Caturano regala tre punti d’oro all’Ascoli

103_9348

L’Ascoli ritrova la vittoria al “Del Duca” contro  la Ternana nella 17ma giornata di serie B. L’uno a zero finale è un boccata di ossigeno per la compagine allenata da Mr Mangia e consente di poter lavorare con un po’ più di serenità per la preparazione della prossima gara.

Mister Mangia apporta diversi cambiamenti Cacia, Pirrone e Petagna siedono in panchina e dal primo minuto si affida al 3-5-1-1 con Caturano unica punta con alle spalle Bellomo. Da notare la tribuna est quasi del tutto demolita.

 

La gara

L’Ascoli ha un avvio brillante e al 1′  si rende pericoloso con un colpo di testa di Mengoni, ma Mazzoni è attento e para senza problemi. Al 6 è di nuovo l’Ascoli a rendersi pericoloso con  Bellomo su punizione, ma Mazzoni non si fa sorprendere. Al 12′  l’Ascoli sfiora il gol, Valjent  nel tentativo di intervenire sul cross di Addae devia la palla a fil di palo . Sul successivo corner, lo stesso centrocampista ghanese colpisce di testa ma la palla è alta. Il gol è nell’area e al 14′  trova il GOL con Caturano bravo a finalizzare un perfetto assist di Bellomo. La Ternana fatica e l’Ascoli prova ad approfittarne. Al 24′  su Angolo di Bellomo è Mengoni a sfiorare il raddoppio ma la conclusione fa la barba al palo. 26′ Pecorini arriva al tiro in corsa, Mazzoni si salva in angolo. La Ternana si vede al 28′  con Ceravolo bravo a libera di Del Fabro ma la conclusione finisce sull’esterno della rete bianconera. dopo 3 minuti di recupero la prima frazione si chiude con l’Ascoli in vantaggio per 1-0.

La seconda frazione si apre con gli stessi 22 che hanno chiuso la prima frazione. L’Ascoli ci crede e si riversa alla ricerca del gol del raddoppio e al 3′ st su cross di Addae dalla fascia, Caturano per poco non arriva, Mazzoni blocca senza problemi. LA Ternana si rende pericoloso al 11′ st con  Ceravolo con un tiro dalla distanza, la palla esce di poco. La Ternana sfiora il gol al 23′ st su calcio con Gondo, ma il centravanti sbaglia sbaglia incredibilmente. Al 27′ è Milanovic a rendersi pericoloso  di testa su calcio d’angolo, para Mazzoni. Sul capovolgimento di fronte, Falletti si trova davanti a Svedkauskas ma tira a lato. Dopo 5 minuti di recupero la gara si chiude con la vittoria dell’Ascoli per 1-0. Una vittoria che porta un po di tranquillità e consente a Mister Mangia di lavorare con un pizzico di tranquillità in più.

103_9404

 

Tabellini:

ASCOLI (3-5-1-1): Svedkauskas; Del Fabro, Milanovic, Mengoni; Almici, Addae, Grassi, Giorgi, Pecorini (29′ st Cinaglia); Bellomo; Caturano (19′ st Perez). A disp. Ragni, Pirrone, Nava, Berrettoni, Jankto, Cacia, Petagna. All. Mangia

TERNANA (4-2-3-1): Mazzoni; Meccariello, Gonzalez, Valjent, Vitale; Busellato, Zampa (12′ st Grossi); Gondo (24′ st Belloni), Falletti, Ceravolo; Avenatti (37′ Furlan). A disp. Sala, Masi,  Lo Porto, Dianda, Janse, Palumbo. All. Breda

ARBITRO: Ripa di Nocera Inferiore

ASSISTENTI: Avellano di Busto Arsizio e Dei Giudici di Latina

IV UOMO: Pagliardini di Arezzo

RETE: 15′ pt Caturano

NOTE: ammoniti Giorgi (A), Addae (A), Gonzalez (T), Grassi (A), Mengoni (A), Almici (A), Busellato (T). Spettatori 5.960 (3.810 abbonati) per un incasso di 48.322,74 € (rateo abbonamenti 27.413,24 €). Rec. 3′ pt – 5′ st

Commenti:

103_9478

Giorgi Festeggia le cento presenze con la casacca dell’Ascoli collezionate con l’Ascoli, tutte in Serie  Giorgi “Desideravo da sempre un momento così ed è per me un sogno che si avvera” – ha detto Giorgi – “Abbinata poi alla vittoria e alla fascia di capitano è proprio il massimo. Sono contentissimo”.

 

Presidente Francesco Bellini: ” C’è stata tanta sofferenza, ma abbiamo giocato bene, abbiamo messo l’anima. I ragazzi hanno risposto bene e speriamo di continuare così. Nel secondo tempo, siamo calati, ma dobbiamo continuare così.” Alla domandi sui rapporti traLovato e Marroccu il presidente è chiaro ” non c’è nessun problema,  il direttore sportivo è in Sardegna, e dovrebbe tornare a breve. Non mi preoccupo . Lui è una figura importante per noi. Ci sono dei problemi tra Lovato e Marroccu, ma quando ci sono due capi famiglia è normale. La squadra va d’accordo con entrambi. Uno dovrà fare il dirigente  e uno il direttore sportivo. La colpa è anche la mia .” sulla presunta lite tra Perez e Cacia ” Posso dirvi che non c’è stata nessuna lite tra Perez e Cacia, non è successo niente. Sono bravi entrambi, ma l’allenatore fa delle scelte, il campionato è lungo e  e si faranno delle scelte. Ho visto anche un ottimo Caturano. Oggi tutti hanno dato tutto e  anche la difesa si è comportata bene.. Per il momento lasciamo tranquilla la squadra, quindi il silenzio stampa prosegue. E’ un modo per unire il gruppo.”