Conferenza dello staff tecnico. Al campo il Presidente Bellini

Spread the love

pero2068

E’ stato lo staff tecnico a tenere quest’oggi la classica conferenza pre gara presso la sala stampa dello stadio al termine della seduta di rifinitura. Poco prima squadra, staff e dirigenti si erano intrattenuti sul terreno di gioco con il Presidente Bellini e la Signora Marisa, che, appena rientrati dal Canada, hanno voluto per prima cosa incontrare il gruppo al completo.

Seduti al tavolo conferenze, dunque, il vice allenatore Paolo Cozzi (domani  non siederà in panchina perché squalificato), il collaboratore tecnico Cesare Beggi, il videoanalista tattico Lorenzo Vagnini, il preparatore dei portieri Gilberto Vallesi e i preparatori atletici Andrea Arpili e Paolo Amadio.

“La squadra questa settimana ha lavorato molto bene, i giorni sono trascorsi velocemente  anche se con una serenità relativa” – ha detto Beggi, che domani siederà in panchina al posto di Mangia e dello squalificato Cozzi – “Sappiamo di avere un gruppo collaborativo in tutto e per tutto e che la situazione di classifica è complessa. Da un punto di vista degli stimoli quella di domani è una gara che va da sé. L’esperienza  e la freschezza fisica potranno essere fattori importanti; Bianchi è disponibile, mentre H’Maidat non ce la fa. Il Livorno verrà qui per giocare la partita perché per loro è l’ultima spiaggia e questo può essere allo stesso tempo un vantaggio e una minaccia. Con un punto sarebbero condannati, quindi mirano  all’intera posta in palio. I tifosi? Nelle nostre esperienze passate un attaccamento così forte non lo abbiamo mai visto” – ha concluso Beggi – “Sono stati veramente eccezionali in tutti i momenti di difficoltà e vorremmo tanto ricambiare questo affetto domani in partita”.

 

 

A parlare della condizione fisica della squadra è stato Andrea Arpili:

 

 

“A livello fisico sono tutti disponibili, la squadra in settimana si è allenata bene come in tutto l’arco della stagione; l’unica variante che abbiamo apportato è stata quella di eliminare la doppia seduta, cosa usuale nel finale di campionato”.