni (ala 1993) si è trasferito a Macerata per motivi di studio dopo poche partite.
Matt Pebole (ala 1989): “Un ragazzo straordinario e la persona più vicina alla parola “Campione” che conosca, mani fatate, mai una parola fuori posto, sempre il primo ad arrivare in palestra, ci ha anche aiutato con le giovanili. Ha creduto in noi la scorsa stagione facendo grandi sacrifici economici, ha lavorato come un pazzo anche fisicamente in estate migliorando ulteriormente quella che poteva essere una sua debolezza, ed è tutto merito suo. Ora è il momento per lui di fare il salto di qualità ed essere anche ricompensato economicamente, lo merita ampiamente.”
Mattei Marco (ala 1987-cap-): “Impossibile scindere quello che è il giocatore da quello che tutti i giorni fa Marco per questo progetto.. ci provo. Quando arrivai ad Ascoli da giocatore sette anni fa Marco era un giovane senza ruolo, è migliorato ogni anno ed ora in campo rappresenta un punto di riferimento per i compagni e tecnicamente è diventato un´ala che sfrutta al meglio la proprio duttilità ed un ottimo lettore di gioco. Anche qui i meriti del miglioramento sono tutti del ragazzo. Ritengo che ad oggi nella sua posizione Marco sia decisamente tra i migliori giocatori italiani di questo campionato.”
Johnathan Lashley (ala 1995)”Diventerà un giocatore importante per la categoria, già ora è molto vicino ad esserlo; proveniendo dal progetto IPA, il solo fatto di aver giocato in quintetto cosi tante partite in C è straordinario per un esordiente assoluto che ha avuto la possibilità di maturare anche ad Amandola in D.”
Federico Belardinelli(guardia 1996)” Un ragazzo fantastico e serissimo a cui voglio un bene dell´anima. Giocatore tecnico, intelligente e sempre disponibile che diventerà un punto di riferimento per l´Ascoli Basket del futuro”
James Cummings(ala 1998)” James otterrà la formazione italiana alla quattordicesima partita del prossimo anno, a quel punto gli scenari per lui potrebbero essere molto interessanti. Grande lavoratore, ottimo fisicamente, in C ha avuto minuti importanti ed è risultato decisivo in un paio di situazioni come sabato a Pesaro (in dodici minuti 2 su 2 dal campo e 9 rimbalzi).
Pietro Galieni(guardia 1998)” Ragazzo che ha già una sua identità in campo e deve solo trovare più continuità; tra gli under 18 quello che ha trovato più spazio in assoluto e risposto con alcune ottime prestazioni inclusi gli oltre venti punti realizzati nel derby. Peccato non averlo avuto in campo ieri”
Darko Milojevic (guardia 1996)”Intenso e con ottimi fondamentali, giocatore istintivo e senza paura, con un pizzico di equilibrio in più diventerà un signor giocatore per la categoria.”
Daniele Di Giorgio(ala 1994)” Arrivato a Febbraio è stato importantissimo per noi. Buon giocatore, duttile e tosto. Si è creata subito un´ottima empatia tra lui e la squadra. Ragazzo positivissimo per il gruppo in campo e fuori.”
Calvin Tse (guardia 1996) “Ha tutto per essere un super giocatore in questa categoria, fisico, voglia di lavorare, palleggio e tiro da fuori. Con un po´ di sana rabbia agonistica in più ce la farà. Ha disputato alcune ottime gare, come con Pedaso ed a Fossombrone. Grande lavoratore, non è possibile non volergli bene.”
Camron McPherson(guardia-ala 1996) “Persona e giocatore speciale, l´esempio di quelli che vuol dire fare esperienza e migliorarsi in un altro paese. Amato da tutti, è migliorato tecnicamente e fisicamente al punto da essere quasi irriconoscibile rispetto allo scorso campionato.”
Tosin Omope (ala 1997)”Grande potenziale e miglioratissimo sotto il punto di vista della mentalità nella seconda parte di stagione. Importante nella vittoria a Recanti.”
Andrea Danieli (guardia 1997)”Ha trovato spesso qualche minuto giocando con la consueta grinta e dando una mano alla squadra con una spinta in più in termini di aggressività sulla palla”.
Lorenzo Ferranti (guardia 1999)”Stagione partita con buoni auspici per il più giovane del gruppo; a causa di problemi fisici ha fatto fatica a trovare continuità; continuando a lavorare seriamente troverà molto presto una sua dimensione nei senior. Ha le capacità per poter diventare un giocatore importante nella categoria.”
Benoit Bartolo (guardia 1998)”Serissimo e compassato, gli piace lavorare sodo; ha trovato spazio nell´importante vittoria ad Urbania”.
Edoardo Luzi (ala 1996), Cosenza Luca (ala 1999),Valerio Pacelli (guardia 1996), Matteo Bonfigli (guardia 1998), Marco Travaglini (ala 1998), Enrico Di Silvestro (guardia 1998): Tutti questi ragazzi hanno fatto parte del giro della prima squadra, alcuni hanno anche avuto la fortuna di scendere in campo.In più tutti hanno usufruito del doppio tesseramento per fare esperienza in D o in Promozione. Il futuro del progetto passa sicuramente attraverso di loro.
“Mi piacerebbe citare anche Ricky Fennell(ala 1991) che essendo senior risultava difficile da utilizzare in C, ma oltre a disputare un super campionato in promozione con i Towers, si è allenato con grande intensità tutto l´anno”.

Per tutto il gruppo di lavoro bianconero la stagione non è affatto finita, infatti, appena terminata anche la u20 con il titolo regionale conquistato, oltre a continuare tutti i giorni con gli allenamenti ci sono ancora i playoff per il titolo regionale u18 e quelli di Promozione.
Complimenti per il risultato raggiunto ed in bocca al lupo per i prossimi impegni.

Bramante Pesaro – Ascoli Basket: 49-59
Bramante :Ricci 6, Clementoni, Baseotto 3, Ceccolini 20, Bongiorno 5, Oliva, Urbani, Nicolini 2, Di Sciullo 2, Amici 1, Rosa 10. All Nicolini Ass Ugolini
Ascoli: Pebole 21, Tse, Mattei 7, McPherson, Lashley 8,Cummings 4, Di Giorgio 7, Belardinelli 0, Milojevic 12, Omope. All Aniello Acc Banson