Romano Fenati: “In Australia abbiamo lavorato bene per tutto il weekend,

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo la tappa australiana che ha visto Tony Arbolino e Romano Fenati protagonisti di una gara senza esclusioni di colpi, gli Snipers si preparano per l’ultima tappa asiatica, penultimo round della stagione: Sepang, Malesia. In ballo c’è ancora il secondo posto in campionato, quattordici punti separano Tony dall’obiettivo e il pilota di Garbagnate è pronto al tutto per tutto per raggiungerlo. Il Sepang International Circuit è un tracciato veloce, lungo circa 5,5 km, presenta 15 curve, 5 a sinistra e 10 a destra e 8 rettilinei, il più lungo misura 920m. Una pista impegnativa, non solo per il layout ma anche per le temperature e l’alto tasso di umidità che mettono a dura prova la preparazione fisica dei piloti.

Tony Arbolino: “Siamo arrivati in Malesia, una pista che mi piace molto. Lo scorso anno sono andato veramente forte qua, alla fine quest’anno ogni gara è una storia a sé. Dobbiamo lavorare bene, trovare l’assetto giusto per questa pista, migliorare sicuramente il risultato del 2018 e avvicinarci al secondo posto in classifica”.

Romano Fenati: “In Australia abbiamo lavorato bene per tutto il weekend, siamo stati davanti in gara ottenendo anche il giro veloce, ci è mancato solo il risultato finale. Arriviamo a Sepang motivati, sappiamo di avere una buona base e sicuramente inizio questo weekend in una migliore forma fisica”.

*****

After the Australian weekend that saw Tony Arbolino and Romano Fenati protagonists of a race no holds barred, the Snipers are preparing for the last Asian race and second to last round of the season: Sepang, Malaysia. The second place in the championship is still reachable, fourteenth points are separating Tony from the goal and the rider from Garbagnate is ready to give everything to get it.

The Sepang International Circuit is a fast track, about 5,5 km long with 15 corners, 5 left and 10 right and 8 straights, the longest ones measures 920m. It’s a demanding track, not only for the layout but also for temperatures and the high humidity that put a strain on the physical preparation of the riders.

Tony Arbolino: “We arrived in Malaysia, a track I like a lot. Last year I was really strong here, but this year every race has its own history. We need to work well, find the right set up for this track, improve the 2018 result and for sure get close to the second position in the world standing“.

Romano Fenati: “In Australia we worked well for the whole weekend, we were ahead in the race by getting also the fast lap, we only missed the final result. We arrive in Sepang motivated, we know we have a good basis and for sure I start this weekend in a better physical condition“. 

Print Friendly, PDF & Email