ASCOLI-COMO 3-3, Commenti post gara

L’Ascoli soffre ma conquista un pari che fa classifica, il 3-3 finale contro il Como è da ritenersi buono.

ASCOLI (3-5-2): Guarna; Simic, Botteghin, Bellusci (21’ st Mendes); Falzerano (1’ st Ciciretti), Collocolo, Eramo (36’ st Buchel), Caligara (36’ st Bidaoui), Falasco; Lungoyi, Dionisi (43’ pt Gondo). A disp. Bolletta, Salvi, Adjapong, Donati, Giordano, Giovane, Tavcar. All. Bucchi

COMO (4-3-3): Ghidotti; Vignali, Odenthal, Solini (41’ pt Binks), Ioannou; Iovine (25’ st Da Riva, 31’ st Celeghin), Bellemo, Arrigoni; Cerri, Mancuso (31’ st Gabrielloni), Cutrone (31’ st Blanco). A disp. Vigorito, Cagnano, Da Riva, Faragò, Scaglia, Ba, Delli Carri, Ambrosino. All. Longo

ARBITRO: Chiffi di Padova

RETI: 6’ pt aut. Cerri (C), 17’ e 29’ pt Mancuso (C), 28’ st Ciciretti (A), 34’ st Blanco (C), 38’ st Simic (A).

NOTE: ammoniti Bellemo (C), Falasco (A), Cerri (C), Da Riva (C), Mancuso (C), Vignali (C), Ioannou (C). Espulso al 17’ st Gondo(A). Spettatori 6.729 (3.912 abbonati) per un incasso di 58.222,70 € (rateo abbonamenti 31.165,70 €). Rec. 4’ pt, 5’ st.

Mister Bucchi “E’ difficile vincere in questo campionato, ci sono moltissimi pareggi, con due punti in più sei terzo in classifica, con due punti in meno sei in zona playout. Oggi siamo partiti molto bene, poi siamo autolesionisti, abbiamo preso gol in modo troppo banale. Il Como dal 1’ st ha iniziato a perdere tempo, se a Bolzano avessimo spezzato il ritmo con un po’ più di maestria… C’è stato un gradissimo secondo tempo in cui ho visto passione, animo, cuore e tecnica, quando abbiamo innescato gli uomini di qualità come Ciciretti, Falasco, Collocolo, abbiamo fatto molto bene e il pareggio è ampiamente meritato. Le ingenuità le abbiamo pagate a caro prezzo, ma poi grandissimo secondo tempo anche grazie al pubblico. Nei momenti difficili riusciamo a tirare fuori tutte le risorse, ma dovremmo farlo quando siamo 11 contro 11. Oggi l’arbitro è stato bravissimo, ci siamo messi in difficoltà da soli”.

Amato Ciciretti “E’ stata una gara differente rispetto a quella di Bolzano, oggi sono entrato in campo quando perdevamo 2-1 e poi siamo rimasti anche in dieci. Due volte siamo andati sotto e due volte siamo riusciti a recuperare lo svantaggio. Oggi trequartista? Fisicamente sto bene, ho trascorso mesi non semplici a livello calcistico e personale, questo ruolo è quello che ho sempre ricoperto fin dalle giovanili, ma, come ho detto a Bolzano, ricopro volentieri qualunque ruolo il Mister mi chiede. Il punto di oggi è fondamentale e ci dà una spinta in più in vista della gara col Pisa. Obiettivi? Ne parleremo a maggio, oggi il nostro obiettivo si chiama Pisa”.

Lorenzo Simic “Oggi è stata una battaglia, il primo gol è arrivato velocemente, poi addirittura stavamo perdendo, abbiamo pareggiato, oggi abbiamo dimostrato d’avere carattere e che siamo forti, questo conta, non il mio gol. Il Como ha attaccanti di alto livello e anche fisicamente alti, a volte siamo andati in difficoltà, ma dobbiamo imparare anche a gestire queste situazioni”.