La mostra dal titolo ‘L’emancipazione femminile attraverso i Giochi Olimpici’ organizzata dal Panathlon Club di Ascoli Piceno si trasferisce a Roccafluvione

Spread the love
salta1
Dopo il successo riscontrato ad Ascoli, la mostra dal titolo ‘L’emancipazione femminile attraverso i Giochi Olimpici’ organizzata dal Panathlon Club di Ascoli Piceno si trasferisce a Roccafluvione. Verrà inaugurata infatti domani pomeriggio alle ore 19 nella Sala Consiliare del Comune di Roccafluvione la mostra che è stata ospitata fino a domenica scorsa nella Sala dei Mercatori di Palazzo Arengo in Piazza Arringo. Una mostra che era stata inaugurata dal vice sindaco Donatella Ferretti e dal delegato provinciale del CONI, Armando De Vincentiis e illustrata dalla professoressa Gigliola Gori. Nella conviviale che era seguita, il Panathlon aveva anche presentato due nuovi soci: Danilo Specchi e Francesco Quondamatteo. L’esposizione ha riscosso grande successo di pubblico e di critica tanto che il presidente Francesco Silvi l’ha voluta trasferire tra i Sibillini proprio per continuare a farla fruire al popolo Piceno. A Roccafluvione la mostra rimarrà allestita fino a domenica 24 luglio. L’esposizione è stata curata dalla Prof.ssa Adriana Balzarini ed è stata esposta in precedenza presso il Parlamento Europeo e presso le principali città italiane. Dopo l’inaugurazione seguirà la conviviale al ristorante “Donna Rosa”. 

Saranno presenti oltre al Sindaco di Roccafluvione, Francesco Leoni, il Governatore dell’area 5 (Marche Emilia Romagna) Luigi Innocenzi, i Presidenti dei Club Panathlon delle Marche, una delegazione di Macerata guidata dalla presidente Barbara Morresi e le donne medico dell’Aidm di Ascoli che hanno partecipato all’allestimento grazie all’interessamento della panathleta Laura Miriam Pallotta.

La mostra si inserisce nell’atmosfera dei prossimi giochi olimpici di Rio 2016 ed è composta da una serie di quadri riepilogativi di quanto siano state importanti le donne nelle Olimpiadi e dei loro successi. ‘Abbiamo voluto proseguire questa esposizione – ha dichiarato il presidente Francesco Silvi – orgogliosi di appartenere a questo bellissimo territorio a sud delle Marche che oltre a divulgare le sue eccellenze promuove anche i valori etici dello sport’.