“Percorsi di contrasto alle cadute nella terza età”: al via il progetto Esercizi per migliorare l’equilibrio

“Percorsi di contrasto alle cadute nella terza età”: al via il progetto

Esercizi per migliorare l’equilibrio

0 0
Read Time:2 Minute, 43 Second

L’Associazione di volontariato Delta, grazie al sostegno dell’Unione Buddhista Italiana con i fondi dell’8 per mille destinati alla cosiddetta “Emergenza Coronavirus”, ha fatto partire in questi giorni una nuova iniziativa destinata alla popolazione anziana.

Si tratta del progetto “Percorsi di contrasto alle cadute nella terza età” a cui è possibile partecipare attraverso la visione di filmati che sono messi a disposizione gratuitamente sui canali di comunicazione dell’associazione ossia il blog https://advdelta.wordpress.com/, attraverso la pagina facebook A. di volontariato Delta o attraverso il canale Youtube Associazione di volontariato Delta.

I dati nazionali sulle cadute relativi agli anni dal 2016 al 2018, presentato dall’Istituto nazionale di sanità, sono particolarmente allarmanti.

Il problema delle cadute nell’anziano è particolarmente rilevante non solo per frequenza e per la gravità degli esiti nel caso di fratture, ma anche per le conseguenze sul benessere psico-fisico della persona, perché anche la sola insicurezza legata alla paura di cadere può limitare notevolmente lo svolgimento delle attività della vita quotidiana.
Nel biennio 2016-2018 il 9% degli intervistati ha dichiarato di essere caduto nei 30 giorni precedenti l’intervista. Di questi il 18% ha avuto necessità di un ricovero ospedaliero di almeno un giorno.
Le cadute sono più frequenti con l’avanzare dell’età (pari al 7% fra il 65-74enni raggiunge il 12% fra gli ultra 85enni) e fra le donne (10% rispetto al 7% negli uomini). Rilevante il gradiente sociale che mostra una quota più elevata cadute fra le persone con molte difficoltà economiche (15% rispetto 7% fra le persone senza difficoltà economiche). Anche le differenze geografiche sono significative e fra i residenti del meridione c’è una quota maggiore di cadute (10% rispetto al  7% fra i residenti nel Nord Italia). La caduta incute timore: circa 4 intervistati su 10 hanno paura di cadere e fra coloro che hanno già vissuto questo evento la paura di cadere è riferita da 7 persone su 10. La paura di cadere cresce con l’età, è maggiore fra le donne, fra chi ha molte difficoltà economiche o bassa istruzione, fra chi vive solo. La caduta è associata al malessere psicologico e la prevalenza di persone con sintomi depressivi fra le persone che hanno subito una caduta negli ultimi 30 giorni sale al 26% (rispetto al 13% del campione totale).

Le cadute avvengono per lo più all’interno della casa (64%) e meno frequentemente in strada (19%), in giardino (12%) o altrove (5%). Tuttavia la casa non è percepita dagli anziani come un luogo a rischio di cadute: solo 1 intervistato su 3 la reputa un luogo in cui è alta o molto alta probabilità di avere un infortunio. Questa consapevolezza cresce con l’età (43% fra gli ultra 85enni) è maggiore fra le donne (38% vs 26% fra gli uomini), e fra le persone con molte difficoltà economiche (42%) o bassa istruzione (37%).

Visto che in questo periodo si è costretti a rimanere a lungo a casa il progetto prevede esercizi di attività fisica da fare nella propria abitazione, per dunque contrastare la sedentarietà, che sono comunque finalizzati a mantenere e a migliorare l’equilibrio e dunque a prevenire le cadute.

La prima lezione è stata tenuta dal prof. Francesco Maggiore ed è già disponibile.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Next Post

Secondo avviso pubblico per la erogazione di BUONI SPESA

Secondo avviso pubblico per la erogazione di BUONI SPESA per l'acquisto della spesa alimentare e generi di prima necessità in favore dei cittadini colpiti dalla situazione economica determinatasi per effetto dell'emergenza COVID-19

Subscribe US Now