GUIDO CASTELLI RESPONSABILE NAZIONALE AUTONOMIE LOCALI PER FRATELLI D’ITALIA

Sblocco finanziamento per riqualificazione capannone ex Sauc e rigenerazione ex Caserma Vellei: comunicato di Guido Castelli

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo sblocco del finanziamento relativo alla riqualificazione del capannone ex Sauc di Campo Parignano ed alla rigenerazione urbana dell’area San Pietro e Paolo/ex Caserma Vellei consentirà l’attuazione di un progetto particolarmente importante per la Città che – d’intesa e con la fondamentale collaborazione dell’allora assessore alla cultura Giorgia Latini – concepimmo non solo in chiave edilizia ma anche socio-culturale. La nostra idea era quella di perfezionare il rilancio di un’area che era stata già liberata dall’obbrobrio del vecchio “trenino” e che avevano già nobilitato con la nuova piazza ripavimentata antistante la chiesa di San Pietro e Paolo.
Fu così che – quando la legge di stabilità per il 2015 dispose un importante finanziamento per il recupero delle aree degradate – decidemmo di allestire un team progettuale fortemente innovativo che si è avvalso della collaborazione di molte realtà (melting pro, art doc, pagepha, defloyd, Sestiere ecc.). Ne è derivata una proposta di grande prestigio che si è collocata in posizione utile, ai fini della graduatoria nazionale, per essere ammessa a finanziamento. Ricerca culturale, socialità, innovazione, tradizione: tutto questo è stato mixato in un progetto che potrà essere decisivo anche ai fini della candidatura di Ascoli a capitale della cultura. La nostra, del resto, è una città all’avanguardia nel campo della rigenerazione urbana. È l’unica in Italia ad aver ottenuto sia il finanziamento di 18 milioni per la rigenerazione urbana (Monticelli) che il finanziamento di 1,7 milioni per il recupero delle aree degradate ( Campo Parignano). Il segreto? Avere visione e strategia. In bocca al lupo al nostro Marco Fioravanti affinché possa realizzare un progetto che nasce da lontano e che porterà Ascoli molto avanti.

comunicato di Guido Castelli

Print Friendly, PDF & Email