Coppa Paolino: Ricognizione del percorso di gara al via domani dalle ore 9.30

altAscoli Piceno, 20 luglio 2012. Al Colle San Marco è stata giornata di preparazione all’ottavo round del CIVM. Sono 193 i piloti che si sono presentati alle rituali verifiche, i maggiori protagonisti del campionato sono annunciati ai blocchi di partenza della cronoscalata Colle San Marco – San Giacomo, alla quale danno però forfait i siciliani Giovanni e Samuele Cassibba, mentre passa alla Picchio P4 l’ascolano Fabrizio Peroni.

 

La gara organizzata dal Gruppo Sportivo dell’Automobile Club Ascoli Piceno e Fermo, si svolgerà domenica 21  lungo i 5,031 metri del tracciato, mentre sono attesi per domani i due turni delle Prove Ufficiali di Ricognizione del percorso di gara.

Due salite di estrema importanza per affinare la conoscenza del tracciato da parte dei piloti, due impegni che daranno misura dei confronti che andranno in scena il giorno seguente.

altAd Ascoli non è presente il recordman e leader di campionato Simone Faggioli, ma non mancano i motivi d’estremo interesse per una competizione che, stando alle previsioni della vigilia, potrebbe anche riservare delle sorprese meteo. In attesa del via impazza il toto vincitore. Il nominativo di chi potrebbe firmare la 51 edizione del altsalita ascolana, sarebbe da ricercare nella rosa di pretendenti tra i piloti in lizza per il Tricolore, oppure tra le fila degli outsider.

Occasione tricolore per il trentino Christian Merli, in grado con la Radical SR4 di puntare alla vittoria in gara ed al contempo di passare al comando della graduatoria assoluta, che attualmente lo vede al secondo posto con nove lunghezze di ritardo dal toscano, dopo aver vinto la prima gara di Vittorio Veneto, sfiorato l’affermazione ad Erice. Sulle sue traiettorie il portacolori Vimotorsport troverà l’altro driver di Trento Adolfo Bottura, che si affida alle prestazioni della potente Formula 3000 Lola Zytek per puntare al primato nella salita marchigiana. Dal cilindro del team Faggioli spunta il bresciano Giulio Regosa, al rientro in gara ed al volante di una performante Osella FA 30 Zytek. Quinto lo scorso anno, il siciliano Vincenzo Conticelli può dir la sua al volante della potente Osella PA 30 Zytek. Nella 2500 su Osella BMW a voler rafforzare il comando in classe sarà il ragusano Francesco Corallo. La serrata lotta del Gruppo CN sarà il propellente che spingerà ad alto livello la sfida tra Iaquinta, Magliona, il giovane siciliano Francesco Conticelli ed il campano D’Angelo, tutti su Osella PA 21/S.

Il trentino Gino Pedrotti con una Formula Renault darà la caccia alla E2/M, mentre  sulla Gloria CP5 di classe 1600 ci sarà Graziano Buttoletti e il giovane orvietano Michele Fattorini torna in corsa per la classifica Under con la Radical Prosport.

Giocano in casa gli abruzzesi Bielanski e Cappelli, entrambi al volante di Lucchini BMW nel tentativo di rinverdire le vittorie del passato. C’è grande attesa per le prestazioni che metterà in mostra il giovane calabrese Domenico Scola Jr.

 

In gruppo GT atteso rientro di Antonio Forato, il veneto della Rubicone Corse intenzionato a tornare in testa al gruppo al volante della Lamborghini Gallardo Gt Cup, che si confronterà con il portacolori dell’Autosport Abruzzo, Ignazio Cannavò in gara con la Ferrari F430 Gt3, ma come ago della bilancia si porrà, in quella che sente la gara di casa, il pescarese Sergio Santuccione, il driver ACN Forze di Polizia al volante della Porsche 996 Gt Cup. Cercherà i primi punti utili alla sua prima gara di Campionato della stagione Antonino Provenzano, sulla Lotus Exige, l’agile e scattante vettura inglese che saprà essere a proprio agio sul tecnico tracciato. Porsche 996 anche per il pugliese Vito Pace.

In Gruppo E1, è il teramano Marco Gramenzi che con la Alfa 155 V6 dovrà difendersi dagli attacchi dal bolognese dell’Ateneo Fulvio Giuliani, su Lancia Delta EVO e dal napoletano Piero Nappi con la Ferrari 550.

Ma gli incomodi per il successo in gara ed anche per pesanti punti tricolori saranno anche il rientrante teramano Roberto Di Giuseppe e l’ascolano Alessandro Gabrielli su Lamborghini Gallardo. Nella classe riservata alle vetture Superstars, duello annunciato tra le belle BMW, la M5 del pilota di casa Amedeo Pancotti, che cercherà riscatto dalla sfortuna del Bondone, contro il maceratese Abramo Antonicelli sulla versione M3 con cui comanda la classe. Marco Sbrollini su Lancia Delta EVO, Lucio Peruggini come lo svizzero Bruno Iannielo sulle mitiche Lancia Delta S4, il laziale Carlo Vellucci su BMW M3 ed il reatino Giuliano Tavani sulla versione 330 diesel della BMW, saranno certamente protagonisti annunciati. In classe 2000 sempre più aggressivo il portacolori campano Rubicone Corse Sandro Acunzo in continuo aumento di feeling con la Renault New Clio, dalla quale sarà chiamato a difendersi il leader di classe Daniele Amato, il siciliano della Vimotorsport tradito da un semiasse sul Bondone ed ora in cerca di riscatto con l’Opel Astra GSI. Con la Citroen C1 andrà a caccia di altri punti utili la pilota umbra Deborah Broccolini.

In Gruppo A è leader l’altoatesino della Scuderia Mendola Rudi Bicciato e difenderà la posizione dall’aggressivo vesuviano Luigi Sambuco su Mitsubishi. In classe 2000 il catanese della Scuderia Etna Salvatore D’Amico sarà di nuovo alla ricerca di punti per rafforzare la leadership al volante della Renault New Clio, contro l’attacco diretto del triestino paolo Parlato su Honda Civic – Boretti Team Motorsport. Non solo protagonisti del C.I.V.M. per il primato di categoria, ma anche l’abruzzese Serafino Ghizzoni su Honda ambirà alla vetta. In classe 1600 sulla scia dell’ottima prestazione al Bondone il veneto Michele Mancin vorrà ancora imporsi con la competitiva Citroen Saxo, ma saranno diversi gli avversari sulla sua strada tra cui anche l’abruzzese Silvano Stipani con la Peugeot 106, altro driver in corsa per i punti tricolori.

In gruppo N torna al via il veneto Lino Vardanega dopo uscita di strada al Bondonesi confronterà con il toscano Lorenzo Mercati e con il campano Giovanni Del Prete; tutti su Mitsubishi Lancer. In classe 2000 è leader il pugliese della Fasano Corse Oronzo Montanaro, mentre nella 1.600 il piemontese Giovanni Regis con la Peugeot 106 si confronterà con il salernitano Cosimo Rea su Citroen Saxo.

Il gruppo Racing Start si presenta alla Coppa Paolino Teodori con undici iscritti e la Peugeot 207 nella versione Le Mans: vettura promozionale della CSAI pilotata da Francesco Loiacono, vicepresidente della Sottocommissione Ricerca e Sviluppo, testimonial proprio del gruppo Racing Start. In termini di campionato si assisterà all’ennesimo duello di vertice tra il pescarese Roberto Chiavaroli con la MINI Cooper S, il salernitano Giovanni Loffredo su Opel Corsa OPC ed il cosentino Luigi Malizia su Honda Civic Type-R.

 

Classifica CIVM dopo 7 appuntamenti. Gruppo Racing Start: 1. Chiavaroli punti 73,5; 2. Tacchini 57; 3. Loffredo 52,5; 4. Croce E., 10. Gruppo N: 1. Vardanega punti 60; 2. Montanaro 44; 3. Regis 43; 4. Mercati, 25; 5. Rea, 24. Gruppo A: 1. Bicciato 68,5; 2. Sambuco 55,5; 3. D’Amico 37,5; 4. Mancin, 22; Parlato, 10,5. Gruppo E1 Italia: 1. Gramenzi punti 68; 2. Giuliani, 65; 3. Nappi 56, 4. Amato, 23,5; 5. Gaetani, 11. 5. Gruppo GT: 1. Forato 58,5; 2. Cannavò 55; 3. Santuccione 12. Gruppo CN: 1.Iaquinta 61; 2. Magliona, 60; 3. F. Conticelli 30; 4. Sivori, 11; 5. Bassi, 4,5. Gruppo E2B: 1. Merli punti 75; 2.Lombardi, 36,5; 3.  V. Conticelli 30; 4. Cassibba G., 27,5; 5. Bottura, 23,5. Gruppo E2M: 1. Faggioli 60; 2. Cassibba S. 38; 3. Cinelli 31,5; 4. Pedrotti, 28,5; 5. Camarlinghi, 27. Assoluta: 1. Faggioli 64; 2. Merli 55; 3. Magliona 36; 4. Camarlinghi, 28; 5. Iaquinta 26,5.

 

Approfondimenti, classifiche, foto e video sul sito www.acisportitalia.it il sito ufficiale dei Campionati Italiani.