L’Aquila non da scampo ad un Picchio troppo arrendevole.

Spread the love

10915136_757686870984831_4404311906514085650_nL’Ascoli esce sconfitto dal campo dell’Aquila nella 21 giornata del campionato di Lega Pro girone B. Il 3-0 permette alla formazione abruzzese di salire al secondo posto a due punti dall’Ascoli. L’Ascoli non si può permettere prove del genere se vuole puntare a vincere il campionato.

Le assenze non favoriscono il lavoro di mister Petrone, il mercato è aperto. Mister Petrone rivoluziona la squadra ammirata una settimana fa nel 6-3 contro la Pistoiese schierando una formazione più coperta con un 4-4-2 con  coppia di attacco Altinier e Perez davanti e in panchina siedono Berrettoni e Carpani e fa subito esordire dal primo minuto il neo acquisto Nardini. Da segnalare la dedica con un striscione durante la gara  a Franco Baiocchi, il tifoso morto dopo un ictus che lo ha colpito una settimana fa: “I guerrieri della sud non muoiono mai. Franco sempre con noi”.

 

 

La gara:

L’avvio della gara è brillante per l’Ascoli e al 5′ si rende pericoloso con un colpo di testa di Perez ma Zandrini è attento e para. La reazione Aquilana è all’8′ con Corapi ma la conclusione al volo termina al  lato. L’Ascoli appare ben disposto in campo e controlla senza apparenti problemi. L’Ascquila alza il ritmo e al 22 è Maccarone è bravo a rendersi pericoloso  di testa ma la palla va sopra la traversa. Al 27′ l’Acquila trva il vantaggio da una ripartenza avviata da Corapi, Virdis è bravo di esterno a scavalca con un pallonetto Lanni. 1-0. La reazione dell’Ascoli si concretizza al 31 con una punizione di Mengoni la prima conclusione si infrange sulla barriera e sulla respinta para Zandrini. L’Acquila si dimostra un vero rapace e al 35′ raddoppia con  Sandomenico. 2-0. L’Ascoli fatica a reagire e la prima frazione scorre senza grandi emozioni e dopo un minuto di recupero la prima frazione si chiude con l’Aquila in avanti per due reti a zero.

La seconda frazione si pare con gli stessi 22 che hanno chiuso la prima frazione. L’Ascoli non è in giornata e non riesce a creare mentre alla formazione allenata da Mr Zavettieri la giornata è da incorniciare e al 19′ la gara si chiude con il terzo gol di Djuric bravo a sfruttare al massimo il calcio d’angolo battuto dalla destra da Corapi. L’Ascoli prova a reagire ma la prima vera conclusione in porta giunge al 39′ con un colpo di testa di Perez alzato in corner da Zandrini. La gara nonostante l’Ascoli provi a creare gioco si chiude con la vittoria dell’Aquila per 3-0.  Al ‘Fattori’ sembrava di giocare al del duca grazie alla massiccia presenza di tifosi bianconeri, circa 1300  che hanno sostenuto  dall’inizio la squadra .

L’Aquila – Ascoli  3-0

L’AQUILA: Zandrini, Pomante, Pedrelli, Corapi, Maccarrone, Carini, Scrugli, Djuric (39′ st Gotti), Virdis (24′ st Perna), Sandomenico (32′ st De Francesco), Pozzebon. A disp: Cacchioli, Karkalis, Triarico, Bernasconi. All: Zavettieri

ASCOLI: Lanni, Pelagatti, Dell’Orco (6′ st Berrettoni), Pirrone, Mengoni, Cinaglia, Mustacchio (42′ st Giovannini), Addae (22′ Carpani), Perez, Altinier, Nardini. A disposizione: Ragni, Mori, Barison, Gualdi. All. Petrone

Arbitro: Baroni di Firenze

Reti: 27′ pt Virdis, 35′ pt Sandomenico,19′ st Djuric

Ammoniti: Djuric, Mengoni

 

 

Lovato: i tifosi sono stati fantastici noi in campo non siamo riusciti ad emularli. nelle ultime due gare abbiamo faticato. noi abbiamo costruito pochissimo. dobbiamo ripartire.