Rugby Seniores: Valmetauro Rugby vs Amatori Rugby Ascoli : 26 a 27

Spread the love
DSC_03961L’Ascoli torna in trasferta dopo la brutta sconfitta casalinga contro il Camerino. Voglioso di un pronto riscatto, scende nell’arena melmosa degli urbinati, battuti in casa nel girone d’andata. Inizio gara, giornata fredda su un campo a dir poco melmoso, stabilità precaria e palla scivolosa. I padroni di casa iniziano bene, determinati a ribaltare il risultato dell’andata, l’Ascoli subisce la pressione e “la luce” non si accende. Il Valmetauro, va facilmente in meta in due occasioni, molto simili, con la linea di difesa ascolana, praticamente, immobile. Gli ascolani accusano il colpo, la reazione stenta ad arrivare ed arriva la terza meta per gli urbinati, fiammata dei tre quarti ascolani e l’ala Luca Celani realizza i primi punti per la propria squadra ma, sono di nuovo i padroni di casa ad allungare le distanze con un’altra meta. Prima della fine del primo tempo, bell’inserimento dell’estremo Alfredo Vaglieco su un’azione alla mano dei tre quarti e, l’Ascoli va di nuovo in meta. Si va a riposo sul punteggio di 26 (tre trasformazioni) a 10. Sulla panchina dell’Ascoli, l’allenatore Gianluca D’Amico, chia ma a raccolta la squadra, analisi del primo tempo, nuove strategie per il secondo. L’Ascoli torna in campo determinato, voglioso di ribaltare il punteggio, cerca di fare il suo gioco, manca di lucidità, il primo quarto d’ora scorre via, poi, una fiammata vera, Vaglieco sale in cattedra e realizza la terza meta trasformata dal solito Daniele Malloni oggi terza linea, i ragazzi di Flaiani insistono, l’apertura Andrea Del Prete apre un’ottimo pallone sul primo centro e capitano della squadra Andrea Narducci, non si fa pregare, si convince e penetra nella linea difensiva avversaria fino a depositare l’ovale in meta, Mallo trasforma, 26 a 24. Gli urbinati tremano, gli ascolani vogliono la vittoria, i minuti passano, l’arbitro ci mette di suo espellendo con un giallo il nostro indomabile mediano di mischia Giuseppe Fioravanti, anche con un’uomo in meno è sempre l’ascoli ad attaccare, fino ad un minuto dalla fine della gara quando guadagna una punizione, la posizione e decentrata rispetto ai pali, qualcuno grida di giocarla, qualcuno, decide per i pali, pali! Il cielo diventa di un grigio pumbleo, il vento gelido sferza le maglie dei giocatori, in panchina si guarda altrove, qualcuno dice: questa volta ce la mette!!! sono sicuro! Il sadismo di Malloni non ha limiti, effettua tutti i rituali possibili prima di calciare, l’attesa è gravosa, Malloni parte e, calcia, la palla vola lentamente verso la parte alta dei pali e li centra lambendo la parte interna del palo sinistro, i guardalinee sventolano in alto, l’arbitro fischia la fine e la vittoria ascolana, 26 a 27. Uff! Note: nelle file ascolane oggi erano assenti ben 5 titolari. Man of the match: Daniele Alesi. Ottimo esordio (prima gara) del neo-pilone Gabrieli Umberto, ha confermato le sue qualità il giovane Fulvi Leonardo. Un ringraziamento particolare da parte di tutti a Serafini Fabio e Narducci Federico.