Foto Marco Mantovani/FISPES

Atletica paralimpica: Diego Gastaldi correrà la staffetta Velletri-Nettuno per Obiettivo Tricolore

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

FISPES, rappresentata dall’atleta Diego Gastaldi, sostiene il progetto Obiettivo Tricolore, la grande staffetta di Obiettivo3 che attraverserà l’Italia per due settimane fino a domenica 28 giugno.
Il bronzo europeo degli 800 di corsa in carrozzina è uno dei 52 atleti paralimpici, scelti dall’associazione di Alex Zanardi, per lanciare un messaggio di rinascita legato all’emergenza sanitaria da coronavirus, passandosi di mano un testimone lungo tutta la penisola.
Il percorso, partito da Luino con destinazione Santa Maria di Leuca in Puglia, coinvolgerà atleti che correranno in handbike, in bicicletta o in carrozzina olimpica per 44 tappe all’interno di 14 regioni italiane.
Per questa staffetta, domenica 21 giugno Diego Gastaldi sarà impegnato a percorrere 30 km, partendo alle 13 dalla pista di atletica di Velletri dove si allena e arrivando alle 15 al Santuario di Santa Maria Goretti a Nettuno. L’atleta azzurro dice: “Mi avevano proposto di correre questa lunga distanza in handbike ma ho preferito la mia carrozzina da corsa, nonostante sia più complicato gestirla su strada. Amo il mio sport e ho voglia di diffonderlo in tutta Italia. Questa è l’occasione giusta per far capire che, davanti a qualsiasi difficoltà e proprio in questo momento storico, è quanto mai importante rimettersi in gioco”.
Il Presidente FISPES Sandrino Porru plaude all’iniziativa di Obiettivo3 cui la Federazione è legata con un protocollo d’intesa: “Il progetto Obiettivo Tricolore è un segnale importante per comunicare quel senso di rinascita che serve in un periodo che è stato molto duro per tutti e per rendere più visibile la possibilità di avvicinarsi alla pratica sportiva per chiunque abbia una disabilità”.
Alex Zanardi, pluricampione paralimpico e fondatore di Obiettivo3, dichiara: “I nostri ragazzi hanno una voglia enorme di sfruttare le opportunità che si trovano davanti per superare le difficoltà della vita. L’occasione è di compiere una piccola impresa che possa anche ispirare le persone, svelando come esista sempre spazio per reagire, per ripartire e incidere positivamente su un futuro che è ancora tutto da scrivere”.

 

Foto Marco Mantovani/FISPES

Print Friendly, PDF & Email