Anche il Cittadella conquista il Del Duca, sempre più vuoto.

altL’Ascoli è allo sbando, il cambio di allenatore non ha dato i suoi frutti. La sconfitta  interna per 1-0 contro il Cittadella conferma la grave crisi della compagini bianconera. Di fronte a poche migliaia di persone, nonostante i saldi di giornata sui biglietti, lo stadio si svuota sempre più.

Mr silva prova a creare una formazione con diverse novità dentro Pasqualini, Andelkovic insieme al confermato Ciofani sulla destra.Al centrocampo a sorpresa Sbaffo siede in panchina  sostituito da Vitiello. Trio è composto da Falconieri, Romeo e Papa Waigo. Mr Foscarini conferma il 4-3-3 con trio di attacco Di Roberto, Di Carmine, Maah.

La prima frazione si apre con la curva  sud semi deserta che ricorda mister Fabrizio Castori gridando ‘Castori.uno di noi’ e ‘Grazie Fabrizio’. I cori sono rivolti anche al neo Mister Silva, mentre ai giocatori solo grida molto chiari  “andate a lavorare”. L’Ascoli appare motivata e la prima occasione è bianconera . Al 4′ Falconieri di testa per Parfait ma il centrocampista non riesce la deviazione in porta. L’Ascoli prova ad imporre il proprio gioco, ma il cittadella non sta a guardare e al 24′ sfiora il gol con Di Carmine bravo ad anticipare tutti, ma Guarna respinge in angolo. La risposta della compagine bianconera è quasi immediata. Al 24 su punizione di Vitiello la palla ballava inpazzita in area ma  prima Andelkovic, poi Falconieri non riescivano a concludere in gol. Un minuto dopo è ancora Falconieri, a concludere dopo una cavalcata da metà campo. Ma la conclusione  debole veniva bloccata senza problemi da Cordaz. Al 34′ il Cittadella si porta in vantaggio su calcio di rigore realizzato da Di Roberto per fallo di Ciofani, sullo stesso Di Roberto.

La compagine bianconera appare aver subire lo svantaggio e scompare dal campo. Il duplice fischio chiude la prima frazione con il cittadella in vantaggio. La seconda frazione si apre con un Ascoli propositivo e la prima occasione è proprio dell’Ascoli  con Romeo l’attccante controlla di petto in area ma la sforbiciata volante  è controllata in due tempi da Pierobon, subentrato dal primo minuto del secondo tempo al posto di Cordaz. Mr Silva prova a cambiare ritmo togliendo un centrocampista Parfait ed inserendo una punta  Beretta e al 9′ è proprio  Beretta a rendersi pericoloso ma la sua conclusione è alzata sopra la traversa da Pierobon. La gara si spegne l’Ascoli non riesce a creare vere palle gol e al 42 rischia di subire il 2-0 ma Di Carmine è benevolo e mette fuori un gol fatto. La dea bendata non aiuta l’Ascoli quando al 47′ quando Falconieri, il migliore in campo, entrato in area, fa partire un tiro a giro a mezza altezza che si stampa, sul palo con Pierobon battuto. Il triplice fischi sancisce la sesta sconfitta consecutiva della compagine bianconera . I  giocatori  escono tra le urla e i fischi di un ‘Del Duca’ amareggiato.

 

 

ASCOLI (4-3-3): Guarna; Ciofani, Andelkovic (28’ st Giovannini), Faisca, Pasqualini; Di Donato, Vitiello, Parfait (5’ st Beretta); Falconieri, Romeo, Papa Waigo (12’ st Sbaffo). A disp.: Maurantonio, Pederzoli, Boniperti, Peccarisi. All.: Silva

CITTADELLA (4-3-3): Cordaz (1’ st Pierobon); Martinelli, Gasparetto, Pellizzer, Marchesan; Vitofrancesco, Baselli (41’ st Martignago), Busellato; Maah (28’ st Schiavon), Di Carmine, Di Roberto. A disp.: Branzani, Bellazzini, Gorini, Job. All.: Foscarini

ARBITRO: Sig. Candussio
ASSISTENTI: Sigg.: Melloni – Del Giovane
IV° UOMO: Sig. De Benedictis

RETI: 34’ pt Di Roberto rig.

NOTE: Prima della gara osservato 1’ di raccoglimento in memoria delle vittime dell’alluvione di Genova, città della Serie Bwin. Ammoniti: Ciofani (A), Pierobon (C), Faisca (A). Spettatori 2.307 (abbonati 1.139) per un incasso di 17.922,92 € (rateo abb. 11.004,92 €). Rec. 1’ pt, 5’ st