Intervista al Campione italiano di lotta Grapling classes A Mirko Pignoloni

11295645_773840389401764_2083744082305959796_nCari amaci di Sport Piceno abbiamo ospite Mirko Pignoloni  campione italiani lotta Grapling classes A. E 1° classificato al torneo Grapling Di imola.  L’atleta ascolano è sorpreso per il risultato ottenuto nei campione italiani ” è una vittoria che giunge in modo abbastanza sorprendente visto che e la prima volta che affronto questa disciplina ” e prosegue sull’analisi del lavoro svolto per raggiungere l’obbiettavo” ho fatto tanti sacrifici per il peso ma vincere non me lo sarei mai aspettato  visto che ho gareggiato con i migliori in italia.” Prosegue spiegandoci la disciplina del Grapling ” il grapling e una disciplina di lotta gestita dalla figmma il quale suo regolamento prevede una vittoria ai punti controllando semplicemente l ‘ avversario in determinate posizioni , quello che meglio mi riesce , o per sottomissione , quali leve articolari strangolamenti e compressioni , nel quale l avversario deve arrendersi battendo la mano sul tappedo di gara “.  alla domanda ci sono i margini di miglioramento? la risposta è precisa “non conoscendo molto la disciplina penso che praticandola con più regolarità , e organizzandomi con gli impegni del lavoro posso togliermi belle soddisfazioni viste le ottime potenzialità , considerando che è una disciplina dove al minimo errore si può perdere un incontro dominato !” come altri sportivi non pratica solo questa disciplina e lo conferma ” io pratico regolarmente ,diciamo, la lotta 11145907_778074098978393_2197396743238104674_nlibera , sport olimpico che si sta perdendo come pratica  e che mi piacerebbe davvero rivalorizzare visto che e la base solida di tutti gli sport di combattimento.” Continuando nel discorso si è parlato dei prossimi obiettivi “Be’ condurre una vita serena e insegnare ciò che ho la fortuna di imparare  , obbiettivi sportivi non ne parlo perché bisogna prendere quello  che viene … vittorie e sconfitte … ci sarà un mondiale in vista … ne riparleremo … gli avversari ?? non li conoscevo e ho assolutamente vissuto il momento portandogli tanto rispetto e mettendocela tutta ! ”  nel salutarci i pensieri sono rivolti alle persone che lo sostengono e lo incoraggiano ” ringrazio Michele Maloni per avermi portato a gareggiare la mia società di lotta takedown di Ascoli Piceno e la palestra tonic dove insegno e mi alleno,  la mia famiglia che mi permette di gareggiare e la mia ragazza che mi sopporta ! concludo dicendo che lo sport con le vittorie ma soprattutto le sconfitte  insegna ai giovani a diventare uomini migliori …