IL PUNTO SULLA 21^ GIORNATA LEGA PRO – GIRONE B

Spread the love

ascolipicchio1898“Gruppo compatto”. Prendendo a prestito le parole dell’indimenticabile giornalista Rai Adriano De Zan (conduttore di innumerevoli Giri d’Italia), si può riassumere così la classifica del Girone B della Lega Pro dopo i risultati della 21^ giornata: ben 5 squadre sono racchiuse nell’arco di 3 punti (fra i 35 della Reggiana ed i 38 dell’Ascoli).

L’Ascoli (38 p) ha subìto una brutta battuta d’arresto (3-0) a L’Aquila (36 p). Dopo un’inizio abbastanza deciso da parte dei bianconeri (sostenuti da oltre 1300 supporters al seguito), i padroni di casa si sono portati in vantaggio grazie a Virdis (al 1° gol in maglia rossoblu, il 3° della stagione avendo realizzato 2 reti con la maglia del Monza) attorno al 25^ minuto: hanno, quindi, raddoppiato con Sandomenico (all’8° gol in campionato) dopo una decina di minuti. Nella ripresa, vano è stato il tentativo di Mr. Petrone di raddrizzare l’incontro facendo entrare dalla panchina Berrettoni per affiancare Perez ed Altinier: anzi, dopo una ventina di minuti, è arrivata la terza rete degli abruzzesi con Djuric (al 1° gol in maglia rossoblu, il 2° della stagione avendo realizzato 1 rete con la maglia del Forlì).

Il Teramo (37 p) ha espugnato con il minimo scarto (0-1) il campo del Grosseto (26 p). La partita è quasi sempre stata in pugno agli ospiti, capaci di creare diversi grattacapi dalle parti della porta avversaria: all’inizio del secondo tempo, su azione susseguente a calcio d’angolo e numerosi svarioni della difesa, Perrotta (al 1° gol in campionato) ha realizzato la rete decisiva. Soltanto nell’ultimo quarto d’ora i maremmani hanno provato a riequilibrare le sòrti dell’incontro, ma non ci sono riusciti (anche a causa di un gol annullato a Torromino per un fuorigioco quantomeno dubbio).

Il Pisa (36 p) è rimasto affiancato a L’Aquila, superando di misura (1-0) il Santarcangelo (19 p). In una partita incolore e noiosa caratterizzata da rare opportunità da gol, è bastato un tiro di Frediani (con deviazione decisiva del difensore avversario Rossi) per abbattere la strenua resistenza degli ospiti, incapaci di rendersi pericolosi dalle parti dei nerazzurri.

La Reggiana (35 p) ha perso ben 3 posizioni in classifica, dopo essere stata sconfitta (2-0) ad Ancona (32 p). Dopo un primo tempo avaro di emozioni, i dorici in 10 minuti (fra il 59^ ed il 69^) hanno conquistato i 3 punti: il neo-entrato Paponi (al 3° gol in campionato) e Tulli (al 5° gol in campionato) sono stati gli autori delle reti dell’incontro. Da lì in poi gli emiliani hanno provato a riacciuffare l’incontro senza riuscirci.

A quota (29 p) si trovano Gubbio e Pontedera.

Il Gubbio ha impattato (1-1) sul campo della Lucchese (24 p). Dopo aver subìto una costante spinta offensiva da parte dei padroni di casa, gli umbri si sono portati sorprendentemente in vantaggio con il primo tiro effettuato nello specchio della porta avversaria: è stato Regolanti (al 7° gol in campionato) l’autore della marcatura. Poco prima dell’intervallo, i toscani hanno pareggiato grazie ad un calcio di rigore (a dir poco generoso) trasformato da Forte (al 2° gol con la casacca rossonera, il 4° della stagione avendo realizzato 2 reti con la maglia del Forlì). Nella ripresa le 2 squadre hanno provato a vincere entrambi l’incontro, ma non ci sono riuscite.

Il Pontedera è uscito con le ossa rotte (3-0) da San Marino (15 p). Dopo un primo tempo scialbo concluso giustamente a reti bianche, nella ripresa i padroni di casa hanno dilagato (grazie anche al fatto di aver usufruito di ben 2 calci di rigore): Coto (al 2° gol in campionato), La Mantia (al 5° gol in campionato) su rigore e Sensi (al 3° gol in campionato) anch’egli su rigore, sono stati i marcatori dell’incontro. Nonostante la partita fosse chiusa, l’incontro è terminato con 19 calciatori a causa di 3 espulsioni: 2 fra le fila dei “titani” (La Mantia e Batonio), 1 fra quelle dei toscani (Galli).

La Carrarese (28 p) ha pareggiato (1-1) sul campo della Pistoiese (27 p). In una partita vivace e con numerosi capovolgimenti di fronte, la prima frazione di gioco si è chiusa a reti inviolate. All’inizio del secondo tempo i padroni di casa sono andati in vantaggio grazie ad Anastasi (al 2° gol in maglia orange, il 7° della stagione avendo realizzato 5 reti con la maglia del Monza): quindi hanno fallito diversi contropiede. Nel secondo dei 6 minuti di recupero, Gorzegno (2° gol in campionato) ha trovato la rete del pari: e proprio all’ultimo minuto gli ospiti hanno addirittura fallìto il gol della vittoria con Gnahorè che, davanti alla porta sguarnita, ha tirato incredibilmente fuori.

A quota (27 p), oltre alla Pistoiese, ci sono la Spal ed il Tuttocuoio.

La Spal ha sconfitto (2-0) il Savona (25 p). In una partita a senso unico, gli estensi hanno realizzato le 2 reti decisive a cavallo dell’intervallo: Zigoni (al 1° gol in maglia biancazzurra, il 2° della stagione avendo realizzato 1 rete con la maglia del Monza) sul finire del primo tempo e Fioretti (al 6° gol in campionato) all’inizio della ripresa sono stati i marcatori dell’incontro.

Il Tuttocuoio è stato fermato sul pari interno (1-1) dal Prato (22 p). In vantaggio all’inizio dell’incontro con Colombo (al 7° gol in campionato) che, ricevuta palla da rimessa laterale, ha insaccato in rovesciata, i padroni di casa hanno sfiorato più volte il raddoppio colpendo anche 2 pali nel primo tempo. Nella ripresa, quando ormai sembrava che la vittoria fosse cosa fatta, ad una decina di minuti dal termine i lanieri hanno riagguantato l’incontro con Bocalon (all’11° gol in campionato).

Il Forlì (26 p) non è riuscito ad avere la meglio (0-0) della Pro Piacenza (14 p). E’ stato tutto sommato un risultato giusto, visto che le 2 squadre non sono riuscite quasi mai ad impensierire le difese avversarie: è da segnalare soltanto un’ottima parata del portiere ospite Alfonso, su un colpo di testa di Morga.

Per quanto riguarda il prossimo turno, domenica 25 alle ore 18 l’Ascoli affronterà al “Del Duca” il Tuttocuoio in un’incontro da non fallire; il Teramo dovrebbe avere un turno favorevole affrontando fra le mura amiche il Forlì, sabato 24 alle ore 19,30; domenica 25 alle ore 16 il Pisa giocherà a Gubbio, in una partita che si preannuncia non facile; l’Aquila farà visita ad un Prato in caduta libera, domenica 25 alle ore 14,30; fra le squadre di testa la Reggiana sarà la prima a scendere in campo, sabato 24 alle ore 17, ospitando il Grosseto.


Mauro Di Virgilio