I LEONI TENGONO TESTA A LIONE MA IL FINALE DICE 25-10

I Leoni sono impegnati nell’ostica trasferta di Lione, valida per il quarto round della Challenge Cup, la terza gara dei biancoverdi nel Pool B. La gara esterna in terra transalpina vede affrontarsi un Benetton che in due turni ha raccolto un successo e una sconfitta, contro un Lione che in tre match ha raccolto tre vittorie.

Allo Stade de Gerland, nel primo tempo la squadra di coach Bortolami gioca una gara accorta e decisa, segnando una meta con Brex, ma subendo due marcature di Lione, di cui la seconda è anche frutto di un rimbalzo dell’ovale fortunoso per i transalpini. Ad ogni modo è un primo tempo equilibrato e allo spogliatoio si va sul punteggio di 15-10 per i francesi.
Nella ripresa la sfida non decolla, ma i Leoni tengono testa alla fisicità dei francesi. Fino a dieci minuti dal termine la gara è in perenne equilibrio, ma Lione nel giro di un paio di minuti allunga definitivamente con la meta di Mignot, sfruttando la superiorità numerica per il giallo a Lucchesi. Alla fine è 25-10 per i transalpini che chiudono al primo posto il girone. Il Benetton si giocherà la qualificazione ad aprile nell’ultimo turno casalingo con Perpignan.

CRONACA PARTITA

Pronti, via e i Leoni sono bravi a tenere un ripetuto attacco francese, con un break di Padovani che permette ai biancoverdi di risalire campo. Il Benetton è tonico e con una grande azione manda Ioane sulla fascia sinistra, ma per una francesina di Berdeu non riesce a schiacciare in meta. I transalpini poi si riversano nella metà campo trevigiana e Kaabéche riesce a trovare lo spiraglio giusto per andare in meta. Berdeu trasforma e i padroni di casa sono avanti 7-0. Ma Negri e compagni sono ben dentro la partita e hanno una mischia nei 22 francesi. I Leoni sono sul piede avanzante e Nacho Brex di prepotenza va a marcare. Marin converte dalla piazzola. Gli uomini di Mignon prediligono il gioco aereo e sfruttano i rimbalzi particolari dovuti al vento e al campo sintetico. Poi per un’infrazione in ruck, Lione ha una punizione da buona posizione e Berdeu centra i pali per il nuovo vantaggio . I transalpini sono ancora in avanti, approfittano di una carambola favorevole dopo un calcetto di Doussain e Dumortier si invola per la seconda meta di Lione; stavolta Berdeu non mira i pali. Il Benetton Rugby però reagisce bene e guadagna un’altra punizione. Leonardo Marin è preciso e i Leoni tornano sotto il break. Così il primo tempo finisce con gli uomini di Mignoni sopra 15-10.

Inizia la ripresa senza cambi. Poi Bortolami decide di inserire Tetaz, Halafihi e Albornoz per Pasquali, Steyn e Benvenuti. I francesi entrano nei cinque metri trevigiani, ma il Benetton tiene con le unghie e risale la china. E’ inoltre il momento di Zani, Lucchesi e Zanon per Traore, Nicotera e Morisi. Il Benetton con un break di Albornoz e Halafihi vanno ad un passo dalla meta. Dopo altro cambio per i biancoverdi con Garbisi al posto di Braley. Iniziano a verificarsi diversi errori di manualità da ambo le parti. Ma Lione ha una punizione dai 25 metri, ma Sopoaga non mira i pali. Ultimo cambio per Bortolami, con Lazzaroni per Ruzza. Il pack del Benetton Rugby resiste, ma la partita non decolla quando mancano pochi minuti. Poi l’arbitro inglese Tempes ammonisce Lucchesi per ripetute scorrettezze degli ospiti. Sopoaga converte la punizione. Con l’uomo in meno i francesi ne approfittano e vanno in meta con Mignot. Sopoaga trasforma e Lione è avanti di oltre due break. Allora i francesi vincono 25-10.

Per non perderti nessuna notizia in arrivo dal pianeta biancoverde, iscriviti al canale Telegram del Benetton Rugby!

Marcature: 14′ meta Kaabéche tr. Berdeu, 18′ meta Brex p. Marin, 25′ p. Berdeu, 30′ meta Dumortier, 38′ p. Marin; 73′ p. Sopoaga, 75′ meta Mignot tr. Doussain.

Note: 73′ cartellino giallo a Gianmarco Lucchesi (BEN). Trasformazioni: Lyon Rugby 2/3 (Berdeu 1/2, Sopoaga 1/1); Benetton Rugby 1/1 (Marin 1/1). Punizioni: Lyon Rugby 2/3 (Berdeu 1/1, Sopoaga 1/2); Benetton Rugby: 1/1 (Marin 1/1). Man of the match: Doussain (LYO).

Lyon Rugby:

15 Clement Laporte (68′ Toby Arnold), 14 Xavier Mignot, 13 Thibaut Regard, 12 Charlie Ngatai, 11 Éthan Dumortier, 10 Léo Berdeu (62′ Lima Sopoaga), 9 Jean-Marc Doussain (61′ Jonathan Pélissié), 8 Jordan Taufua (c), 7 Patrick Sobela (68′ Colby Fainga’a), 6 Dylan Cretin, 5 Temo Mayanavanua, 4 Mickael Guillard (70′ Ugo Vignolles), 3 Hamza Kaabèche (52′ Francisco Gomez Kodela), 2 Yanis Charcosset (52′ Joe Taufete’e), 1 Vivien Devisme (52′ Jerome Rey).

Head Coach: Pierre Mignoni.

Benetton Rugby:

15 Edoardo Padovani, 14 Tommaso Benvenuti (46′ Tomas Albornoz), 13 Nacho Brex, 12 Luca Morisi (51′ Marco Zanon), 11 Monty Ioane (58′ Tommaso Benvenuti), 10 Leonardo Marin, 9 Callum Braley (56′ Alessandro Garbisi), 8 Braam Steyn (46′ Toa Halafihi), 7 Manuel Zuliani, 6 Sebastian Negri (c), 5 Federico Ruzza (61′ Marco Lazzaroni), 4 Niccolò Cannone, 3 Tiziano Pasquali (46′ Nahuel Tetaz), 2 Giacomo Nicotera (51′ Gianmarco Lucchesi), 1 Cherif Traoré (51′ Federico Zani).

Head Coach: Marco Bortolami.