IL PUNTO SULLA 22^ GIORNATA LEGA PRO – GIRONE B

Spread the love

ascolipicchio1898L’Ascoli (41 p) resta in vetta.  Grazie alla sonante vittoria (4-1) ottenuta contro il Tuttocuoio (27 p), i bianconeri hanno mantenuto il comando della classifica: è stato Mustacchio (al 4° gol in campionato) ad aprire le ostilità, con una splendida rovesciata dopo appena 3 minuti di gioco. Dopo una fase di stallo, gli ospiti hanno pareggiato con Balde (al 1° gol in campionato) una decina di minuti prima dell’intervallo: ma, un’attimo prima del duplice fischio arbitrale, il Picchio ha guadagnato un calcio di rigore con Dell’Orco, prontamente trasformato da Altinier (all’ 8 gol in campionato). La ripresa è stata un monologo da parte dei padroni di casa, che hanno segnato altre 2 reti: Altinier (al 9° gol in campionato) ha realizzato la doppietta personale, dopo nemmeno un quarto d’ora, sfruttando al meglio una perfetta azione corale; Addae (al 2° gol in campionato) ha chiuso l’incontro, attorno alla mezz’ora, con un preciso bolide di destro dal limite dell’area.

Il Teramo (40 p) mantiene la seconda posizione, battendo (3-1) come da pronostico il Forlì (26 p): è stata ancòra una volta la “premiata ditta” Donnarumma-Lapadula (19 gol realizzati) a consegnare i 3 punti ai padroni di casa. Lapadula (al 9° gol in campionato) ha aperto le marcature, attorno alla metà della prima frazione di gioco. Nella ripresa Donnarumma ha realizzato una doppietta (9° e 10° gol in campionato), inframezzata dalla rete del subentrato Rosafio (al 1° gol in campionato) per il vano tentativo di rimonta da parte degli ospiti.

La Reggiana (38 p) si issa al terzo posto, grazie alla vittoria (1-0) sul Grosseto (25 p). E’ bastata una rete di Bruccini (al 4° gol in campionato), alla mezz’ora di gioco, a decidere l’incontro: il centrocampista granata ha realizzato sulla respinta del portiere ospite di un calcio di rigore da lui stesso battuto. I maremmani, rimasti in 10 uomini per l’espulsione di Ferraro nell’occasione del rigore assegnato (quantomeno dubbio), non sono mai stati in grado di riaprire il match ed hanno terminato la partita in 9 uomini a causa dell’espulsione di Formiconi per doppia ammonizione.

Il Pisa e l’Aquila proseguono il loro cammino a braccetto (37 p).

Il Pisa ha impattato (1-1) sul campo dell’ostico Gubbio (30 p). La prima frazione di gioco era terminata a reti bianche con gli ospiti molto vicini al vantaggio: dapprima era stato il portiere di casa Iannarilli a respingere diversi tiri, poi c’è stato l’errore dal dischetto del rigore di Arrighini. La ripresa era iniziata sulla falsariga del primo tempo, ma i padroni di casa si sono portati a sorpresa in vantaggio con Regolanti (all’ 8° gol in campionato) verso la metà del tempo. Ad una decina di minuti dal termine, i nerazzurri hanno raggiunto il pari grazie ad una rete del neo-entrato Beretta (al 1° gol in campionato).

L’Aquila conquista un punto (1-1) sul campo del rinato Prato (23 p). Dopo un primo tempo chiuso a reti inviolate e di chiara marca toscana, la ripresa è stata più equilibrata: ad un quarto d’ora dal termine gli ospiti sono andati in vantaggio grazie al solito Sandomenico (al 9° gol in campionato), ma dopo nemmeno 3 minuti i padroni di casa hanno raggiunto il meritato pareggio grazie a Fanucchi (al 5° gol in campionato).

A quota (32 p) l’Ancona è stata raggiunta dal Pontedera, dopo la sconfitta (4-1) nello scontro diretto giocato in Toscana: mattatore dell’incontro è stato l’attaccante dei padroni di casa Cesaretti (al 2°, 3° e 4° gol del campionato), autore di una tripletta. Il primo tempo era terminato con una rete per parte: a Cesaretti, che aveva iniziato il proprio show personale, aveva risposto Tavares (al 5° gol in campionato) su calcio di rigore. Nella ripresa si è scatenata la furia dei granata, che hanno realizzato tre reti in meno di venti minuti (fra il 63^ e l’81^ minuto): i due gol di Cesaretti sono stati inframezzati dall’autorete di Dierna.

La Carrarese (29 p) si è fatta imporre il pari casalingo (0-0) dal fanalino di coda San Marino (16 p). Nonostante un discreto predominio territoriale, i padroni di casa non sono stati capaci di tramutare in gol le innumerevoli occasioni create (soprattutto nel primo tempo).

La Spal (28 p) ha pareggiato (0-0) in casa del Santarcangelo (20 p). In una partita piuttosto equilibrata, gli ospiti sono andati più vicini al gol: sia per imprecisione però, sia per un’ottimo intervento del portiere di casa Nardi nel primo tempo, non ci sono riusciti.

A quota (27 p) la Lucchese raggiunge Pistoiese e Tuttocuoio.

La Lucchese ha espugnato (0-3) il campo del Savona (25 p). In una partita a senso unico, i rossoneri ospiti sono passati in vantaggio attorno alla metà del primo tempo con Forte (al 5° gol in campionato). Nella ripresa, Raicevic (al 2° gol in campionato) attorno al quarto d’ora di gioco e Lo Sicco (al 6° gol in campionato) nell’ultimo dei 4 minuti di recupero hanno fissato il punteggio. Per i padroni di casa è da segnalare soltanto un palo di Demartis sul finire del primo tempo: la panchina di Aloisi inizia a “scottare”.

La Pistoiese è stata sconfitta (2-0) sul campo della Pro Piacenza (17 p). Dopo aver sofferto per un tempo e mezzo, a sorpresa i padroni di casa sono andati in vantaggio con un cross di Matteassi (al 4° gol in campionato), grazie ad una “papera” del portiere ospite Ricci. Nell’ultimo dei 5 minuti di recupero, su azione susseguente ad un calcio di punizione per gli arancioni dalla trequarti (ed il portiere avversario in area), gli emiliani hanno raddoppiato con Speziale (al 1° gol in campionato), lanciato in contropiede verso la porta sguarnita.

Per quanto riguarda il prossimo turno, l’Ascoli sarà impegnato nel più classico dei testacoda sul campo del San Marino, lunedì 2 feb alle ore 20,45; il Teramo affronterà una trasferta insidiosa come quella di Ancona, sab 31 gen alle ore 16,00; la Reggiana farà visita al difficile campo della Pistoiese, sab 31 gen alle ore 14,30; il Pisa riceverà il Savona, per una partita dal pronostico scontato, sab 31 gen alle ore 17,00; l’Aquila ospiterà il rimaneggiato Pontedera, dom 1 feb alle 14,30.

Mauro Di Virgilio