Guida pratica al risparmio: come assicurare i veicoli storici

altIn cantina o in garage, spesso campeggiano auto, moto  e vari veicoli fermi da anni. Spesso sono stati messi da parte per qualche lieve guasto o semplicemente perché sostituiti da mezzi nuovi. Eppure, se venissero messi in strada (a meno che i guasti non sono irreparabili) ci farebbero risparmiare molto in termini di assicurazione e altre voci di spesa.

Perché ? Dal 2009, un decreto ministeriale ha stabilito che i veicoli con più di venti anni possono iscriversi al Fmi (Federazione Motociclisti Italiani) che è un’agenzia specifica che si occupa di moto definite ‘d’epoca’. Con l’iscrizione si accede a diverse agevolazioni tra le quali, appunto, l’assicurazione, a costi del tutto agevolati.

Puoi anche calcolare la migliore assicurazione per le moto storiche e risparmiare grazie al portale sulle assicurazioni GuidaAssicurazioni.it, la guida online al risparmio sulle assicurazioni e sulle assicurazioni on line, nata per aiutarti nella scelta e nel confronto delle migliori assicurazioni online disponibli in Italia: per avere maggiori informazioni a riguardo a tutte le varie tipologie di assicurazioni clicca qui.

 

Il requisito fondamentale, quindi, è l’età del veicolo (almeno vent’anni)  e il fatto che esso sia in discrete condizioni. Soprattutto, è importante che il modello originario, nelle fattezze e nella forma, sia riconoscibile.

L ’iscrizione del veicolo costa 100 euro senza documenti e 50 euro con il libretto di circolazione. L’iscrizione della persona fisica costa 78 euro per il primo anno e 53 euro per il rinnovo annuale.

Tuttavia, quello che si risparmia a livello assicurativo, non è poco. A fronte di 600-700 euro di media in alcune zone italiane, l’assicurazione d’epoca costa al massimo 200 euro annuali. Inoltre, iscrivendosi alla Fmi si ha diritto a partecipare a condizioni e promozioni speciali anche su altre voci di spesa e manutenzione del veicolo.

 

Tuttavia, è bene ricordare che il veicolo d’epoca può essere messo in strada a condizione che abbia un libretto di circolazione, (se avete il mezzo senza documenti è la Fmi che si occupa della procedura di tutte le pratiche relative per produrli) che paghi un’assicurazione e una tassa di circolazione. Non è possibile lasciare senza assicurazione un’auto o una moto d’epoca in strada, magari sotto casa, senza un’assicurazione.

Potete chiedere un appuntamento alla sede più vicina di Fmi per far vedere il vostro mezzo. Loro sapranno subito dirvi se è il caso di rimetterlo in strada e qual è l’agenzia convenzionata per assicurare il vostro mezzo con le agevolazioni della polizza per veicoli d’epoca.