Settimana della Famiglia: sabato 12 aprile incontro PREVENZIONE TUMORI

altNell’ambito delle iniziative della Settimana della Famiglia programmati dall’amministrazione comunale di Ascoli, la giornata di sabato 12 aprile sarà tutta incentrata sul tema della prevenzione dei tumori al seno. Il presidente del Lions Club Colli Truentini, Bruno Formichetti, ha infatti organizzato alle ore 10 all’Auditorium della Gioventù in zona Pennile di Sotto, un incontro con gli studenti delle scuole superiori dedicato al ‘Progetto Martina’, una ragazza che è diventata simbolo della lotta al tumore. Si tratta di un service nazionale promosso dal dottor Carlo D’Angelo che è candidato a Direttore Nazionale dei Lions Club. Saranno presenti studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri ‘Umberto I’, del ‘Mazzocchi’ e dell’Istituto ‘Ceci’. Nel pomeriggio alle ore 18, il dibattito si sposterà a Palazzo dei Capitani dove tre relatori d’eccezione come Fedro Alessandro Peccatori (Direttore dell’Unità di fertilità dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano – Fondazione Veronesi), Raffaele Sibilio (Docente di Sociologia all’Università Federico II di Napoli) e Oreste Davide Gentilini (Vice direttore della divisione di senologia dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano). I tre relatori parleranno di ‘Alimentazione, attività fisica e prevenzione dei tumori’.  Al termine del dibattito ci sarà l’inaugurazione della Mostra Fotografica curata da Silvia Formichetti e il ricavato delle offerte sarà devoluto ai progetti di ricerca in senologia finanziati dalla Fondazione Veronesi.
‘Ritengo – ha dichiarato il presidente del Lions Club Colli Truentini di Ascoli, Bruno Formichetti (nella foto) – che non si debba fare ‘gli struzzi’ e non persistere in atteggiamenti di negazione del problema. E’ necessario infatti prendere coscienza e mettere in atto piccoli ma indispensabili accorgimenti per evitare un tumore sottoponendosi a test diagnostici preventivi quando ci si sente sani. La scuola in questo senso può fare molto perché questa malattia può essere controllata e vinta e la conoscenza che ci si può difendere dai tumori permette a tutti, anche a chi non si ammalerà mai ma che vive con la paura di ammalarsi, di trascorrere con maggiore serenità la propria esistenza’.