Mr Zanetti,”al di là della dell’aspetto della classifica e noi dobbiamo e vogliamo ritornare a vincere”

Mr Zanetti parla della sconfitta di Pordenone e della gara interna di giovedì 26 dicembre alle ore 18 allo stadio “Del Duca” 18esima giornata del campionato di Serie B. Il mr Zanetti inizia dala sconfitta di Udine contro il Pordenone”  è stata una partita particolare come hai detto bene la partita che va analizzata in maniera molto specifica sono solo partiti molto bene ma ho avuto due occasioni avevamo lo 82% del possesso palla in quel momento e nel giro di 4 minuti siamo trovati sotto 20 il primo gol è stato un gol sicuramente fortunoso però nel secondo gol Secondo me abbiamo perso la partita è stato lì nostro il nostro errore e Con questo non voglio dire che è stato un errore individuale voglio dire che c’è stata una serie di situazioni dove abbiamo regalato un fallo laterale e con il portiere che anche che non è uscito poi il fallo laterale gli altri sono riusciti a uscire da un fazzoletto abbiamo concesso un grosso dove li siamo stati poco cattivi nel contrastare e poi un uomo solo in aria non l’abbiamo mercato

Quindi questo è un po’ quello che a noi ci manca servizio intrasferta poi dopo sul 20 sono stati un po’ gli equilibri e gli ho fatto un cambio sicuramente Iper offensivo e perché eravamo veramente sotto quindi scoprendo magari un po’ il fianco è la reazione mi aspettavo che arrivasse un po’ prima se fosse arrivata prima a mio avviso potevamo anche di metterlo a posto Come è già successo altre volte solo che abbiamo fatta un po’ in ritardo e quindi in questa partita una partita negativa per alcuni punti di vista non disastrosa come si vuole fare passare Secondo me rivedendo dalla partita se ci sono state delle buone cose sono state invece delle cose non buone per quello che mi aspettavo dal punto di vista caratteriale quindi credo che è contro una squadra caratteriale noi dovevamo avevamo l’obbligo di essere caratteriali perché credo che il Pordenone  dimostrato di essere in alto non tanto perché fa  calcio champagne ma perché ha un agonismo e evince talmente tanti duelli che è lunga lo ha portato a fare a Trento un po’ di queste sono le date quindi noi dobbiamo imparare da queste cose L’hanno detto anche dopo Cittadella che noi sono quegli aspetti che sicuramente dobbiamo migliorare” e prosegue sulla situazione infortuni”

È chiaro che vorrei cambiare meno possibile però sono considerazioni di campo e oggi ancora non ho il quadro ben completo perché sono passati troppo poche ore e oggi parecchi giocatori avevano degli acciacchi e anche a livello di recupero non avevano ancora recuperato quindi penso che domani avrà le idee un po’ più chiare però non escludo che ci sia qualche cambio nella formazione titolare lavorando sulle situazioni è vero Perché onestamente noi concediamo delle cose in maniera abbastanza facile su quelle che sono magari delle marcature oppure ci facciamo saltare troppo facilmente oppure concediamo pochi cross è molto grossa Noi siamo una squadra che a mio avviso ancora contrasta troppo poco per quello che è per quello che dovrebbe essere il minimo sindacale vogliamo contrastare molto di più al di là che in campo ci siano due punte tre punte questo significa tutto non significa niente quello che è il concetto di squadra abbiamo messo sicuramente più aggressivi molto più attenti nella fase difensiva lavorare più in maniera corale e soprattutto avere la disponibilità totale da parte dei giocatori al sacrificio e alla voglia di non prendere gol che esattamente quello che è successo contro Cittadella perché al di là della loro veemenza della loro corsa il secondo tempo di Cittadella con tre punte in campo non ce l’ho mai tirato in porta perché avevamo una grandissima attenzione e una grandissima predisposizione quello è l’esempio che anche quattro punte in campo si possano subire nulla contro una squadra forte Quindi io al di là di aspetti pratici che lo devo migliorare questo e noi abbiamo le nostre lacune il Pisa ha le loro lacune Perché Perché sennò la classifica sarebbe diversa quindi io non lavorerà sulle sue.

Il tecnico dei toscani ha dichiarato di non temere l’Ascoli che,a molta qualità in avanti ma concede qualcosa in difesa, come si può migliorare? lavorando sulle situazioni è vero Perché onestamente noi concediamo delle cose in maniera abbastanza facile su quelle che sono magari delle marcature oppure ci facciamo saltare troppo facilmente oppure concediamo pochi cross è molto grossa Noi siamo una squadra che a mio avviso ancora contrasta troppo poco per quello che è per quello che dovrebbe essere il minimo sindacale vogliamo contrastare molto di più al di là che in campo ci siano due punte tre punte questo significa tutto non significa niente quello che è il concetto di squadra abbiamo messo sicuramente più aggressivi molto più attenti nella fase difensiva lavorare più in maniera corale e soprattutto avere la disponibilità totale da parte dei giocatori al sacrificio e alla voglia di non prendere gol che esattamente quello che è successo contro Cittadella perché al di là della loro veemenza della loro corsa il secondo tempo di Cittadella con tre punte in campo non ce l’ho mai tirato in porta perché avevamo una grandissima attenzione e una grandissima predisposizione quello è l’esempio che anche quattro punte in campo si possano subire nulla contro una squadra forte Quindi io al di là di aspetti pratici che lo devo migliorare questo e noi abbiamo le nostre lacune il Pisa ha le loro lacune Perché Perché sennò la classifica sarebbe diversa quindi io non lavorerà sulle sue

Per quando riguarda il mercato il Mr è preciso” io non sono ancora un allenatore che si può permettere di dire voglio Tizio Caio Sempronio e io io posso permettermi Invece di dire quelle che sono secondo me le caratteristiche che servono le lacune che abbiamo a mio avviso come come organico e sommando tutte considerazioni di campo che io faccio da allenatore quelli che sono i giocatori. Io penso che noi abbiamo un direttore molto bravo e che sa so parlare molto bene con il quale sono in grande sintonia però in questo momento io ho l’obbligo di rimanere concentrato su questa partita eh perché dobbiamo arrivare a quel momento in una in una buona posizione.

Conclude parlando ancora della gara contro il Pisa” sentiamo la pressione della partita indipendentemente dalla dell’avversario che noi veniamo da una sconfitta dove una classifica molto corta e una vita adesso avrebbe portato al terzo posto solitaria pensate voi che invece oggi siamo qua a ragionare di altro E quindi questo comunque ci fa capire che è normale in questo campionato enfatizzare molto una vittoria come anche tanto normale avere sempre la tendenza a battersi in maniera esagerata quando si perde Quindi noi invece devo fare esattamente l’opposto mantenere l’equilibrio ogni partita vale tre punti la parete in casa per noi sono determinanti e quindi al di là della dell’aspetto della classifica e noi dobbiamo e vogliamo ritornare a vincere Compatibilmente sempre con la forza dell’avversario.