Gomme antiforatura: cosa sono esattamente?

altLa foratura, quando si è alla guida del proprio veicolo, è uno di quegli eventi per fortuna non troppo frequenti ma assolutamente possibile. Un evento che nel più dei casi è semplicemente fastidioso perché obbliga a fermarsi per sostituire la ruota, in altri casi, se accade ad esempio ad alte velocità e comprende anche la rottura del pneumatico può diventare addirittura pericoloso.

Le gomme antiforatura note anche come pneumatici run-flat, sono state ideate per garantire a chi buca una gomma, un supplemento di autonomia di 100 km circa, che può essere sfruttato per arrivare a casa o recarsi presso il più vicino gommista.

In pratica montando un pneumatico run-flat non si è obbligati a sostituire la gomma bucata da se ne a dover chiamare costosi carri attrezzi in soccorso.

Ma come fanno le gomme run-flat a non sgonfiarsi rapidamente come i pneumatici tradizionali? Il meccanismo è molto semplice: all’interno delle run-flat è presente un supporto in gomma che va a rafforzare la classica struttura del pneumatico. In caso di foratura una gomma classica tenderebbe a sgonfiarsi rapidamente perdendo pressione, schiacciata dal peso dell’automobile. Nelle run-flat invece la struttura di supporto  supplisce alla diminuzione di pressione interna dovuta all’aria che man mano esce dalla foratura, mantenendo quindi il veicolo stabile per 100 km circa, a condizione che non si superi una velocità di sicurezza di circa 80 km/h.

Fin qui gli innegabili vantaggi di una gomma antiforatura, sia in termini di praticità sia per quello che riguarda la sicurezza alla guida. Gli svantaggi? Il primo è il prezzo (puoi consultare tutte le offerte sui pneumatici per auto online): trattandosi di un prodotto più elaborato rispetto ai pneumatici tradizionali bisogna considerare un sovrapprezzo di circa il 15-20%. Della stessa percentuale è anche l’aumento di peso rispetto ad un gomma normale, e questo va incidere un minimo anche sui consumi di carburante del veicolo.