“TRUFFLE&CO.”, LO CHEF RUBIO PROTAGONISTA A ROCCAFLUVIONE IL VOLTO DI “DMAX” AL FESTIVAL DEL TARTUFO

foto_chef_RubioOrmai è diventato a tutti gli effetti un autentico fenomeno televisivo, con la sua pagina Facebook che conta milioni di fans. Si tratta dello chef Rubio, il volto noto di “DMax” che sarà protagonista della seconda serata del “Truffle&Co”, il festival del tartufo nero pregiato in programma dal 2 al 6 gennaio al palazzetto di Roccafluvione, promosso da Elabora nell’ambito del progetto “Piceno Sense Of Place” finanziato dal Gal Piceno.

 

Rubio, infatti, si esibirà in un attesissimo show cooking sabato 3 gennaio alle 19, al PalaTruffle, per poi fermarsi anche a cena. Lo chef, all’anagrafe Gabriele Rubini, è un ex rugbista e fratello maggiore del professionista Giulio. Praticò il rugby a Roma fin dalla giovane età, esordendo in Super 10 nel 2002 con il Parma. Poi, divenuto atleta di interesse nazionale, la federazione ne bloccò il trasferimento per la stagione successiva fino a tutto il 2003-04. In quegli anni, tornato nella capitale, Gabriele fu al Rugby Roma fino al 2005 con 12 presenze in totale in serie A. Alla fine della stagione si trasferì in Nuova Zelanda, venendo reclutato dal Poneke RFC, club della provincia rugbistica di Wellington. Lì, per mantenersi, iniziò a lavorare in un ristorante, non ricevendo uno stipendio fisso dal club ma, in parallelo all’attività rugbistica, cominciò anche quella culinaria. Rientrato in Italia, Rubini nel 2007 giocò al Rovigo in Super 10 e, dal 2008, dapprima in serie A, poi in Eccellenza, con la Lazio, squadra nella quale chiuse la sua carriera agonistica nel 2011 a causa di un infortunio al crociato. Nel frattempo, però, lo chef Rubio aveva frequentato il corso internazionale di cucina italiana all’Alma, presso la quale si era diplomato nel 2010. Dopo il ritiro si trasferì in Canada per espandere le conoscenze culinarie e trovare nuove occasioni di lavoro, e dal ritorno in patria si è stabilito a Roma. Dal 2013, come noto, collabora con il canale televisivo “DMax” a un nuovo format ispirato al suo stile di vita avventuroso ed eclettico, dal titolo “Unti e Bisunti” di cui ha girato finora due stagioni, e scritto un libro. Ha poi condotto, sempre sulla stessa rete, “Il cacciatore di tifosi”, programma nato con l’intento di attirare nuovi sostenitori alla disciplina, prima del torneo rugbistico del “Sei Nazioni 2014”, ancora sul canale di Discovery. Dal 27 ottobre, invece, Gabriele è giudice, ancora per “DMax”, del talent “I Re della Griglia”. Egli, inoltre, è apparso anche nell’ultima puntata della terza edizione di “Pechino Express”, dove spiegava ai concorrenti la preparazione dei supplì.

 

L’inaugurazione della seconda edizione di “Truffle&Co”, invece, è prevista per venerdì 2 gennaio, a Roccafluvione, con il taglio del nastro che si svolgerà alle 11. Nel pomeriggio, invece, a partire dalle 16.30 la rassegna si sposterà a Venarotta, al teatro comunale, dove si svolgerà il convegno dal titolo “Agricoltura di qualità e sana alimentazione”, con la partecipazione del nutrizionista ascolano Mauro Mario Mariani, protagonista spesso nelle trasmissioni Rai, da “Uno Mattina” a “Porta a Porta”, il patron di Tipicità, Alberto Monachesi, l’agronomo Gabriella Di Massimo, l’assessore regionale Maura Malaspina ed Emiliano Pompei.

 

Infine, nel corso di “Truffle&Co”, oltre ovviamente a tante specialità e piatti a base di tartufo, i visitatori potranno degustare tante altre specialità tipiche del territorio, grazie alla presenza di decine di espositori: dalla mela rosa dei Sibillini al miele, dall’olio ai salumi, dal vino delle cantine picene allo zafferano, dai formaggi fino al gustoso anice verde di Castignano.